HAMR non li danneggia: i dischi rigidi assistiti da laser arriveranno nel 2020

58
  • Questa foto di Seagate mostra un attuatore HAMR con il suo laser attivo.

  • Questa foto di Seagate mostra una testa HAMR con il suo laser attivato.

  • Questa animazione di Seagate ti dà un’idea dell’entità del processo di riscaldamento eseguito nelle unità HAMR.

Il produttore di dischi rigidi Seagate promette che i dischi rigidi HAMR (Heat Assisted Magnetic Recording) nei modelli da 18 TB e 20 TB saranno disponibili nei canali di vendita al dettaglio nel 2020. ) e, pertanto, deve essere riscaldato brevemente e localmente con un laser mentre i dati vengono scritti sul supporto.

Seagate lavora su HAMR da molto tempo; il primo grande comunicato stampa dell’azienda sulla tecnologia è arrivato nel 2002. La promessa è sempre stata la stessa: densità areali più elevate, il che significa più bit memorizzati per pollice quadrato, con una maggiore stabilità dei dati una volta scritti. Le stesse densità previste sono aumentate nel corso degli anni, tuttavia, quando Ars Technica ha segnalato per la prima volta Seagate e HAMR nel 2012, la società prometteva che le unità HAMR da 6 TB erano proprio dietro l’angolo.

Sebbene le unità HAMR del 2012 “proprio dietro l’angolo” sembrino essere state per lo più vaporose, la tecnologia è ora una realtà. Seagate ha testato unità HAMR da 16 TB con clienti selezionati per più di un anno e afferma che le prove hanno dimostrato che le sue unità HAMR sono “sostituzioni plug and play” per le unità CMR tradizionali, non richiedono cure particolari e non hanno casi di utilizzo particolarmente scadenti rispetto alle unità a cui siamo tutti abituati.

Raccomandiamo un po’ di cautela per quanto riguarda le affermazioni secondo cui le unità sono veramente sostituzioni “plug and play”. Sebbene non vi sia alcuna indicazione che HAMR stesso abbia implicazioni sulle prestazioni, molte di queste unità presenteranno anche la tecnologia SMR (Shingled Magnetic Recording), che già spesso si traduce in una velocità di scrittura drasticamente ridotta quando i dati non vengono scritti in sequenze ampie e contigue. Non ci vuole molta ricerca per trovare esempi di utenti del mondo reale che hanno riscontrato scarse prestazioni con unità SMR non HAMR, come questo utente Reddit che ha segnalato latenze di 10 secondi interi per carichi di I/O casuali.

Seagate non è l’unico fornitore con HAMR sulla tabella di marcia immediata: il produttore di supporti per dischi rigidi Showa Denko, il più grande produttore indipendente di piatti al mondo, ha annunciato la propria tecnologia multimediale HAMR, che, come quella di Seagate, si basa su film sottili di Fe-Pt (ferro e platino) lega. Showa Denko afferma che il suo supporto HAMR alla fine consentirà densità di 5Tb/in² o più, rendendo possibili dischi rigidi da 70-80TB da 3,5 pollici. Il produttore rivale di dischi rigidi Western Digital ha invece sperimentato la tecnologia MAMR (Microwave Assisted Magnetic Recording), ma ha anche molti brevetti HAMR.

L’unica cosa su cui tutti questi venditori concordano è l’obsolescenza della registrazione magnetica PMR (Perpendicular Magnetic Recording) non assistita da energia. Le densità PMR sono attualmente a circa 1,1 Tb/in² e non si prevede che diventeranno molto, se non del tutto, superiori, a causa delle limitazioni imposte dal Trilemma della registrazione magnetica: è necessario che il supporto sia resistente ai cambiamenti nella magnetizzazione (per la stabilità), ma le tue teste devono essere in grado di superare quella resistenza per poter scrivere sul supporto e più piccoli sono i singoli grani sul supporto, minore è il campo magnetico che la tua testa può generare per cambiarlo senza sovrapposizioni e, quindi, più debole quel campo devi ottenere.

Immagine dell’elenco di Seagate