I tuoi problemi Internet COVID-19 potrebbero essere problemi Wi-Fi COVID-19

44

Ingrandisci / Da sinistra a destra: un satellite Netgear Orbi incombente, un superpod Plume capovolto e un vecchio modello Eero.

Jim Salter

Il Great Telework Experiment del 2020 ha portato in primo piano molte sfide di rete. Ovviamente alcuni lavori sono più adatti al lavoro a distanza rispetto ad altri e alcune aziende erano più preparate a spostarsi in quella direzione. Tuttavia, il telelavoro di successo non riguarda solo l’infrastruttura aziendale, ma anche le configurazioni domestiche dei dipendenti.

La maggior parte delle persone che hanno bisogno di lavorare da casa devono anche lavorare dal Wi-Fi. E il Wi-Fi, sfortunatamente, non si adatta molto bene: più persone e dispositivi ci stipano, più diventa lento e scomodo. Ci sono due modi per alleviare questo problema: puoi collegare il tuo dispositivo direttamente al router (o uno switch connesso) con un cavo Ethernet, oppure puoi migliorare il tuo Wi-Fi stesso.

È improbabile che l’acquisto di un nuovo router migliori sostanzialmente il tuo Wi-Fi, ma se ora hai un singolo router, l’aggiornamento alla rete quasi sicuramente lo farà.

“È peggio quando il mio coinquilino è a casa.”

La scorsa settimana, un architetto mi ha confidato che, sebbene il passaggio al lavoro a distanza fosse andato molto meglio per la sua azienda rispetto alla maggior parte delle aziende con cui tratta, c’era ancora una persona che entrava in ufficio per lavorare. La sua connessione a Internet da casa non era eccezionale. Ha aggiunto che, sebbene potesse lavorare da casa, le cose non andavano così bene ora che anche il suo compagno di stanza era a casa tutto il giorno.

La parte sulla coinquilina ha davvero attirato la mia attenzione. Questo era un segnale forte del fatto che la connessione Internet del suo dipendente non sarebbe stata affatto il problema, era molto più probabile che fosse il suo Wi-Fi. Ho fatto qualche altra domanda e lei si è offerta volontaria dicendo che il router era nella stanza del suo coinquilino. Quindi sì, stiamo parlando di Wi-Fi e stiamo parlando di una situazione condivisa.

Raramente si verificano problemi con più persone che condividono una connessione Internet, a condizione che tutto sia cablato: le piccole imprese molto spesso condividono meno larghezza di banda di quella offerta da una singola connessione residenziale, tra dieci o più dipendenti, senza alcuna lamentela. Il segreto è che le aziende, almeno quelle intelligenti, hanno connessioni cablate ai computer di tutti.

Quando hai due computer con connessioni Ethernet cablate a un router, entrambi i computer possono parlare contemporaneamente. Ogni connessione è full duplex, il che significa che il computer può inviare pacchetti al router nello stesso momento in cui il router gli sta inviando pacchetti, quindi i download di grandi dimensioni non hanno un grande impatto sulla latenza sui piccoli caricamenti.

Oltre a ciò, lo switch, che collega tutte le connessioni cablate insieme e può essere integrato nel router stesso, gestisce tutte queste connessioni in modo intelligente. Ciò consente al router di ricevere input da ciascun dispositivo in modo tempestivo, oltre a suddividere equamente il proprio tempo per fornire i dati richiesti a ciascuno di tali dispositivi.

Annuncio

Il Wi-Fi è diverso: è half duplex ed è un unico dominio di collisione per tutte le persone connesse. Se il laptop della tua coinquilina sta inviando un’e-mail, non puoi ricevere il prossimo pacchetto del tuo streaming Netflix finché il suo laptop non ha finito di parlare e, allo stesso modo, il suo laptop non potrebbe iniziare a inviare l’e-mail finché non ha individuato un’interruzione tra il download Pacchetti Netflix.

Il lavoro a distanza è molto simile al gioco online

Il semplice streaming, guardare Netflix o YouTube, è, stranamente, una delle attività meno impegnative che puoi assegnare al tuo Wi-Fi. Il traffico è quasi interamente scaricato e non è sensibile alla latenza: se Netflix vuole creare un buffer di dieci minuti, non lo saprai mai; un errore di servizio verrà attenuato senza un singolo fotogramma caduto visibilmente.

Sfortunatamente, mentre fornire un flusso video non è poi così difficile, vivere sulla stessa rete con un flusso video può esserlo. Se la larghezza di banda consumata dallo streaming è vicina al limite di larghezza di banda della connessione Wi-Fi (non della connessione Internet!) non ci saranno molte “interruzioni” nello streaming per consentire al tuo dispositivo di dire una parola in modo edgewise.

La parola chiave del vocabolario qui è airtime. Se la maggior parte del tempo di trasmissione disponibile viene già consumato, un dispositivo che ha un’esigenza di comunicazione sensibile alla latenza, come il controllo remoto di un computer dell’ufficio, passerà un brutto momento.

La disponibilità di tempo di trasmissione imprevedibile per il tuo dispositivo per caricare una richiesta, che si tratti di una semplice richiesta HTTPS per recuperare una pagina Web o di input del mouse o della tastiera inviati a un PC telecomandato in ufficio, significa che le cose diventano lente. Non stai riscontrando un problema di velocità effettiva, stai riscontrando un problema di latenza: muovi il mouse e fai clic su qualcosa e ci vuole mezzo secondo (o più!) prima che accada qualcosa.

