Gli assistenti vocali consentono l'automazione aziendale, il CRM e l'intelligence dei dati

0
25

Unisciti a Transform 2021 per i temi più importanti nell'intelligenza artificiale e nei dati aziendali. Per saperne di più.

L'azienda sta registrando un aumento nell'adozione della tecnologia vocale durante la pandemia. In un recente sondaggio condotto su 500 responsabili delle decisioni aziendali e IT negli Stati Uniti, in Francia, in Germania e nel Regno Unito, il 28% degli intervistati ha affermato di utilizzare tecnologie vocali e l'84% prevede di utilizzarle nel prossimo anno.

Gli assistenti vocali come Google Assistant, Cortana, Alexa e Oracle Digital Assistant possono analizzare il vocabolario specifico dell'azienda e trarre intelligenza da applicazioni aziendali come la gestione delle risorse aziendali, la gestione delle relazioni con i clienti e i sistemi delle risorse umane. Sono anche in grado di automatizzare attività come la pianificazione di riunioni, l'impostazione di promemoria e l'assistenza nella configurazione di teleconferenze, nonché la trascrizione di riunioni video e vocali.

I principali attori nello spazio vocale AI, tra cui Microsoft e Google, hanno lavorato durante la pandemia per soddisfare le mutevoli esigenze degli utenti focalizzati sull'azienda. Ad esempio, ad aprile Google ha annunciato che collaborerà con Zoom per integrare la piattaforma di videoconferenza di quest'ultimo con display intelligenti basati su Google Assistant. L'integrazione è arrivata a dicembre, consentendo agli utenti di collegare i loro account Zoom e Google insieme per riunioni video guidate dalla voce.

"All'inizio dell'anno, ci eravamo concentrati sulla comunicazione dal punto di vista della messaggistica", ha dichiarato a VentureBeat Sofia Altuna, responsabile delle partnership globali di prodotto per Google Assistant, in una recente intervista telefonica. "Ma abbiamo anche iniziato una nuova attenzione su come aiutiamo le persone a rimanere più produttive a casa, attraverso la chat video. Così abbiamo iniziato il nostro rapporto con Zoom e in soli sei mesi siamo stati in grado di realizzare un'integrazione … È stato un passo piuttosto importante per l'Assistente Google ", ha aggiunto.

Google ha anche lanciato di recente il supporto dell'Assistente Google per gli utenti di Google Workspace (in precedenza G Suite), la risposta dell'azienda al servizio Alexa for Business di Amazon. Quando si accede a un account di area di lavoro con le funzioni di ricerca e assistente abilitate, gli utenti aziendali possono utilizzare i comandi vocali su uno smartphone per controllare il proprio calendario, inviare un'e-mail a un contatto, partecipare a una riunione e altro.

Alexa for Business, che ha fatto il suo debutto due anni fa alla conferenza re: Invent di Amazon Web Services, consente agli utenti aziendali di pianificare sale riunioni con servizi di terze parti come Cisco, Polycom e Zoom. Possono anche condividere informazioni sull'itinerario, controllare i messaggi di posta vocale e vedere rapidamente se sono disponibili sale riunioni.

"Alexa for Business aiuta le organizzazioni a sbloccare innovazione, crescita ed efficienza attraverso l'applicazione dell'intelligenza artificiale di Alexa. Le aziende stanno utilizzando le funzionalità di Alexa sul posto di lavoro e l'home office per aumentare la produttività, migliorare l'esperienza della sala riunioni e delle videochiamate e implementare ambienti di ufficio senza contatto ", ha dichiarato a VentureBeat in un'intervista Aaron Rubenson, VP di Amazon Alexa Voice Service e Alexa Skills . "I dipendenti possono utilizzare comandi vocali come" Alexa, partecipa alla mia riunione "o" Alexa, sono in ritardo "per partecipare a chiamate o inviare email ai colleghi … Quando i dipendenti iniziano a tornare al posto di lavoro e riprendono i viaggi, i clienti utilizzano anche Alexa for Business per fornire un'alternativa a mani libere per l'utilizzo di dispositivi condivisi come touch screen, controlli dell'illuminazione e termostati ".

Dal punto di vista di Microsoft, l'obiettivo con Cortana, che ha iniziato la transizione dalle funzionalità consumer a febbraio 2020, era quello di rendere le attività di ufficio più facili, fluide e veloci per gli utenti finali durante la pandemia. A tal fine, la società ha rilasciato nuove funzionalità per Outlook, Teams e Office che consentono a Cortana di leggere i messaggi e pianificare riunioni con un semplice comando vocale. A partire da settembre, Cortana può inviare e-mail di briefing giornaliero agli utenti di Microsoft 365 Enterprise. E per gli utenti aziendali su Windows 10, un'app dedicata basata sulla chat basata su Cortana aiuta gli utenti a comporre e-mail al volo.

