Google lancia oggi la Developer Preview di Android 11

51

È un po’ in anticipo rispetto alla consueta versione di marzo, ma oggi Google lancia la prima Developer Preview di Android 11. Questa prima anteprima del sistema operativo arriverà su Pixel 2, 3, 3a e 4, insieme a immagini di sistema generiche per i dispositivi Project Treble. Ha anche un nuovo nome. In genere queste versioni sono state indicate con una lettera (Android 10 era “Android Q Preview”) e mentre Android 11 è ancora chiamato “Android R” internamente, pubblicamente questa è “Android 11 Developer Preview” per tutti noi non Googler. Fedele alla forma, Google ha già iniziato con i riferimenti Spinal Tap e inizia il post del blog con un quadrante che va a 11.

Per ora stiamo solo elaborando un gigantesco post sul blog con molti punti elenco e quasi zero screenshot, quindi non siamo sicuri di quale sia lo scopo di questa versione. Faremo una prova pratica più tardi, ma per ora, ecco alcuni punti salienti.

Una delle funzionalità più utilizzate di Android 11 sarà probabilmente una nuova opzione di “autorizzazione una tantum” per le app che desiderano accedere ai dati di posizione, microfono e fotocamera. In Android 10, Google ha aggiunto la possibilità di concedere un’autorizzazione a un’app solo quando era in esecuzione in primo piano e ora gli utenti potranno concedere l’accesso a un’autorizzazione una sola volta. Questo è già in iOS e ha molto senso per alcune app. Ingrandisci/La finestra di dialogo di autorizzazione una tantum in Android 11.

Google

Google non smette mai di modificare il pannello delle notifiche di Android e quest’anno Google afferma che il pannello riceverà una “sezione dedicata alle conversazioni nell’area notifiche”. Ancora una volta, stiamo lavorando con zero screenshot qui, ma Google afferma che gli utenti saranno in grado di “trovare istantaneamente le loro conversazioni in corso con le persone nelle loro app preferite”. Android 10 ha segmentato il pannello delle notifiche in notifiche ad alta e bassa priorità, quindi forse avremo una terza fetta del pannello delle notifiche per le conversazioni?

Annuncio pubblicitario

Dovremmo anche prepararci a vedere molto di più dell’API “Bubbles” che ha debuttato in Android 10 come anteprima per sviluppatori. L’API Bubbles ridurrebbe un’app di messaggistica in un cerchio mobile minimizzabile con il volto del tuo contatto. Quest’anno sembra essere fuori dallo stato di anteprima per sviluppatori ed è pronto per le app.

La modularizzazione di Android continua anche in Android 11. Android 10 ha speso gran parte del suo budget di progettazione in “Project Mainline”, noto anche come “Google Play System Updates”, che ha spostato molti componenti di sistema in APK aggiornabili o in un nuovo, più potente formato di file chiamato “APEX”. APEX è un formato di file progettato su misura per essere accessibile in precedenza nel processo di avvio e per avere più autorizzazioni rispetto a un APK, rendendolo ideale per l’alloggiamento e l’aggiornamento di componenti di sistema di livello inferiore.

Ingrandisci / Per gli sviluppatori, questa “pagina di compatibilità delle app” dovrebbe semplificare i test.

Google

Con il sistema costruito, Android 10 è stato fornito con una buona base di moduli Mainline e Android 11 sta spostando ancora più componenti in questo nuovo sistema di aggiornamento. Google afferma di aver “aggiunto 12 nuovi moduli, per un totale di 20 moduli aggiornabili” in Android 11. Android 10 aveva 13 moduli aggiornabili, quindi il nuovo conteggio di Google di 12 nuovi moduli e otto vecchi moduli fa sembrare che siano successe molte cose. Cercheremo di rintracciare un elenco completo.

Android 11 sta inoltre ottenendo il supporto per “l’archiviazione e il recupero sicuri di documenti di identificazione verificabili, come le patenti di guida mobile conformi a ISO 18013-5”. Esatto: un giorno, supponendo che il tuo stato lo supporti, sarai in grado di utilizzare un’app per smartphone per il tuo documento d’identità rilasciato dal governo invece di far lampeggiare un pezzo di plastica. XDA ha approfondito questa funzionalità l’anno scorso e ha trovato alcune funzionalità interessanti nella base di codice Android, come una modalità di batteria scarica che potrebbe mostrare le informazioni sull’ID anche se il tuo telefono non ha abbastanza energia per avviare l’intero sistema operativo Android. Google afferma che avrà “più dettagli da condividere presto”.

Annuncio pubblicitario

La vita su Android 11 dovrebbe essere più semplice per gli sviluppatori di app. In genere, le modifiche sostanziali per le app sono state un affare tutto o niente nascosto dietro l ‘”SDK di destinazione” che ogni app può chiamare. In Android 11, Google ha effettivamente creato una pagina “Compatibilità app” con funzionalità attivabili per ogni app. L’idea è che, invece di impostare un nuovo SDK di destinazione e ricompilare la tua app per il test, apri semplicemente la pagina di compatibilità dell’app, inizia a girare gli interruttori e guarda cosa si rompe. Google afferma inoltre di aver lavorato per “ridurre al minimo i cambiamenti comportamentali che potrebbero influire sulle app” e ha reso le modifiche opt-in ove possibile.

Come al solito, questa è solo la prima anteprima di Android 11 e probabilmente ci saranno altre funzionalità svelate nelle anteprime future, specialmente al Google I/O 2020. Il primo post di Google è rivolto agli sviluppatori ed è fondamentalmente un lungo elenco di modifiche alle API che non menziona molte funzionalità rivolte all’utente, quindi immagino che sia nostro compito rintracciarle. Presto faremo una prova pratica dopo aver passato un po’ di tempo con l’anteprima del nuovo sistema operativo e dato un’occhiata alla documentazione di Google.