Congratulazioni, ora sei un giocatore onorario e hai le stesse lamentele che fanno loro. Hai il temuto “ritardo” e sta interrompendo il tuo flusso di lavoro.

Una singola cattiva connessione è un problema di tutti

Torniamo al nostro precedente esempio di streaming Netflix. Se un coinquilino sta guardando uno spettacolo 4K su Netflix, quello spettacolo consumerà, in media, circa 25 Mbps. In una casa con una connessione Internet via cavo a 100Mbps, non sembra così male.

Ma la stessa situazione può iniziare a sembrare molto più cupa all’interno della casa o dell’appartamento stesso, quando si guarda il Wi-Fi. Se il router e il dispositivo di streaming si trovano nella stessa stanza e sono collegati a 5 GHz, quel flusso a 25 Mbps consuma probabilmente solo il 15 percento del tempo di trasmissione. Ma se sono due stanze distanti l’una dall’altra, lo stesso flusso probabilmente consumerà il 75-90 percento del tempo di trasmissione.

Sebbene le connessioni a 2,4 GHz possano portare più lontano, all’inizio sono più lente. Hanno anche problemi di congestione ancora peggiori: la stessa portata e penetrazione più elevate significa che è più probabile che i tuoi dispositivi competano con quelli dei tuoi vicini per il tempo di trasmissione sulla stessa frequenza. (No, non importa se hai password diverse: il tempo di trasmissione è il tempo di trasmissione, punto.)

Annuncio

Questo è il momento in cui inizi ad avere seri problemi di latenza: con la maggior parte del tempo di trasmissione Wi-Fi già occupato, ci sono ritardi significativi tra quando dici al tuo telefono o laptop che desideri richiedere dati e il tuo telefono o laptop può inoltrare tale richiesta al router.

Il primo passo è eliminare quante più connessioni Wi-Fi possibile. Se il tuo Roku o la tua smart TV si trovano proprio accanto al router, collegalo! Ora non devi preoccuparti di quel flusso video 4K a 25 Mbps che intasa il tuo Wi-Fi e il laptop che deve essere connesso al Wi-Fi se la passerà meglio.

Riduzione del consumo di tempo di trasmissione con rete Wi-Fi

Ingrandisci / Nota: alcuni ingegneri RF consigliano -65dBM come livello di segnale più basso per le massime prestazioni.

Jim Salter

Per i dispositivi che non puoi collegare, il passaggio successivo è aumentare la qualità della connessione, di nuovo, non solo la qualità della connessione di un dispositivo, ma la qualità della connessione di tutti i dispositivi. Il Wi-Fi mesh può aiutare in modo significativo in questo caso riducendo la distanza e gli ostacoli necessari per ogni connessione.

Per ottenere la massima qualità di connessione, il che significa il più alto tasso di modulazione, il più basso tasso di errore e il minor tempo di trasmissione utilizzato per MiB di dati, sono necessari punti di accesso nelle vicinanze. Nel grafico sopra, possiamo vedere curve di perdita RF generiche a 2,4 GHz e 5 GHz. Qualsiasi cosa al di sopra di -67dBM dovrebbe essere una connessione solida, il che significa che per le connessioni a 5GHz che desideri, devi essere nient’altro che una stanza e un muro di distanza.

Se si dispone di dispositivi più lontani dal punto di accesso più vicino di quello, dovranno negoziare un tasso QAM inferiore e tollerare tassi di errore e ritrasmissione più elevati. Un dispositivo a 15 piedi e una singola parete di distanza dal router potrebbe essere in grado di spostare 200 Mbps di dati, mentre lo stesso dispositivo a 20 piedi e due pareti è fortunato a spostare 30 Mbps.

Dove la mesh può aiutare qui è accorciando i collegamenti tra i dispositivi. Anche nello scenario peggiore, in cui il kit mesh deve ritrasmettere i dati sullo stesso canale in cui li riceve, ciò può finire per risparmiare significativamente il tempo di trasmissione. E in molti casi, il kit mesh può fare di meglio comunicando con il tuo dispositivo e il suo nodo a monte su due canali separati contemporaneamente.

Torniamo all’esempio in cui un dispositivo è a 20 piedi e due pareti da un router. Questa è una connessione piuttosto incerta, forse un test di velocità mostra che il dispositivo riceve 30 Mbps di dati. Ricorda, il test di velocità consuma tutto il tempo di trasmissione disponibile, quindi mentre questo dispositivo dovrebbe essere in grado di consumare un flusso video a 25 Mbps, in tal modo avrà consumato circa l’85% del tempo di trasmissione disponibile.

E se sostituiamo il router con un kit Wi-Fi mesh? Ora il nostro dispositivo comunica con un nodo mesh a 10 piedi e un muro di distanza, e quel nodo comunica con il nodo router, a un altro 10 piedi e un muro di distanza. Anche nel peggiore dei casi, in cui tutto il traffico sia a monte che a valle deve passare sullo stesso canale, abbiamo aumentato significativamente il nostro tempo di trasmissione disponibile.

Poiché ogni collegamento della nostra connessione Wi-Fi mesh, quello dal tuo dispositivo al primo nodo, e poi da quel nodo al successivo, è vicino e di alta qualità, saranno in grado di raggiungere 200 Mbps o più ciascuno. Quindi, sebbene abbiamo raddoppiato la quantità totale di dati in volo – i nostri 30 Mbps sono diventati 60 Mbps, poiché devono essere trasmessi due volte – ora consuma solo il 30 percento del tempo di trasmissione, invece dell’85 percento.