Hai anche 10 chiavi, fratello? Il nostro omaggio alla classica tastiera standard

48

Mentre stavo facendo una pulizia completa del mio ufficio a casa, cosa che so di non essere il solo a fare ultimamente, ho dovuto soffiare via la polvere da alcuni oggetti dimenticati. A casa mia, questo includeva una gamma di dispositivi elettronici che non usavo da anni: un Amazon Echo Dot, un Ouya, un telefono masterizzatore pieno di app Google fuori produzione e così via.

Sotto tutti questi c’era una sorpresa: un tastierino a 10 tasti extra per la mia tastiera wireless per il driver quotidiano. Questo modello, una tastiera ergonomica Microsoft Sculpt wireless, rompe la sua porzione di 10 tasti in un pezzo separato, wireless, che a quanto pare avevo messo via e dimenticato. L’ho menzionato nel canale di chat “personale” di Ars per i funsies, con una versione sarcastica di “chi usa più queste cose?”

Quello che seguì fu un’esplosione di opinioni sul tastierino numerico a 10 tasti che non avevo previsto ma avrei dovuto aspettarmi. Questa è Ars Technica, dopotutto. Se qualcosa accetta qualsiasi forma di corrente elettrica, possiamo trovare un modo per renderlo un pezzo di conversazione “ferma tutto, finiamolo”. E ce l’abbiamo fatta, con il personale che ricorda decenni di aneddoti e ricordi chiave di 10.

Quello che segue è una serie di 10 sentimenti chiave di Ars che vanno da “indispensabili” a “usa e getta”.

Mavis non mi ha insegnato a digitare

Inizierò con la mia versione, che include un disturbo da stress post-traumatico personale (la “T” sta per “10 tasti”, ovviamente).

Da bambino della periferia americana degli anni ’80, i miei primi ricordi con la tastiera provengono dai laboratori informatici delle scuole pubbliche pieni di nuovi computer Apple. Ho trascorso gran parte della mia vita adulta presumendo che questi fossero stati forniti direttamente da Apple con un’abile mossa promozionale per attirare gli studenti non solo sui computer in generale, ma anche sui computer, sui software e sui sistemi operativi di Apple. Ma la mia ricerca superficiale indica solo un chiaro movimento Apple-to-schools negli anni ’80 incentrato esattamente sulla California, dal momento che Apple ha lottato per convincere i legislatori federali a muovere l’ago sui crediti d’imposta a livello nazionale per le donazioni di computer.

  • No, non è quello che scrivevo alle elementari. Vedere la barra laterale “storia” per il contesto su questo punzone di duplicazione alfanumerico IBM 031.

  • Il tastierino a 10 tasti era disposto ad angolo e disponeva le sue cifre in ordine telefonico, non nell’ordine moderno a 10 tasti. Ma il suo posizionamento accanto a una tastiera QWERTY è stato il primo nel suo genere.

Come la mia scuola elementare del Texas abbia ottenuto la sua flotta di macchine Apple IIe, quindi, non posso dirlo. Ma su questi, sono stato addestrato a digitare già in terza elementare, forse prima, su una suite di software che non ho mai scoperto negli anni successivi. Mentre la prima versione di Mavis Beacon Teaches Typing aveva debuttato a questo punto, la nostra scuola ha utilizzato un’applicazione monocromatica rudimentale che mi ha semplicemente istruito a digitare parole e frasi più e più volte, senza alcuna immagine di istruzioni sul posizionamento delle mani per aiutare. (Ho sempre pensato che il suo nome fosse “PRIMR”, pronunciato “prim-her”, ma non riesco a trovare traccia di questo software da nessuna parte. Lettori, se sapete di cosa sto parlando, vi prego di indirizzarmi a qualunque cosa voce archive.org che ho perso.)