"Abbiamo cercato luoghi in cui riteniamo che la voce e il linguaggio naturale possano davvero essere più facili e veloci rispetto a fare le cose toccando la tastiera o cercando su un'app mobile", ha detto a VentureBeat Andrew Shuman, CVP di Cortana, in un'intervista telefonica. "Molte persone che lavorano da casa vogliono rompere le loro abitudini – sai, alzarsi dalla scrivania e andare in giro quando sono in riunione. Quindi abbiamo lavorato di più per supportare le cuffie, ad esempio, e abbiamo assistito a un bel miglioramento nell'utilizzo e nel coinvolgimento ".

Oltre alle tecnologie su misura per il lavoro remoto, Microsoft si sta preparando per un ritorno in ufficio con altoparlanti basati sull'intelligenza artificiale per le chiamate di Microsoft Teams. Questi altoparlanti, che verranno lanciati in anteprima privata entro la fine dell'anno, utilizzeranno array di sette microfoni per identificare fino a 10 altoparlanti in una stanza di Teams, registrando automaticamente una trascrizione dal vivo con timestamp. La società ha anche annunciato piani durante la conferenza Ignite di questa settimana per portare Cortana ai dispositivi Teams Rooms.

"Penso che le riunioni online rese necessarie dalla pandemia siano in realtà un'opportunità se abbinate alle tecnologie vocali", ha detto Shuman. "Queste funzionalità cambiano l'esperienza della riunione: ad esempio, posso fare una chat mentre cerco informazioni. Posso fare più cose contemporaneamente mentre vado alla riunione. "

Google e Microsoft affermano che anche la privacy è stata al primo posto durante la pandemia poiché le preoccupazioni per l'uso improprio di dati vocali sensibili continuano a crescere. Rapporti recenti hanno rivelato che le attivazioni accidentali dell'assistente vocale hanno esposto conversazioni private e uno studio dei ricercatori della Clemson University School of Computing ha scoperto che le politiche sulla privacy delle app vocali di Amazon Alexa e Assistente Google sono spesso "problematiche" e violano i requisiti di base. A luglio, un appaltatore di terze parti ha fatto trapelare registrazioni vocali dell'Assistente Google per utenti nei Paesi Bassi che contenevano dati di identificazione personale, come nomi, indirizzi e altre informazioni private. Il rischio è tale che gli studi legali, tra cui Mishcon de Reya, hanno consigliato al personale di disattivare gli altoparlanti intelligenti quando parlano di questioni relative ai clienti a casa.

A gennaio, Google ha lanciato la modalità ospite, un modo per utilizzare l'Assistente Google su dispositivi intelligenti come Nest Audio e Nest Hub Max senza dover accedere a un account Google. Annunciata per la prima volta lo scorso autunno, la modalità ospite consente agli utenti di utilizzare altoparlanti intelligenti e display intelligenti alimentati da Google Assistant senza che la loro attività venga salvata, offrendo garanzie di privacy apparentemente più forti.

Per quanto riguarda Microsoft, la società ha recentemente annunciato che darà ai clienti un controllo più preciso sull'utilizzo dei propri dati vocali per migliorare i propri prodotti di riconoscimento vocale. La nuova policy consentirà ai clienti di decidere se i revisori, inclusi dipendenti e appaltatori Microsoft, possono ascoltare le registrazioni di ciò che hanno detto mentre parlano a prodotti e servizi Microsoft che utilizzano la tecnologia di riconoscimento vocale, tra cui Microsoft Translator, SwiftKey, Windows, Cortana, HoloLens, Realtà mista e traduzione vocale di Skype.

"Un investimento che abbiamo fatto negli ultimi 10 anni è quello di sviluppare strumenti di intelligenza artificiale in modo responsabile, nonché una migliore formazione degli utenti", ha affermato Shuman. "L'obiettivo è stato quello di consentire ai manager di aiutare i propri dipendenti a fare un ottimo lavoro ed essere accelerati quando lavorano da casa, ma anche proteggere i dati e le conoscenze che hanno i loro datori di lavoro".

VentureBeat

La missione di VentureBeat è quella di essere una piazza cittadina digitale per i responsabili delle decisioni tecniche per acquisire conoscenze sulla tecnologia trasformativa e sulle transazioni.

Il nostro sito fornisce informazioni essenziali sulle tecnologie dei dati e sulle strategie per guidarti mentre guidi le tue organizzazioni. Ti invitiamo a diventare un membro della nostra community, per accedere a:

  • informazioni aggiornate sugli argomenti di tuo interesse
  • le nostre newsletter
  • contenuti gated leader di pensiero e accesso scontato ai nostri eventi preziosi, come Transform
  • funzionalità di rete e altro ancora

Diventare socio