Ecco cosa sta succedendo a Boot Camp durante la transizione del silicio di Apple

155

Ingrandisci / Il MacBook Pro 13″ 2020 con macOS.

Samuel Axon

Quando Apple ha annunciato i suoi piani per la transizione del Mac al proprio silicio basato su ARM e lontano dall’architettura x86 utilizzata nei Mac Intel, l’azienda ha elencato una miriade di strumenti per assicurarsi che il maggior numero possibile di applicazioni sopravviva al cambiamento. Ma mentre è utile che Apple stia fornendo strumenti per sviluppatori per adattare le app Intel Mac e strumenti di virtualizzazione per eseguire le app che non si muoveranno subito, c’è uno scenario di cui Apple non ha affatto parlato durante il suo keynote: eseguire Windows in modo nativo su un Mac.

Attualmente, Apple offre uno strumento in macOS chiamato Boot Camp che facilita l’installazione di Windows su un’altra unità o partizione, direttamente da macOS. Include driver e altri vantaggi che rendono il processo molto più semplice di quanto potrebbe essere altrimenti. Una volta che gli utenti installano Windows con questo metodo, lo eseguono in modo nativo sulla macchina proprio come farebbero su un laptop Windows di Dell o Lenovo.

Sebbene la virtualizzazione tramite strumenti come Parallels o VMWare sia generalmente sufficiente per eseguire la maggior parte delle app Windows in macOS, ci sono alcuni casi limite in cui l’approccio Boot Camp è l’unica opzione. Uno dei più comuni: l’esecuzione di giochi per PC Windows, che tendono a funzionare in modo più ottimale su Windows rispetto a macOS, non importa quanto bene siano le porte. (Questo è, in parte, perché i giochi sono stati creati pensando a Windows, ed è anche perché i driver video macOS di Apple enfatizzano priorità diverse.)

Annuncio

Quindi cosa accadrà da Boot Camp a Big Sur, la prossima versione di macOS di Apple? E sarà un’opzione sui Mac con silicio Apple, il primo dei quali dovrebbe essere lanciato entro la fine dell’anno?

Abbiamo appreso che Boot Camp non funzionerà sui Mac Apple basati su silicio. Questa sarà sicuramente una sorpresa per quasi nessuno, ovviamente. Non puoi aspettarti di eseguire un gioco in modo nativo fuori dagli schemi su un’architettura completamente diversa.

Tuttavia, Boot Camp continuerà a essere supportato sui Mac basati su Intel in macOS 11 Big Sur. E mentre Apple afferma che il passaggio al silicio Apple da Intel richiederà circa due anni, Apple ha affermato che ha ancora in programma di lanciare nuovi Mac basati su Intel che non sono ancora stati annunciati. L’azienda si è inoltre impegnata a fornire una qualche forma di supporto a lungo termine per i Mac Intel.

Non conosciamo il destino di Boot Camp oltre Big Sur, ma sembra che non andrà da nessuna parte nell’immediato futuro, non se stai usando un Mac Intel, comunque. Boot Camp non sarà un’opzione per te se acquisti un Mac in silicone Apple, ma probabilmente l’hai già capito. Tuttavia, è bello avere un chiarimento, quindi eccolo qui.