Google spiega le notifiche interrotte del tuo telefono Android

36

Peter Gudella/Shutterstock.com

Non tutti i migliori telefoni e tablet Android funzionano allo stesso modo e alcuni dispositivi hanno un software aggressivo per il risparmio della batteria che può impedire che le notifiche in background arrivino in modo affidabile. Il team Android di Google I/O ha spiegato questa settimana perché si tratta di un problema in corso.

Le versioni moderne di Android raggiungono un discreto equilibrio tra l’estensione della durata della batteria (mettendo in pausa o limitando le attività in background) e il rimanere comunque connessi ai server cloud che forniscono notifiche push. Tuttavia, alcuni produttori fanno un ulteriore passo avanti per i loro dispositivi, implementando più tecniche di risparmio della batteria che possono portare alla rottura dei servizi in background. OnePlus ha avuto problemi nel corso degli anni con notifiche inaffidabili, così come le versioni cinesi di molti telefoni Xiaomi, Oppo e Vivo.

Alcuni membri del team Android di Google hanno tenuto un panel di domande e risposte al Google I/O questa settimana, in cui uno sviluppatore di app ha chiesto cosa potevano fare nella loro app per aggirare la gestione aggressiva della durata della batteria su alcuni dispositivi. Dianne Hackborn, un ingegnere software di lunga data per Android, ha risposto: “Ci rendiamo conto che questa è stata una cosa sempre più dolorosa per gli sviluppatori di app”.

Riproduci video

“Android non è come il sistema operativo di Google”, ha detto Hackborn, “gli OEM […] fare molte personalizzazioni e innovazioni sulla piattaforma, quindi ci sono molte cose che non possiamo semplicemente dire loro o costringerli a fare. E in quest’area, questo è qualcosa a cui gli OEM tengono davvero per i loro utenti, la durata della batteria. Quindi questa è un’area in cui si impegnano molto per migliorare le cose… a volte per migliorare le cose, per gli sviluppatori, un po’ troppo”.

Il sistema operativo Android principale è il codice open source, quindi i produttori di dispositivi possono teoricamente personalizzarlo quanto vogliono per i propri prodotti. Tuttavia, se le aziende desiderano includere Google Play Store e altre app indispensabili, devono concedere in licenza i servizi mobili di Google su Android. Gli accordi GMS sono il modo in cui Google garantisce che i dispositivi Android con il Play Store funzionino più o meno allo stesso modo. Google ha anche utilizzato il GMS per costringere i produttori ad adottare determinate funzionalità, come i temi in stile Material You su più telefoni e nascondere le opzioni di navigazione personalizzate durante la configurazione.

Sembra che, almeno per ora, Google lasci l’ottimizzazione della batteria al produttore. Hackborn ha indicato diversi cambiamenti in Android nel corso degli anni, come Doze e App Standby (entrambi introdotti in Android 6.0 Marshmallow nel 2015), come esempi di come il team Android ha ascoltato le preoccupazioni dei produttori sulla durata della batteria. “È meglio per noi farlo nella piattaforma in generale”, ha detto, “piuttosto che fare in modo che gli OEM facciano cose separate. E gli OEM stanno ancora facendo un sacco di cose, parliamo costantemente con i nostri OEM e lavoriamo per ridurre quei cambiamenti che fanno”.

Se riscontri problemi con le notifiche di bug sul tuo dispositivo Android, accedere alle impostazioni di sistema e disattivare le ottimizzazioni della batteria per una determinata app di solito fa il trucco. Anche l’acquisto di un telefono diverso da produttori come Google o Samsung è un’opzione.