Hai AI FOMO generativa? Mantieni la calma e vai avanti | Il battito dell’IA

77

Registrati ora per il tuo pass virtuale gratuito per il Summit Low-Code/No-Code del 9 novembre. Ascolta i dirigenti di Service Now, Credit Karma, Stitch Fix, Appian e altri. Scopri di più.

Era una settimana. Le auto a guida autonoma alimentate dall’intelligenza artificiale sono state sbattute sul marciapiede, con la chiusura di Argo AI. Big Tech ha avuto un momento difficile, con guadagni azzerati per Amazon, Microsoft e Google. E la grande scommessa di Meta sul metaverso ha la compagnia in caduta libera, almeno per ora.

Tuttavia, nessuna di quelle notizie negative-nellie sembra fermare la FOMO – la paura di perdersi – almeno nel mondo dell’IA. Questa volta l’ansia esagerata non riguarda le auto autonome (il “non” in Hot or Not), ma l’IA generativa – un settore improvvisamente sexy descritto con parole come “miracoloso”, “trasformativo” e “un coming out festa” [subscription required].

I clienti aziendali si stanno accalcando per entrare a far parte delle startup di generazione di contenuti guidate dall’intelligenza artificiale con applicazioni aziendali come Jasper, una piattaforma di IA generativa progettata per generare automaticamente post di blog promozionali e altro materiale di marketing. Gli investitori, nel frattempo, sono alla ricerca del prossimo unicorno AI come Stability AI, che ha lanciato il suo generatore di text-to-image Stable Diffusion solo un paio di mesi fa, ma vanta già una valutazione di un miliardo di dollari da parte degli investitori. E Sonya Huang di Sequoia Capital ha definito il clamore sull’IA generativa “assolutamente giustificato”.

Ma per i leader aziendali alle prese con gravi sentimenti di FOMO, Ritu Jyoti, vicepresidente del gruppo IDC per la ricerca sull’intelligenza artificiale e l’automazione, vorrebbe una parola.

Evento

Summit Low-Code/No-Code

Unisciti ai principali dirigenti di oggi al Summit Low-Code/No-Code virtualmente il 9 novembre. Registrati per il tuo pass gratuito oggi.

Registrati qui

“Devono essere razionali e responsabili”, ha detto a VentureBeat. “Devono capire che i dati e l’automazione non sono solo cose piacevoli da avere, ma non hanno nemmeno bisogno di impazzire e iniziare ad applicare l’IA che porta ad aspettative irrealistiche e ‘trucchi'”.

Concentra l’IA sui problemi aziendali

Al contrario, sottolinea la necessità per le organizzazioni di calmarsi e concentrarsi sui propri problemi aziendali e su ciò che stanno cercando di risolvere.

“Chiunque non sia strategico in questi tempi sarà sfidato”, ha detto. “Stiamo sentendo dai nostri utenti finali che stanno investendo nell’intelligenza artificiale non per il ROI a breve termine, ma per rendere la tua azienda a prova di futuro per essere resiliente, per essere l’elemento dirompente. Ecco dove starà il gioco”.

Jyoti ha ricordato di aver parlato a una conferenza per utenti finali in cui i clienti hanno chiesto se i generatori di testo in immagini fossero utili o semplicemente “completamente stupidi”. “Si tratta solo di creare immagini di cani e gatti? Stavo cercando di aiutarli a capire perché la maggior parte delle persone all’epoca erano oppositori”, ha spiegato.

Ma qualsiasi dirigente di C-suite nella classifica Fortune 1000, dice, comprende il potere dell’IA al di là del clamore dei media mainstream sull’IA generativa o sul futuro dell’AGI, per esempio.

“Direi di non lasciarti distrarre dal potenziale dell’IA, concentrati invece sui requisiti e sui risultati del tuo business, quindi usa l’IA e l’automazione in modo appropriato, sia che si tratti di migliorare l’efficienza operativa e le entrate, di espanderti in nuovi mercati, di affrontare i problemi della catena di approvvigionamento o facendo qualche innovazione”, ha detto.

Le imprese saranno prudenti con l’IA

La questione dell’investimento nell’IA non esiste più nel business aziendale, ha sottolineato. Non avere una strategia di intelligenza artificiale “non è un’opzione”.

“Devi essere competitivo, per essere rilevante per il settore”, ha detto Jyoti.

Ma sembrava indifferente alla possibilità che le imprese partecipassero al clamore attorno all’IA generativa.

Ad esempio, ha affermato che prodotti come DALL-E di OpenAI non sarebbero stati utilizzati dalle aziende così come sono.

“Saranno usati in modo molto controllato con i giusti guardrail”, ha detto. “Secondo me, le imprese saranno molto più conservatrici. Nessuna impresa vorrebbe avere un titolo domani che i clienti sono stati discriminati, o essere citati in giudizio, essere multati o avere una cattiva reputazione”.

Rilassati, il ciclo dell’hype è normale

Nel complesso, ha affermato Jyoti, il ciclo di clamore e persino arroganza intorno all’IA non è anormale. Anche la scomparsa di Argo AI è “abbastanza normale”, ha detto.

“È ciò che accade con qualsiasi tipo di nuova tecnologia che ha un grande potenziale e quindi richiede molto tempo”, ha affermato.

Ma per quanto lo spazio sembri attualmente esagerato, Jyoti sostiene che la realtà sull’adozione nell’impresa è molto più banale.

“L’intelligenza artificiale è una delle tecnologie più dirompenti che abbiamo mai sviluppato, ma detto questo, oggi, viene utilizzata solo per soluzioni puntuali”, ha affermato. “Quella vera interruzione trasformativa non sta realmente accadendo: le persone litigheranno con me, ma ci sono sacche molto piccole in cui l’IA è davvero in nuovi processi netti e nuove cose”.

L’IA generativa e l’adozione in generale, ha concluso, non sono clamore. “La velocità, il ritmo, la velocità… ecco dove è cambiata.”

Tuttavia, ha aggiunto, ci vorranno decenni prima che le organizzazioni sentano il pieno impatto della trasformazione, andando oltre la superficie di ciò che queste tecnologie possono fare. Per ora, “Inizia con qual è il tuo problema aziendale ed esplora dove l’intelligenza artificiale e l’automazione possono essere utilizzate in modo efficiente, nel modo più responsabile”, ha affermato.

Fondamentalmente, come diceva il classico poster motivazionale britannico del 1939, mantieni la calma. E vai avanti.

La missione di VentureBeat deve essere una piazza cittadina digitale per i decisori tecnici per acquisire conoscenze sulla tecnologia aziendale trasformativa e le transazioni. Scopri i nostri Briefing.