Google sta scherzando di nuovo con la barra degli indirizzi: il nuovo esperimento nasconde il percorso dell’URL

281
  • Il nuovo esperimento: dopo aver caricato una pagina, Chrome mostra solo il nome di dominio.

    Rum Amadeo

  • Le opzioni per questa funzione in chrome://flags. Puoi mostrare l’URL al passaggio del mouse e non penso che la bandiera in basso faccia ancora nulla.

    Rum Amadeo

Sembra che Google stia tentando di nuovo di pasticciare con la barra degli URL. Come notato da Android Police, i nuovi flag nelle versioni per sviluppatori del popolare browser ora vogliono nascondere il percorso dell’URL. Quindi per un articolo come questo, invece di “https://arstechnica.com/gadgets/2020/06/google-is-messing-with-the-address-bar-again-new-experiment-hides-url-path /”, la barra degli indirizzi mostrerebbe “arstechnica.com”.

Per ora, la funzione non è attiva per impostazione predefinita. Devi avere le versioni per sviluppatori di Chrome e devi scavare in chrome://flags per abilitare la funzione, che si chiama “Omnibox UI Hide Steady-State URL Path, Query e Ref”. Tutto in Chrome://flags è un esperimento, ma la maggior parte delle modifiche di Chrome arrivano qui prima che vengano implementate in versioni stabili.

Con il flag principale attivato, l’URL completo viene visualizzato durante il caricamento della pagina e quindi semplificato al solo nome di dominio una volta terminato il caricamento. Facendo clic sulla barra degli indirizzi verrà visualizzato l’URL completo, così come il passaggio da una scheda all’altra. Un secondo flag ti consente di modificare il comportamento in modo che l’URL completo venga visualizzato quando passi il mouse sulla barra degli indirizzi.

Non si sa quali siano i piani di Google per l’esperimento, ma nascondere più informazioni sull’URL sarebbe in linea con le azioni precedenti di Chrome. Per anni il team di Chrome ha voluto eliminare la barra degli URL, sostenendo che si tratta di un modo confuso di esprimere l’identità Web. Sebbene Google non abbia ancora completamente eliminato la barra, Chrome ha apportato numerose modifiche per cercare di “semplificare” la barra degli URL. Attualmente, Chrome nasconde il protocollo URL se è HTTP o HTTPS. Sui siti mobili AMP ospitati da Google, Chrome nasconde anche la parte “google.com/amp” dell’URL, mostrando invece l’URL della pagina originale. Alcuni degli esperimenti sugli URL di Chrome non sono entrati nel comportamento predefinito stabile, come un esperimento del 2018 per nascondere l’URL nelle pagine dei risultati di ricerca di Google o un esperimento radicale del 2014 con un nuovo formato di URL chiamato “chip di origine”.

Annuncio

Per ora, la funzione è solo nelle versioni Canary o Developer di Chrome. Ancora una volta, non sappiamo se questo cambiamento arriverà alle build stabili, ma è sempre bene condividere il tuo feedback all’inizio del processo di sviluppo, quindi lasciaglielo nei commenti.

Immagine dell’elenco di Isaac Bowen / Flickr