Il capo della FAA testa un Boeing 737 MAX, incluso il suo famigerato software di controllo del volo

0
5

Ingrandisci / L'amministratore della FAA Steve Dickson mette alla prova un 737 MAX.

Mercoledì, l'amministratore della Federal Aviation Administration Steve Dickson ha indossato la sua maschera ed è sceso in pista al Boeing Field di Seattle per testare il pilota di un ormai famigerato Boeing 737 MAX. Il capo della FAA è stato positivo sull'aereo durante il volo di due ore, come ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa post-test: "Mi è piaciuto quello che ho visto… ha risposto bene". Tuttavia, Dickson e la FAA non sono pronti a ricertificare l'aereo e non hanno fretta di farlo.

"Non siamo ancora al punto in cui abbiamo completato il processo", ha detto Dickson. "Siamo in dirittura d'arrivo, ma questo non significa che prenderemo scorciatoie per farlo entro una certa data… La FAA e io in particolare non approveremo l'aereo per il ritorno al passeggero servizio fino a quando non sarò soddisfatto di aver affrontato adeguatamente tutti i noti problemi di sicurezza che hanno avuto un ruolo nella tragica perdita di 346 vite a bordo del volo Lion Air 610 e del volo Ethiopian Airlines 302".

LIVE: conferenza stampa dell'amministratore della FAA Steve Dickson sul 737 MAX https://t.co/Y3mRCEmGT4

— La FAA ✈️ (@FAANews) 30 settembre 2020

Il volo di prova della FAA arriva a circa un anno e mezzo dopo che due incidenti mortali di alto profilo del Boeing 737 MAX, uno nell'ottobre 2018 e un secondo nel marzo 2019, hanno provocato la morte di oltre 300 persone. Gli incidenti hanno costretto le compagnie aeree di tutto il mondo a mettere rapidamente a terra questi aerei. Le indagini hanno rivelato che gli incidenti erano dovuti a difetti nella progettazione del software Maneuvering Features Augmentation System (MCAS) del velivolo. Questo software cerca di aiutare il pilota a fornire una guida più sicura e fluida. Ma in entrambi gli incidenti, un sensore malfunzionante ha indotto il software a credere erroneamente che l'aereo fosse in stallo. Ha poi spinto il muso dell'aereo troppo in basso, portando infine a un incidente.

Boeing ha presto affrontato critiche per aver fornito ai piloti una formazione e una documentazione insufficienti su come i nuovi controlli differissero dai precedenti modelli 737. Inizialmente la società sperava di rilasciare una correzione software entro poche settimane dall'arresto anomalo di marzo per porre rimedio alla situazione, ma le settimane si sono allungate in mesi dopo che i revisori hanno sollevato preoccupazioni sulla correzione proposta. Tutto ha portato al licenziamento del CEO di Boeing Dennis Muilenburg nel dicembre 2019 e la società continua ad affrontare ampi controlli e critiche.

Proprio il mese scorso, un rapporto del comitato dei trasporti della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha rilevato che Boeing ha tagliato gli angoli e ha fatto pressioni sui regolatori affinché trascurassero i problemi. “[The two crashes] erano l'orribile culmine di una serie di presupposti tecnici errati da parte degli ingegneri della Boeing, una mancanza di trasparenza da parte del management della Boeing e una supervisione gravemente insufficiente da parte del [Federal Aviation Administration]—il pernicioso risultato dell'acquisizione normativa da parte della FAA rispetto alle sue responsabilità di eseguire una solida supervisione di Boeing e garantire la sicurezza del pubblico volante", afferma il rapporto.

Annuncio pubblicitario

In definitiva, qualsiasi correzione al software MCAS richiederà l'approvazione della FAA, che è in parte il motivo per cui Dickson ha deciso di provare l'aereo questa settimana. L'ex pilota Delta è diventato il capo della FAA nell'agosto 2019 sulla scia della situazione del 737 Max. NPR osserva che Dickson ha seguito nuove procedure di addestramento dei piloti per l'aereo, oltre a trascorrere del tempo in un simulatore 737 Max prima del volo di mercoledì. Mentre era in onda ieri, il Seattle Times riporta che il tempo di Dickson includeva "la pratica di schemi ad alto angolo di attacco e l'attivazione del software di controllo del volo che è andato storto sui voli MAX in Indonesia ed Etiopia che hanno ucciso 346 persone".

Dickson e la FAA non hanno fornito un calendario per la valutazione del 737 MAX durante la conferenza stampa. Tuttavia, hanno cercato di affrontare le critiche della famiglia e degli amici delle vittime di incidenti in merito alla supervisione della FAA e al fatto che questo test fosse semplicemente un espediente di pubbliche relazioni. Dickson ha dichiarato che la procedura di mercoledì "non è stata una trovata pubblicitaria". Invece, ha insistito l'amministratore della FAA, questo era semplicemente l'adempimento di una promessa fatta durante le sue prime settimane come capo della FAA. NPR osserva che Dickson ha ripetutamente affermato nell'ultimo anno che "non avrebbe firmato" il 737 Max "fino a quando non lo farò volare io stesso e sono soddisfatto che ci metterei la mia famiglia senza pensarci due volte".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui