I lettori di Ars condividono le loro storie sulla carenza di hardware legata al coronavirus e altro ancora

52

Ingrandisci / Laptop Thinkbook 13s di Lenovo.

Valentina Palladino

Un paio di settimane fa, IPC, un gruppo commerciale che rappresenta le aziende di elettronica, ha intervistato i produttori per stimare l’impatto dell’epidemia di coronavirus sul settore. I produttori intervistati hanno affermato che i loro fornitori li hanno avvertiti che dovrebbero aspettarsi in media circa tre settimane di ritardo, ma i produttori si aspettano che le cose andranno anche peggio di così, in media circa cinque settimane. Pochi eletti si aspettano ritardi superiori alle nove settimane.

Il 3 marzo, il Financial Times ha pubblicato una storia affermando che i rivenditori di elettronica sono stati informati che dovrebbero aspettarsi “fino a tre volte più tempo per la consegna di PC e parti” rispetto al normale. Rileva inoltre che i piccoli OEM sono in svantaggio significativo quando l’offerta è bassa perché le grandi aziende come Apple sono in una posizione migliore per lavorare con i fornitori che operano in modo più efficace.

Ma nemmeno Apple e i suoi simili stanno resistendo perfettamente a questa tempesta. La scorsa settimana, Bloomberg ha scritto che Apple ha detto ai suoi addetti all’assistenza tecnica di aspettarsi ritardi di più settimane per gli iPhone sostitutivi negli Apple Store, e alcuni dipendenti Apple “hanno anche notato una carenza di singole parti”. Ci sono state anche segnalazioni precedenti secondo cui il lancio di un aggiornamento di iPad Pro sarà ritardato a causa dell’impatto dell’epidemia sui partner di fornitura di Apple.

Abbiamo chiesto ai nostri lettori, molti dei quali sono tecnologi professionisti in una varietà di settori, se hanno riscontrato problemi nell’ottenere le attrezzature necessarie o altri problemi legati a questa crisi sanitaria. Abbiamo diverse storie indietro. Ecco alcuni aneddoti sulle sfide che i responsabili IT e simili stanno affrontando in questo momento.

engrpiman 2 ha scritto:

I nostri computer Lenovo sono tornati ordinati a tempo indeterminato. Sia CDW che Anixter stanno segnalando problemi relativi alla catena di fornitura.

mtgarden si affida anche a Lenovo e ha aggiunto:

Lenovo sta dicendo che tutto ciò che non è già disponibile viene ora elencato come 2-3 mesi. Probabilmente non sarà così lungo, ma gli ordini di grandi dimensioni (roba aziendale) dovrebbero prevedere tempi di consegna lunghi.

Da Dreamslacker:

Annuncio

Il mio posto di lavoro aveva un ordine di laptop Lenovo per un cliente senza gli adattatori WLAN installati. Lenovo ci ha informato che il tempo di consegna delle parti in arrivo è compreso tra tre e sei mesi. Per il momento, ci hanno chiesto di acquistare dongle wireless USB standard (rimborseranno questo costo) e di installarli affinché il cliente possa utilizzarli fino a quando non saranno in grado di fornire le parti e i servizi di installazione .

Anche punksmurph sta affrontando alcune sfide:

Stiamo passando ai laptop Lenovo e ai thin client (usiamo modelli Dell specifici per desktop ad alta potenza). In questo momento i nostri ordini sono tutti in attesa. Non restituiremo gli aggiornamenti del leasing Dell perché, se lo facessimo, faremmo l’inventario in circa due settimane. I nostri sistemi Dell di cui abbiamo bisogno per i desktop hanno un minimo di 60-90 giorni per i desktop di cui abbiamo bisogno. E a causa di alcuni requisiti tecnologici con le schede Nvidia, siamo bloccati. È davvero un inferno.

