Gli sviluppatori di app di Google e Android stanno combattendo e stiamo perdendo

56

BigTunaOnline/Shutterstock.com

Le battaglie legali di Epic Games con Apple e Google per gli acquisti in-app su Fortnite sono in corso da agosto 2020. Negli ultimi mesi, più aziende hanno respinto Google, influenzando il modo in cui le persone possono (o non possono) spendere soldi in App Android.

Google richiede che tutte le app Android sul Play Store utilizzino il sistema di fatturazione Play dell’azienda se un’app o un gioco volesse offrire acquisti in-app, come oggetti cosmetici in un gioco. Play Billing è disponibile in oltre 135 paesi e supporta molti metodi di pagamento diversi, ma Google prende una piccola parte di ogni transazione per coprire i costi operativi. La commissione di servizio era il 30% di ogni transazione, ma l’anno scorso Google ha iniziato a ridurla al 15% per la maggior parte delle app.

Google ha tecnicamente richiesto alle app di utilizzare la fatturazione di Play per molti anni, invece di altri metodi di pagamento (ad es. l’app stessa che memorizza i numeri di carta di credito), ma la società ha iniziato ad applicare la regola solo il 1 giugno 2022. Dopo tale data, le app potrebbero ‘non elaborare i dettagli di pagamento da soli, il che potrebbe aumentare i profitti per gli sviluppatori: tutto doveva passare tramite Google.

Acquistare monete in Pokémon Go con Google Play Billing

Allora, perché tutto questo è importante? Ebbene, alcune applicazioni e servizi stanno cambiando il modo in cui funzionano su Android per conformarsi alle regole di Google, mentre altri potrebbero essere completamente eliminati dal Play Store.

Match Group, che possiede le app di appuntamenti Tinder, OkCupid e Match, ha intentato una causa contro Google il mese scorso per “tattiche anticoncorrenziali” per i pagamenti. La battaglia giudiziaria è ancora in corso, ma in seguito Google ha accettato di mantenere Tinder e altre app sul Play Store fino al raggiungimento di un accordo. A Kakao, una popolare app di messaggistica in Corea del Sud, è stato impedito di aggiornare la sua app Android fino a quando non avesse rispettato le regole di pagamento: la società ha finalmente dichiarato il 14 luglio che avrebbe rimosso i pagamenti esterni.

Finora non ci sono state app o giochi di alto profilo ritirati dal Play Store per le nuove regole, ad eccezione di Fortnite. Tuttavia, alcune app popolari si sono già aggiornate per essere conformi. Barnes & Noble e Audible hanno rimosso la possibilità di acquistare libri tramite le loro app Android, piuttosto che dare un taglio a Google, quindi i libri possono essere acquistati solo visitando i negozi in un browser web.

Google si sta ritagliando un’eccezione alle nuove regole per alcune app, chiamata “User Choice Billing”, ma Spotify è l’unico partner per ora. Indipendentemente dal fatto che la posizione di Google sia giusta o meno, le modifiche hanno già causato qualche inconveniente ai possessori di smartphone e potrebbero peggiorare con il passare del tempo.