Annuncio

Riporto tutto questo perché se la mia scuola elementare avesse o meno tastiere a 10 tasti sulle tastiere, non riesco a ricordare; invece, posso ricordare che questo software di digitazione mi ha addestrato a digitare senza togliere le mani dalla fila principale. Non sono sicuro di come il software avrebbe potuto spiegare agilmente come farlo in un’interfaccia di solo testo, comunque. Quindi non ho mai veramente raggiunto i 10 tasti durante la mia adolescenza, nemmeno quando i videogiochi hanno cercato di spingermi in quella direzione. (Probabilmente sarebbe stato più veloce che cercare di forzare il mio Gravis Gamepad a lavorare su più software.)

Non ho fatto affidamento su un tastierino a 10 tasti fino a quando non mi sono laureato e ho ottenuto il mio primo lavoro formale: gestire il servizio clienti e le chiamate di supporto tecnico per un rivenditore di linee telefoniche che aveva appena dichiarato fallimento. (L’inizio del 2003 non è stato un grande momento per il mercato della ricerca di lavoro.) Era un lavoro anale verruca, completo di severi mandati che non passavamo mai telefonate arrabbiate a un manager nel caso in cui noi grugniti in prima linea non lo fossimo in grado di aiutare con problemi come down service o condizioni contrattuali apparentemente fraudolente. (È andato male.) Ogni chiamata arrabbiata o rapporto di servizio interrotto veniva fornito con una rubrica richiesta per compilare un ticket di supporto, spuntare il tic tac sul tasto 10 per compilare dettagli come numeri ID cliente e punti di collocazione.

Quindi, certo, ho ottenuto un clic-clac rapido come l’inferno attraverso la disposizione inversa dei numeri su un tasto 10, ed è la mia disposizione numerica preferita se mi capita di entrare in un pizzico di immissione di dati. Ma quando sono stato licenziato durante il processo di fallimento, ho preso come un chiaro mandato da qualunque potere guidasse il mio destino usando la tastiera di saltare i 10 tasti ogni volta che umanamente possibile. Pensare a una chiave a 10 chiavi mi riporta a quella cupa terra desolata del cubicolo, il tipo in cui le discussioni sui pasti rubati nel frigorifero della sala ristoro erano argomento di conversazione settimanale. Quindi, preferisco le tastiere senza tastiere a 10 tasti richieste e vorrei che più produttori di laptop servissero le loro porzioni da 10 tasti come dispositivi opzionali e rotti.

I difensori a 10 chiavi di Ars

Quello che segue da qui in poi sono le risposte dei miei colleghi di Ars Technica sui tastierino numerico a 10 tasti.

Ron Amadeo, redattore di recensioni: È una domanda seria? La tastiera è una parte vitale della mia esperienza con il computer e sono completamente perso quando non l’ho sul mio laptop. È perfetto per un rapido utilizzo dell’app calcolatrice e per inserire stringhe di numeri in una tabella delle specifiche. Davvero, se sto digitando più di due numeri in una frase, sposto la mano. Inoltre, ne ho bisogno per la tonnellata di codici alt di caratteri speciali che ho memorizzato come ALT+0215 per “×” in “1920×1080”, ALT+0151 per un trattino em (—) e ALT+0128 per Euro “€.” Scrivere i numeri di codice ALT per questo articolo è stato in realtà difficile perché digitarli non è qualcosa a cui normalmente penso. Adesso è tutta memoria muscolare!

Non ho ancora provato un laptop con una tastiera perché i laptop sono per la portabilità. Il mio laptop deve stare in grembo su un aereo, un treno e uno spazio angusto per i liveblogging, e i modelli a 10 tasti sono semplicemente troppo grandi. Sono comunque piuttosto impegnato con livelli di produttività miserabili su un laptop, con un solo schermo.