L’offerta non è l’unico problema, riferiscono i lettori di Ars. Alcune storie condivise su come le loro aziende stanno tentando di affrontare l’epidemia e proteggere i dipendenti, dai servizi igienico-sanitari al lavoro a distanza alle limitazioni di viaggio. Scrive numerobis:

Ho un cliente, un fornitore di software multinazionale, che ha avuto divieti di viaggio da alcuni siti per un po’, e ora (oggi credo?) ha deciso un divieto di viaggio globale, colloqui da svolgere a distanza, lavoro facoltativo globale da -casa. Sto preparando la mia squadra a lavorare a casa; non abbiamo ancora l’infrastruttura.

Da spirale binaria:

Tutti i viaggi di lavoro sono stati annullati. Eventuali conferenze o formazione in aula, riunioni con i clienti che erano di persona ora sono remote. Tutti i nostri fornitori (Cisco, Dell, HP, ecc.) hanno rilasciato dichiarazioni su possibili ritardi o disponibilità limitati dei prodotti e persino sulla disponibilità del supporto tecnico quando i call center vengono chiusi.

Secondo l’esperienza di wkingan, alcune aziende stanno adottando misure igienico-sanitarie selvagge:

Il nostro help desk IT ha ordinato circa un milione di casse di salviettine candeggina e ha istituito una nuova politica in base alla quale puliscono tutte le superfici nello spazio walk-up dell’help desk ogni 15 minuti. C’è davvero un odore di candeggina lì dentro adesso.

anjoschu è andato molto più in dettaglio sull’impatto che la loro azienda sta vedendo e le risposte ad esso:

Annuncio

La nostra azienda ha raddoppiato le capacità dell’infrastruttura di lavoro a distanza e domani terrà un imponente test in cui al 50% dei nostri dipendenti (>1200 in totale) verrà chiesto di lavorare da casa come stress test.

Le politiche sembrano relativamente sensate: nessun viaggio di lavoro se non con esplicita eccezione dei più alti livelli, i colleghi che sono stati in aree ad alto rischio come definite dall’agenzia sanitaria nazionale devono lavorare da casa per 14 giorni, rimanere a casa se si sentono male, non stringere la mano per favore, tossire/starnutire nel fazzoletto/nel gomito, lavarsi le mani subito dopo essersi soffiati il ​​naso, la mensa ha chiuso il buffet aperto a favore dei piatti preparati per voi dal personale, ecc.

Tutto sommato, mi sento abbastanza ben curato in questa compagnia. Cercano di assicurarsi che tutti si lavino o igienizzino le mani quando toccano pulsanti, maniglie delle porte, ecc. e forniscono i mezzi per farlo. Ci sono aggiornamenti quotidiani sulle politiche e sulle misure aziendali che affrontano l’epidemia, che includono tutti consigli (forti) su cosa fare per ridurre il rischio di infettare gli altri o te stesso e quali sono i piani se qualcuno nella nostra azienda diventa un portatore noto.

E una vasta gamma di settori ne risente pesantemente. dargonite ha riportato gravi sfide nel settore del trasporto merci in Canada:

Vivo in Canada, lavoro IT presso un’azienda di spedizioni.

Tra la chiusura in Cina e i blocchi ferroviari qui in patria, l’intero settore dei trasporti marittimi è praticamente fermo. Tutti i magazzinieri qui sono stati licenziati. Il nostro magazzino di solito sposta centinaia di migliaia di scatole a settimana e non c’è stato un camion per almeno 2 settimane. Prevediamo che i clienti dichiareranno bancarotta poiché non hanno ottenuto i loro prodotti e hanno perso vendite/saldi festivi e hanno dovuto pagare per lo stoccaggio nei porti (i porti hanno creato Super Piles, ovvero centinaia di migliaia di container impilati in cielo alto)

Immagina di essere una piccola azienda che vende prodotti; non hai ricevuto le tue merci, devi ancora pagarci (spedizionieri) poiché abbiamo già pagato le navi e i camionisti, ecc. uscire a causa dei blocchi! (quindi, super pile) quindi in questo momento, tutto è praticamente fermo.

Per ulteriori informazioni sul coronavirus e sulla risposta del mondo ad esso, leggi la guida dettagliata di Ars Technica, aggiornata quotidianamente. E grazie ai nostri lettori per aver condiviso le loro storie.