Google spinge i “collegamenti di frammenti di testo” con la nuova estensione di Chrome

36
  • Il risultato di un collegamento frammento di testo. Prendere nota del testo evidenziato e dell’URL.

    Rum Amadeo

  • Con l’estensione installata, evidenzia il testo che desideri e fai clic con il pulsante destro del mouse.

    Rum Amadeo

Google ha creato un’estensione per lo standard URL chiamata “Frammenti di testo”. Il nuovo stile di collegamento ti consentirà di collegarti non solo a una pagina ma a un testo specifico su una pagina, che verrà visualizzato ed evidenziato automaticamente una volta caricata la pagina. È come un link di ancoraggio, ma con l’evidenziazione e creabile da chiunque.

La funzione è stata effettivamente supportata in Chrome dalla versione 80, che ha raggiunto il canale stabile a febbraio. Ora una nuova estensione di Google semplifica la creazione di questo nuovo tipo di collegamento, che funzionerà per chiunque altro utilizzi Chrome su sistemi operativi desktop e Android. Google ha proposto l’idea al W3C e spera che altri browser la adottino, ma anche se non lo fanno, i collegamenti sono compatibili con le versioni precedenti.

La sintassi per questo URL è piuttosto strana. Dopo l’URL, la magia è nella stringa “#:~:text=” e poi nel testo che vuoi abbinare. Quindi un collegamento completo sarebbe simile a questo:

https://en.wikipedia.org/wiki/Cat#:~:testo=La maggior parte delle razze di gatti ha una nota predilezione per sedersi in luoghi alti

Se lo copi e lo incolli in Chrome, il browser aprirà la pagina del gatto di Wikipedia, scorrerà fino al primo testo che corrisponde a “La maggior parte delle razze di gatti ha una nota predilezione per sedersi in luoghi alti” e lo evidenzierà. Se il testo non corrisponde a nulla, la pagina verrà comunque caricata. La compatibilità con le versioni precedenti funziona perché i browser attualmente supportano il segno numerico (#) come frammento URI, che di solito viene utilizzato per i collegamenti di ancoraggio creati dal creatore della pagina. Se lo incolli in un browser che non lo supporta, la pagina verrà comunque caricata e tutto ciò che segue il segno del numero verrà semplicemente ignorato come un collegamento di ancoraggio errato. Fin qui tutto bene.

Annuncio

Un problema è che questo significa che puoi avere spazi in un URL. Su una pagina web o un forum, puoi codificare manualmente il link con un tag href (o qualunque sia l’equivalente non HTML) e tutto funzionerà. Per la messaggistica istantanea e i social media, tuttavia, che non consentono il codice e utilizzano parser URL automatici, le cose si complicano un po’. Ogni parser di URL tratta uno spazio come la fine di un URL, quindi dovrai utilizzare la codifica percentuale per sostituire tutti gli spazi con l’equivalente “%20”. I parser di URL ora hanno una possibilità di collegarlo correttamente, ma sembra un pasticcio:

https://en.wikipedia.org/wiki/Cat#:~:text=Most%20breeds%20of%20cat%20have%20a%20noteted%20fondness%20for%20sitting%20in%20high%20places.

Gli spazi non sono gli unici caratteri che possono causare problemi. Lo standard RFC 3986 definisce diversi caratteri “riservati” come aventi un significato speciale in un URL, quindi non dovrebbero trovarsi in un URL. Gli strumenti di creazione di pagine Web tendono a gestire questi caratteri automaticamente, ma ora che stai incorporando frasi arbitrarie in un URL per l’evidenziazione, c’è una maggiore possibilità che ti imbatti in uno di questi caratteri riservati:! * ‘( ); : @ & = + $ , / ? # [ ]. Devono essere tutti codificati in percentuale affinché l’URL funzioni e l’estensione di Google si occupa di questo per te.

La nuova estensione di Google per Chrome, chiamata “Link to Text Fragment”, (è anche su Github) inserirà una nuova voce nel menu di scelta rapida di Chrome. Basta evidenziare il testo su una pagina, fare clic con il pulsante destro del mouse e premere “Copia collegamento al testo selezionato”. Come per magia, un collegamento frammento di testo finirà negli appunti. Tutta la codifica del testo viene eseguita automaticamente, quindi il collegamento dovrebbe funzionare con la maggior parte dei siti Web e dei messenger.

Sembra che Google stia per iniziare a distribuire il supporto per i frammenti di testo nel suo ecosistema Web, anche senza il W3C. I collegamenti hanno già iniziato a essere visualizzati in alcuni risultati di ricerca di Google, che consentono agli utenti di Chrome di comprimere direttamente il testo pertinente. Probabilmente è solo questione di tempo prima che la creazione del collegamento passi da un’estensione a una normale funzionalità di Chrome.

Immagine dell’elenco di Chrome