Google introduce il piano Workspace gratuito in risposta alle critiche

827

Unisciti ai principali dirigenti di oggi online al Data Summit il 9 marzo. Registrati qui.

Alcuni giorni dopo aver rinunciato all’impegno di eliminare gli account G Suite legacy e gratuiti a maggio 2022, Google ha annunciato Google Workspace Essentials Starter, una nuova offerta che consentirà agli utenti di registrarsi per l’accesso gratuito a Documenti, Fogli, Presentazioni e Drive e Meet, di più utilizzando l’e-mail di lavoro esistente. La mossa arriva dieci anni dopo che Google ha smesso di offrire account G Suite gratuiti, che consentono alle aziende di ospitare account Google su domini personalizzati. Inoltre, la mossa arriva dopo poche settimane dopo che Google ha inizialmente affermato che avrebbe costretto i clienti ad aggiornare i propri account G Suite attuali a un abbonamento a pagamento entro il 1 maggio o rischiare di perdere l’accesso ai servizi.

“La nuova Google Workspace Essentials Starter Edition è una soluzione gratuita per gli utenti aziendali che desiderano migliorare il lavoro di squadra e sbloccare l’innovazione con una collaborazione sicura per progettazione”, ha affermato Kelly Waldher, vicepresidente del marketing di Google Workspace, in un post sul blog. “Essentials Starter può aiutare i dipendenti e i loro team ad abbattere i silos e lavorare insieme in nuovi modi, anche se la loro organizzazione fa ancora affidamento su strumenti di produttività legacy che non sono stati creati per l’era ibrida del lavoro”.

Essentials Starter funziona in modo molto simile all’attuale G Suite. Non richiede conversioni di file, plug-in o nuovo software desktop e tutti gli strumenti di Essentials Starter funzioneranno all’interno degli ambienti esistenti, afferma Google. Essentials Starter include il supporto per riunioni video da tre a 100 persone della durata massima di 60 minuti, nonché messaggi di gruppo tramite Google Chat, 15 GB di spazio di archiviazione in Google Drive (separato dai limiti dell’account Google personale) e una dashboard per la gestione del team e il controllo delle autorizzazioni .

“Essentials Starter può aiutare i dipendenti ei loro team ad abbattere i silos e lavorare insieme in nuovi modi, anche se la loro organizzazione fa ancora affidamento su strumenti di produttività legacy che non sono stati creati per l’era ibrida del lavoro”, ha continuato Waldher. “A partire da oggi, con Essentials Starter, i dipendenti della tua organizzazione possono passare dagli strumenti di produttività legacy e sperimentare la differenza con Google Workspace”.

Concorrenti

L’introduzione di Workspace Essentials dovrebbe placare coloro che hanno espresso preoccupazione su come migrare i propri account G Suite agli account Gmail personali dopo l’interruzione. Come hanno sottolineato molti utenti di Twitter, la chiusura avrebbe lasciato le persone che hanno registrato un account G Suite senza un modo per trasferire facilmente app, account collegati come YouTube e calendari, ad eccezione del servizio di esportazione dei dati di Google Google Takeout.

“Nei prossimi mesi, forniremo opzioni ai clienti dell’edizione gratuita precedente di G Suite con un massimo di 10 utenti nel loro gruppo che non utilizzano la loro edizione per le aziende per spostare i loro contenuti a pagamento non Google Workspace e la maggior parte dei loro dati su un no -opzione di costo. Questa nuova opzione non includerà funzionalità premium come l’e-mail personalizzata o la gestione di più account”, ha chiarito un portavoce di Google a VentureBeat via e-mail. “Forniremo maggiori dettagli nei prossimi mesi e i clienti potranno valutare questa opzione prima del 1 luglio 2022 e prima della sospensione dell’account”.

Workspace Essentials, che non include l’e-mail di dominio personalizzata, è competitivo nel panorama del software di collaborazione, rispetto al servizio di Zoho (che impone limiti di 5 GB di spazio di archiviazione per utente e 25 MB di allegati e-mail). Oltre ad arginare la marea di pubblicità negativa, il suo lancio segnala l’importanza che Google attribuisce a Workspace nel contesto della più ampia strategia cloud dell’azienda. Nel 2020, G Suite aveva 2 miliardi di utenti, un segmento che Google è senza dubbio desideroso di convertirsi in abbonati paganti. La società questa settimana ha riferito che le entrate di Google Cloud, che include Workspace, hanno raggiunto i 5,5 miliardi di dollari nel quarto trimestre del 2021.

La missione di VentureBeat deve essere una piazza cittadina digitale per i decisori tecnici per acquisire conoscenze sulla tecnologia aziendale trasformativa e le transazioni. Per saperne di più