Google annuncia un giro di vite sulla fatturazione in-app, rivolto a Netflix e Spotify

0
5

Con molta attenzione ultimamente sul modo in cui gli sviluppatori di app per smartphone vengono trattati negli app store di Apple e Google, Google ha deciso che in questo momento è un ottimo momento per annunciare regole di fatturazione più rigorose per gli app store. Un nuovo post del blog ufficiale degli sviluppatori Android promette un giro di vite sulla fatturazione in-app che sembra destinato a grandi servizi di streaming come Netflix e Spotify.

Il post di Google gira davvero intorno al cespuglio cercando di addolcire questo annuncio, ma inizia dicendo: "Abbiamo sempre richiesto agli sviluppatori che distribuiscono le loro app su Play di utilizzare il sistema di fatturazione di Google Play se offrono acquisti in-app di contenuti digitali merci e pagare una commissione di servizio da una percentuale dell'acquisto." Tuttavia, questa regola non è stata applicata e molti grandi sviluppatori hanno semplicemente ignorato i requisiti di fatturazione di Google. Oggi, Netflix e Spotify non utilizzano la fatturazione in-app di Google e trasferiscono invece nuovi account su un browser Web, dove le aziende possono utilizzare PayPal o l'elaborazione diretta della carta di credito per eludere le commissioni del 30% di Google.

"Abbiamo chiarito il linguaggio nelle nostre Norme sui pagamenti per rendere più esplicito che tutti gli sviluppatori che vendono beni digitali nelle loro app devono utilizzare il sistema di fatturazione di Google Play", continua Google. "Per coloro che hanno già un'app su Google Play che richiede lavoro tecnico per integrare il nostro sistema di fatturazione, non vogliamo interrompere indebitamente le loro tabelle di marcia e diamo un anno (fino al 30 settembre 2021) per completare eventuali aggiornamenti necessari".

Questa è fondamentalmente la carne del post del blog: tutti devono utilizzare la fatturazione di Google entro questo periodo l'anno prossimo. Uno sguardo alle "Norme sui pagamenti" mostra esempi come "servizi in abbonamento" che offrono elementi come "musica" e "video". Avverte anche i lettori in alto che "sono in arrivo cambiamenti in questa politica!" e che "qualsiasi app esistente che attualmente utilizza un sistema di fatturazione alternativo dovrà rimuoverla per conformarsi a questo aggiornamento".

Annuncio pubblicitario

Google traccia una chiara distinzione tra Android e iOS sottolineando che su Android gli sviluppatori hanno una "scelta di negozi" e che la maggior parte dei dispositivi Android viene fornita con più app store. Google menziona due volte che "ogni negozio è in grado di decidere il proprio modello di business e le caratteristiche del consumatore" con l'implicazione che se gli sviluppatori vogliono essere su Google Play, che ha 2 miliardi di utenti attivi, dovranno iniziare a seguire il regole o cercare altrove.

Migliore supporto per app store di terze parti in Android 12?

Un altro bocconcino in questo post è la notizia di una funzionalità di Android 12: "Apporteremo modifiche ad Android 12 (la versione di Android del prossimo anno) per rendere ancora più semplice per le persone utilizzare altri app store sui propri dispositivi, facendo attenzione a non compromettere le misure di sicurezza che Android ha messo in atto. Stiamo progettando tutto questo ora e non vediamo l'ora di condividerne di più in futuro!"

Attualmente, l'installazione di un secondo app store richiede alcune caselle di controllo in più, ma dato che uscire dal giardino recintato di Google espone davvero gli utenti a più minacce, i due messaggi di avviso non sembrano eccessivi. Google pubblica regolarmente statistiche che confrontano il tasso di malware dei dispositivi solo su Google Play rispetto ai dispositivi che hanno installato app al di fuori del Play Store. Sebbene Google Play non sia affatto perfetto, Google è uno dei pochi operatori di app store abbastanza grande da sottoporre ogni app a un qualche tipo di processo di controllo e, di conseguenza, gli utenti hanno da 5 a 10 volte più probabilità di ricevere malware al di fuori del Play Store che al suo interno negli ultimi due anni.

L'attuale processo di installazione dell'app store non è così arduo. Se stai scaricando qualcosa come F-Droid (un app store open source), prima Chrome ti avviserà che questo tipo di file (un APK) può danneggiare il tuo dispositivo, su cui puoi fare clic. Se non hai mai installato un'app dal browser prima, verrai reindirizzato alle impostazioni del dispositivo in modo da poter capovolgere la casella di controllo "consenti installazioni dalla sorgente" per Chrome. Quindi puoi installare l'app store. Android richiede che a qualsiasi app che installa app venga assegnata la casella di controllo "installa app sconosciute", quindi dovrai anche capovolgere questa impostazione per consentire al nuovo app store di installare app.

Annuncio pubblicitario

Ingrandisci / Processo di installazione dell'app store alternativo di Android 11.

Ron Amedeo

Questa mossa per rendere più facile l'uso degli app store di terze parti ha un po' più senso in risposta allo sviluppatore di Fortnite, Epic, che attualmente sta facendo causa a Google per le sue norme sugli app store alternativi. "Il download diretto di Fortnite su un dispositivo Android può comportare una dozzina di passaggi, che richiedono all'utente di modificare le impostazioni predefinite e fare clic coraggiosamente su più terribili avvertimenti", si legge nella causa antitrust di Epic. "E anche se un utente persistente riesce a installare un app store concorrente, Google impedisce a tali negozi di competere alla pari con il Google Play Store impedendo loro di offrire funzioni di base, come l'aggiornamento automatico delle app in background".

Come ogni causa, il deposito di Epic è un po' burrascoso. Secondo i miei calcoli, l'installazione di un app store di terze parti richiede cinque tocchi, non "una dozzina di passaggi". Mentre qualsiasi app store preinstallato (nella partizione di sistema bloccata) può installare aggiornamenti delle app, Epic ha ragione sul fatto che gli app store scaricati dall'utente non possono aggiornare automaticamente le app. Lasciare che le app scaricate installino nuovo codice in background senza il consenso dell'utente sembra un po' spaventoso, ma forse Google potrebbe aggiungere un'autorizzazione "app store" altamente privilegiata per le app scaricate per rendere felici aziende come Epic. Epic dice anche che non gli piacciono nemmeno i "terribili avvertimenti" allegati a queste autorizzazioni, e informare correttamente gli utenti di quanto potente sarebbe un'autorizzazione all'app store richiederebbe un avviso piuttosto spaventoso. Epic è già stato sorpreso a usare questi poteri in modo irresponsabile una volta, quando il programma di installazione di Fortnight ha aperto i dispositivi Samsung a una vulnerabilità di sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui