Element rafforza la messaggistica decentralizzata del team con un aumento di $ 30 milioni

0
5

Tutte le sessioni di Transform 2021 sono ora disponibili on-demand. Guarda ora.

Lascia il Newsletter OSS Enterprise guida il tuo viaggio nell'open source! Iscriviti qui.

Element, la società dietro una piattaforma di messaggistica di squadra crittografata end-to-end basata sul protocollo Matrix, ha raccolto 30 milioni di dollari in un round di finanziamenti di serie B da una sfilza di importanti sostenitori, tra cui Metaplanet, WordPress del cofondatore di Skype Jaan Tallinn. com società madre Automattic, Protocol Labs e Notion.

In una settimana che ha visto Salesforce prendere ufficialmente Slack sotto la sua ala protettrice, la gigantesca acquisizione da $ 27,7 miliardi serve a ricordare tempestivamente l'importanza che la chat di gruppo e gli strumenti di collaborazione giocano in un mondo che ha rapidamente abbracciato il lavoro a distanza. In tandem, il software open source si sta infiltrando in quasi ogni angolo del mondo degli affari, una combinazione che mette Element in una posizione di forza.

Element, con sede a Londra, sviluppa un client di messaggistica open source su Matrix, un protocollo di comunicazione decentralizzato basato su standard aperti creato all'interno di Amdocs da Matthew Hodgson e Amandine Le Pape nel 2014. Il duo ha lasciato Amdocs nel 2017 per concentrarsi interamente sulla crescita e la commercializzazione di Matrix , prima attraverso una società chiamata New Vector, che ha sviluppato un servizio di hosting Matrix e un'alternativa Slack multipiattaforma chiamata Riot. Nel 2018, la Fondazione Matrix.org è nata per consolidare lo sviluppo di Matrix come entità no-profit neutrale, mentre l'anno scorso Hodgson e Le Pape hanno rinominato sia New Vector che l'app Riot come Element.

Sopra: Element: un'app di messaggistica istantanea basata su Matrix

Che cos'è esattamente Matrix e in che modo Element sta cercando di trarne vantaggio?

Metti mi piace all'email

Matrix può forse essere meglio paragonato a qualcosa come una rete telefonica o un'e-mail, nella misura in cui è un sistema di comunicazione interoperabile che non blocca le persone in un ecosistema chiuso. Con la posta elettronica, puoi inviare un messaggio a un'altra persona indipendentemente dal provider di servizi o dal client (app) che stanno utilizzando: gli utenti di Yahoo, Gmail, Outlook e ProtonMail possono scambiarsi messaggi a vicenda. Il protocollo Matrix sta cercando di raggiungere un obiettivo simile, ma con la moderna messaggistica basata su Internet nel mirino: in un mondo Matrix, gli utenti di WhatsApp possono comunicare facilmente con gli utenti di Slack e Skype.

Poiché Element è basato su Matrix, funge essenzialmente da catalizzatore per la crescita della più ampia rete Matrix. Chiunque utilizzi Element partecipa a una rete aperta e globale di decine di milioni di utenti, distribuiti su migliaia di implementazioni di diverse organizzazioni. Significa anche che qualcuno che sta usando Element non è bloccato in Element: può passare a qualsiasi altro client basato su Matrix e non perdere alcun dato.

Separatamente, un metodo chiamato "bridging" apre il supporto per app di terze parti non basate sul protocollo Matrix, tra cui Telegram, Slack, WhatsApp e strumenti di messaggistica open source rivali come Mattermost.

All'inizio di quest'anno, una nuova startup chiamata Beeper è entrata nella mischia, per gentile concessione di Eric Migicovsky, che ha venduto la sua precedente attività di smartwatch Pebble a Fitbit nel 2016. Beeper è un'app di chat universale basata su Matrix e utilizza il bridging per inoltrare messaggi tra più di una dozzina di app di chat tra cui iMessage, WhatsApp, Slack, Twitter, Hangouts e Facebook Messenger.

Sopra: Beeper: un'app di chat universale

La scorsa settimana è emersa anche la notizia che Gematik, l'agenzia nazionale tedesca responsabile della digitalizzazione del sistema sanitario del paese, stava passando a Matrix. Ciò ha seguito diversi anni di trasformazione digitale isolata che ha portato i vari enti sanitari incapaci di comunicare efficacemente tra loro, sollevando anche interrogativi sulla sicurezza e la privacy dei sistemi che avevano scelto per trasmettere dati medici riservati. Circa 150.000 organizzazioni separate costituiscono il sistema sanitario tedesco, che comprende ospedali, medici locali, cliniche, compagnie assicurative e altro ancora.

Il passaggio a Matrix offre alle diverse parti una certa flessibilità in termini di app specifiche che utilizzano. Possono avere casi d'uso diversi, ma aderendo a uno standard comune, tutte le app saranno comunque in grado di parlare tra loro.

"Questa è una grande impresa e finora ci sono 15 fornitori coinvolti, incluso Element", ha detto il CEO e CTO di Element Hodgson a VentureBeat. "Ci sarà una vasta gamma di app compatibili con il sistema di diversi fornitori".

Diverse altre società commerciali hanno precedentemente costruito prodotti su Matrix, tra cui Contestual Communication Cloud di Ericsson, un servizio gestito che consente alle aziende di integrare servizi avanzati di comunicazione e collaborazione nelle proprie applicazioni. E il gigante francese Thales ha lanciato un servizio di messaggistica istantanea per le aziende chiamato Citadel.Team, che non è troppo dissimile da Element.