Annuncio

Eric Bangeman, caporedattore: Da studente di scuola superiore all’inizio degli anni ’80, le opportunità per imparare a programmare e altri aspetti dell’informatica erano limitate. Un’opzione per me era la scuola professionale della zona. Oltre ad alcune lezioni di programmazione BASIC, c’era un corso chiamato Elaborazione dati e operazioni con il computer che era uno strano miscuglio di apprendimento COBOL e semplice immissione di dati (ricordate, questo era il 1983). La parte di immissione dei dati aveva una pesante componente di 10 tasti, inclusi test di digitazione costituiti da nient’altro che riga su riga di numeri da 6 a 8 cifre, e dovevo diventare esperto per superare la lezione.

Da allora, ho sempre gravitato verso le tastiere con tastierino numerico. L’unica eccezione è stata quando è uscita la tastiera wireless Apple di seconda generazione. Ne ho acquistato uno perché odio il disordine dei cavi sulla mia scrivania, ma anche in quel caso ho acquistato una tastiera Bluetooth di terze parti abbinata da utilizzare. Una volta che Apple è tornata indietro e ha aggiunto un’opzione a 10 tasti alla sua linea wireless, ne ho acquistato uno e da allora lo uso felicemente.

Anche se posso digitare bene il tocco, trovo ancora più facile passare al tastierino numerico per le cose che implicano la digitazione di un mucchio di numeri, al punto che, se sono sul mio laptop, metto alcune attività spento fino a quando non sono tornato al mio desktop.

Ingrandisci / L’opzione preferita di Kate Cox per inserire rapidamente caratteri speciali tramite il tastierino numerico a 10 tasti.

Kate Cox

Kate Cox, giornalista di politica tecnica: Sì, deve essere utilizzato quando si scrive in una lingua con segni diacritici.

Grazie, Windows, per non aver cambiato quei comandi in almeno 25 anni.

Jim Salter, giornalista tecnologico: Se non ha un 10 tasti, non lo voglio. Se siamo completamente onesti qui, probabilmente uso una chiave 10 solo una volta ogni settimana o due. Ma semplicemente non sembra un computer “reale” senza uno.

Nate Anderson, vicedirettore: Posso tollerare la mancanza di un 10 tasti in un laptop più piccolo, ma quando raggiungi i 15 pollici, sono tornato a richiederne uno. Certo, è un po’ fastidioso quando la tastiera è sfalsata rispetto allo schermo… ma non così fastidioso come quando devo digitare alcuni dati numerici e il tastierino è mancante.

Per la maggior parte delle persone, i tastierino numerico a 10 tasti sono inutili, ma ho ancora due tastiere che li hanno. Questo perché le mie vecchie tastiere Mac cablate ed estese con tastierino a 10 tasti sono anche dotate di tasti freccia di dimensioni standard, tasti pagina su/giù e tasti home/fine. Come scrittore ed editore che ha bisogno di muoversi in documenti basati su testo, questi sono tutti salvavita. Quindi compro sempre tastiere con tastierino a 10 tasti… ma non per tastiere a 10 tasti.

Lee Hutchinson, redattore tecnologico senior: Devo seguire la versione di Ron: una tastiera senza 10 tasti è come i pantaloni senza culo. Ho comprato una bellissima tastiera personalizzata Varmilo non a 10 tasti (o “TKL” per “tenkeyless”) con cappucci illuminati di bianco e l’ho provata onestamente, ma ho continuato a sbattere le dita nella parte della scrivania dove i 10 tasti sarebbe, molte volte al giorno, per giorni. A quanto pare scrivo tutti i miei numeri sul tasto 10, e lo faccio da così tanto tempo che sciogliere tutta quella memoria muscolare sarebbe doloroso.

Ho cose migliori da fare con il mio tempo che imparare a digitare i numeri in una fila lunga e diritta come una plebe.

Inoltre, puoi dire quali membri dello staff sono cresciuti giocando ai giochi di avventura Sierra negli anni ’80 da chi ama e non ama le tastiere con 10 tasti. Le tue tastiere TKL sono inutili se ti viene voglia di avviare DOSBox e giocare a giochi di avventura basati su parser. Come farai a muovere il tuo piccolo personaggio? CHECKMATO, PAZZI!