Grazie, Qualcomm: 5G obbligatorio significa che i telefoni ora vengono forniti con modem 5G disabilitati

67
  • L’IQoo 3.

  • La parte anteriore e posteriore.

  • Il calore aggiunto dal modem 5G separato ha sciolto la carta da parati in lava.

    iQoo

  • Il retro, con molte fotocamere.

    iQoo

  • I lati hanno questi pulsanti sulla spalla per i giochi, il che è pulito.

  • Un rendering amorevolmente dettagliato del fondo.

    iQoo

  • Ehi guarda! Un jack per le cuffie.

È il mondo di Qualcomm e ci viviamo tutti dentro.

I telefoni stanno iniziando a diffondersi sul mercato con il nuovo SoC Snapdragon 865 di Qualcomm e il potere di monopolio incontrollato dell’azienda sul settore della telefonia mobile sta davvero arrivando al culmine con questo nuovo chip. Qualcomm sta imponendo il 5G a tutti con lo Snapdragon 865, aumentando le dimensioni, il costo e la complessità degli smartphone, anche se le reti 5G mondiali non sono ancora pronte. Questa settimana stiamo assistendo a una nuova assurda ruga nella saga del 5G obbligatorio: i produttori si attengono alle regole di Qualcomm e spediscono i suoi modem 5G, ma li stanno anche disabilitando perché il 5G semplicemente non funziona in alcuni mercati.

Incontra “iQoo 3”. Come sottolineato da XDA Developers, in India, questo telefono spedisce lo Snapdragon 865 in una prima configurazione “4G”. Apparentemente, la sussidiaria di BBK iQoo fa tutto il lavoro per pagare il modem 5G obbligatorio di Qualcomm, integrandolo nel design del telefono, e quindi la società, uh, disabilita completamente la funzionalità 5G.

Un telefono fornito con alcune delle sue funzionalità del modem disabilitate non è insolito. A volte le aziende disattivano alcune bande 4G per aiutare i telefoni a bloccare la regione in determinati paesi o eventualmente per risparmiare sui costi. Disattivare le bande 5G su un telefono Snapdragon 865 è difficile da accettare, tuttavia, perché il design e le prestazioni del SoC sono stati compromessi solo per portare questa funzionalità 5G sul mercato. Qualcomm ha ripristinato anni di progresso del SoC costruendo lo Snapdragon 865 senza un modem integrato e l’unico modo per fornire a questo SoC funzionalità cellulari è abbinarlo a un chip modem esterno, il Qualcomm Snapdragon X55, che aggiunge connettività 4G e 5G. I modem esterni occupano più spazio, si scaldano di più e consumano più energia di un modem integrato, e accettare questo compromesso pur non ottenendo il 5G sembra davvero un pessimo affare.

Uno dei motivi della mancanza di entusiasmo per il 5G da parte di iQoo è facile da capire: nonostante sia il secondo mercato di smartphone al mondo, l’India non ha reti 5G. A differenza di luoghi come gli Stati Uniti, dove si stanno lentamente costruendo minuscole sacche di 5G, l’India non ha un percorso chiaro verso il 5G. Il governo indiano ha fissato i prezzi per mettere all’asta lo spettro pubblico per il 5G, ma i vettori indiani affermano che i prezzi sono “proibitivi” e non sono disposti a pagare i prezzi per acquistare lo spettro per iniziare a costruire le reti. Oltre al conflitto per le vie aeree, anche la situazione a terra non è del tutto risolta. La maggior parte delle torri in India non è collegata al backhaul in fibra e probabilmente non è in grado di gestire le richieste di larghezza di banda del 5G. Risolvere questo problema richiede ancora più soldi che i corrieri dicono di non avere. In breve, il 5G non arriverà presto in India.

Ingrandisci / Ingrandisci / Lo Snapdragon 855 del 2019 offre connettività 4G in un unico pacchetto semplice. Lo Snapdragon 865 del 2020 non ha un modem integrato e ha bisogno di un chip aggiuntivo.

Qualcomm / Ron Amedeo

L’anno scorso, Qualcomm aveva un design più sensato e flessibile per il suo primo chip compatibile con il 5G, lo Snapdragon 855. Quel chip aveva un modem 4G integrato, necessario in ogni singolo mercato, e aveva un modem 5G separato come optional. La connettività 4G sarebbe più efficiente dal punto di vista energetico rispetto al 5G sullo Snapdragon 855 perché il modem 4G era integrato e il modem 5G no. Quest’anno, Qualcomm ha “risolto” quella discrepanza di potenza rendendo il 4G peggiore del 5G e ha rimosso entrambi i modem dal chip principale.

Quindi l’iQoo 3 è disponibile sia in una versione 5G, che, ancora una volta, non può essere utilizzata nel paese, sia in una versione 4G. La versione 4G è disponibile in due configurazioni: 8 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione per Rs 36.990 ($ 515) o 8 GB e 256 GB di spazio di archiviazione per Rs 39.990 ($ 557). La SKU di fascia alta – 12 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione per Rs 44990 ($ 626) – riesce a mantenere la funzionalità 5G per … vantarsi? Viaggi internazionali?

Se il chip 5G deve essere comunque nel telefono, perché disabilitarlo? Qualcomm addebita meno se acquisti un chip 5G dall’azienda e poi lo disabiliti? IQoo vede l’etichetta “5G” sulla versione di fascia alta come una sorta di segmentazione del mercato, anche se è del tutto irrilevante in India?

Supponendo che ci sia una sorta di incentivo finanziario dietro la disabilitazione del 5G sui telefoni Snapdragon 865 più economici, probabilmente lo vedremo da più dispositivi. L’India è il secondo mercato mondiale di smartphone (dietro la Cina) ed è un importante campo di battaglia per i produttori di smartphone. Se i produttori vogliono costruire uno smartphone con le migliori specifiche, e lo fanno sicuramente, Qualcomm non ha dato loro un modo per farlo senza includere anche il 5G. Non esiste un modem solo 4G autonomo da accoppiare con lo Snapdragon 865: funziona solo con il modem Snapdragon X55 5G/4G.

Annuncio

iQoo è l’ultimo marchio lanciato da BBK, un’azienda di cui puoi essere perdonato per non aver mai sentito parlare. Ma se si combinano le varie operazioni dell’azienda, BBK è il secondo o il terzo produttore mondiale di smartphone. BBK è fondamentalmente la General Motors del mondo degli smartphone, un’azienda che possiede un milione di sottomarchi destinati a vari segmenti di mercato e paesi. Non troverai un telefono con il marchio “BBK” sul mercato, ma probabilmente hai sentito parlare di OnePlus, Oppo, Vivo e/o Realme, che sono tutti marchi della scuderia BBK. Proprio come con GM, non è raro che i marchi condividano tecnologia, parti e design. Con iQoo che segue la “disabilitazione del percorso 5G”, anche gli altri sottomarchi BBK potrebbero trovarla una strategia appropriata per alcuni dispositivi. Anche un altro marchio BBK, Realme, ha fatto lo strano passo di lanciare un telefono 5G (il Realme X50 Pro) in India questa settimana.

Immagine dell’inserzione di iQoo