Element ha anche recentemente rinnovato il suo contratto con il governo francese, attraverso il quale punta il suo set di strumenti di messaggistica e collaborazione a oltre 5,5 milioni di dipendenti pubblici in tutta la Francia, mentre l'anno scorso ha firmato un nuovo contratto con Dataport, vendendo licenze commerciali al sistema educativo tedesco.

Tutto sommato, sembra che Matrix abbia avuto più di un piccolo slancio, rivendicando una crescita del 190% negli ultimi 12 mesi, con oltre 35 milioni di "utenti indirizzabili" su oltre 75.000 implementazioni. E in quanto principale entità commerciale che spinge il protocollo Matrix, Element è ben posizionata per capitalizzare su questa impennata con una continua attenzione alla privacy e alla proprietà dei dati.

Sovranità dei dati

La sovranità dei dati è il concetto che consente alle organizzazioni di scegliere dove e come vengono ospitati i propri dati, e quindi quali leggi si applicano alla sua governance: questo è un affare enorme per le industrie e gli stati nazionali altamente regolamentati. E in un mondo che si rivolge sempre più al cloud e all'infrastruttura privata, molte situazioni portano le organizzazioni a sentirsi a disagio nel consegnare tutti i propri dati a un'unica grande azienda.

"Quando la comunicazione è centralizzata, diventa un bersaglio molto attraente per gli abusi, che si tratti di propaganda, sorveglianza, censura o peggio", ha dichiarato Tallinn, il nuovo investitore di Element (e cofondatore di Skype). “I consumatori hanno bisogno di essere salvati dal capitalismo della sorveglianza e le organizzazioni hanno bisogno di un modo sicuro e neutrale per comunicare. Matrix è la piattaforma più avanzata per fornire quel livello di comunicazione mancante”.

L'acquisizione multimiliardaria di Slack da parte di Salesforce la scorsa settimana è un buon promemoria di ciò che è in gioco. I dati appartenenti alle aziende che erano andate all-in su Slack sono ora di proprietà di Salesforce, che gli piaccia o no. E uno dei motivi per cui Slack ha deciso di vendere a Salesforce in primo luogo è dovuto all'aggressivo raggruppamento di Teams da parte di Microsoft come parte della sua più ampia suite di software Office, qualcosa che potrebbe presto affrontare il controllo dell'antitrust in Europa. Il punto è che l'intero episodio mette in luce il potere e il controllo che la "grande tecnologia" può esercitare, qualcosa che un protocollo "aperto" decentralizzato come Matrix aiuta a risolvere.

"L'acquisizione di Slack da parte di Salesforce è un'ottima notizia per Matrix", ha affermato Hodgson. "Rende chiaro che quando utilizzi Slack o Teams, i tuoi dati si riversano – crittografati solo in transito e a riposo (cioè non end-to-end) – nei cloud big-tech di Salesforce o Microsoft. Le organizzazioni di tutte le forme e dimensioni sono alla frenetica ricerca di alternative che diano loro la piena sovranità sui propri dati, piuttosto che dover fidarsi ciecamente che questi giganti della tecnologia agiranno da buoni custodi".

Lo stesso principio si applica alla miriade di altri strumenti di comunicazione del team aziendale che aderiscono a un ethos open source, come Slack-alternative Mattermost; Rocket.Chat, con sede in Brasile, che offre vari livelli ospitati e self-hosted oltre alla sua piattaforma di chat open source principale e che ha raccolto 19 milioni di dollari solo pochi mesi fa; e Kandra Labs, che ha sviluppato una serie di prodotti commerciali sulla piattaforma di chat open source Zulip.

Element, nel frattempo, offre vari piani tariffari a seconda delle esigenze del cliente. L'azienda offre Element Matrix Services (EMS), ad esempio, che promette tutti i vantaggi della sovranità dei dati di un'implementazione in sede, tranne che come servizio in hosting.

Ma cosa significa esattamente? "È ospitato in quanto ottieni un'istanza dedicata solo per te, gestita da noi in un'area geografica di tua scelta, a cui puoi puntare il tuo DNS", ha spiegato Hodgson. "In combinazione con la crittografia end-to-end, questo significa che hai la piena proprietà e il controllo sulle tue conversazioni: hai appena esternalizzato l'amministrazione del tuo server alle persone che lo hanno scritto in primo luogo."

Element aveva precedentemente raccolto circa 18 milioni di dollari e con la sua ultima iniezione di denaro la società è ora ben finanziata non solo per rafforzare il proprio prodotto, ma anche il protocollo fondamentale Matrix che ora alimenta una serie di servizi commerciali e open source. E nel processo, potrebbe semplicemente andare in qualche modo verso l'abbattimento dei silos di comunicazione.

"Il finanziamento di Element significa che ci sono continui investimenti significativi nel protocollo Matrix, che avvantaggia enormemente l'intero ecosistema Matrix", ha affermato Hodgson. “Matrix farà per le comunicazioni ciò che il web ha fatto per la condivisione delle informazioni. E proprio come il web, è uno standard aperto, decentralizzato e universale".

VentureBeat

La missione di VentureBeat è quella di essere una piazza cittadina digitale per i responsabili delle decisioni tecniche per acquisire conoscenze sulla tecnologia trasformativa e sulle transazioni.

Il nostro sito fornisce informazioni essenziali sulle tecnologie e sulle strategie dei dati per guidarti nella guida delle tue organizzazioni. Ti invitiamo a diventare un membro della nostra community, per accedere a:

  • informazioni aggiornate sugli argomenti di tuo interesse
  • le nostre newsletter
  • contenuti gated leader di pensiero e accesso scontato ai nostri eventi preziosi, come Trasforma 2021: Per saperne di più
  • funzioni di rete e altro

Diventare socio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui