Il Deathwatch 2021 di Ars Technica: il 2020 è stato solo l'inizio

0
67

Aurich Lawson

Qui ad Ars Technica, vorremmo congratularci formalmente con te per essere sopravvissuto all'anno che era il 2020. COVID-19 potrebbe aver cambiato tutto nella vita normale negli ultimi 12 mesi, ma le cose stanno migliorando per il 2021. Un vaccino è attualmente in fase di lancio , un'amministrazione statunitense più favorevole alla scienza entrerà in carica a gennaio, e forse possiamo anche aspettarci un ritorno ai normali incontri pubblici entro un giorno o l'altro quest'anno. Andrà tutto bene. [Editor’s note: We’re trying to be optimistic here.]

Sfortunatamente, probabilmente non puoi dire lo stesso per alcune delle società di cui scriviamo mentre ci avviciniamo al 2021. L'anno della pandemia ha avuto un impatto anche sull'industria tecnologica, ritardando alcune cose che pensavamo stessero accadendo nel 2020 (come un conclusione a Oracle v. Google) e accelerando altri cambiamenti che tutti abbiamo visto arrivare (come i numeri di streaming record). Quindi, per guidarvi attraverso le società che fissano un nuovo anno difficile, bentornato all'annuale Ars Technica Deathwatch, edizione 2021.

Se non hai mai visitato la Deathwatch durante il mandato di Ars Editor Emeritus Sean Gallagher, sappi: come al solito, siamo un po 'drammatici con il nome "Deathwatch". Questo elenco non prevede che le seguenti società moriranno precisamente entro il prossimo anno solare. Le leggi sui fallimenti, le acquisizioni e altri imbrogli contabili rendono le date esatte di morte delle aziende molto imprevedibili o dolorosamente lente, ma possiamo almeno fare alcune ipotesi plausibili sulle società, i prodotti e i servizi che stanno affrontando un terribile 2021.

Abbiamo tutti contribuito a rendere i servizi di streaming online un grande vincitore nel 2021, ma poiché questo è il Deathwatch, siamo qui per parlare dei perdenti. Ciò significa che il nostro gruppo di esperti riunito inizierà accendendo un fuoco di cassonetto in onore di "l'intera industria cinematografica", che è certamente condannata. (Tutti hanno già visto Wonder Woman 1984, giusto?) Portalo via, Ars Policy Guru, Kate Cox!

-Ron Amadeo

Tutte le compagnie di cinema

Ingrandisci / Il Times Square Regal Cinema chiede di essere aperto nell'ottobre 2020, ma quali film riprodurrebbe?

Roy Rochlin / Getty Images

Questo mi fa male a scrivere, perché adoro andare al cinema. Adoro le case d'arte, adoro i teatri di seconda visione, adoro i grandi e stupidi schermi IMAX, mi piace tutto. (La parte migliore di ottenere il mio master in studi cinematografici era che avevo pass gratuiti o fortemente scontati per metà delle sale cinematografiche di Boston per l'intera durata di due anni del programma. Andavo a vedere qualcosa almeno due volte a settimana.)

Annuncio pubblicitario

E quindi sono profondamente addolorato di dover scrivere che la distribuzione cinematografica è completamente fottuta, ma eccoci qui.

Gli incassi al botteghino degli Stati Uniti sono stati di circa 11,4 miliardi di dollari nel 2019, ma l'affluenza al cinema – il parametro delle chiacchiere – è in calo da oltre un decennio. Le ammissioni a teatro hanno raggiunto il picco nel 2002 a 1,6 miliardi prima di entrare in un periodo di precipitoso calo, precipitando a 1,24 miliardi nel 2017, il più basso dal 1992. La frequenza è aumentata leggermente nel 2018, a circa 1,3 miliardi, ma è scesa di nuovo nel 2019, tornando a 1,24 miliardi.

Era prima della pandemia, che chiuse del tutto le sale cinematografiche per mesi e mesi. Sebbene molte sedi siano ora aperte a circa metà della capacità, AMC, la più grande catena di cinema statunitense, ha registrato il 10% di presenze nei risultati del terzo trimestre. (Leggilo di nuovo: non un calo del 10% delle presenze; ​​10% dei possibili mozziconi sui sedili.)

Le entrate di AMC sono diminuite di oltre il 90% nel 2020 e non mostra segni di ripresa in qualsiasi momento presto. L'azienda rimane a galla solo grazie a una ristrutturazione del debito a luglio. Nel momento in cui AMC ha riportato i risultati del terzo trimestre, ha anche svelato un piano per raccogliere denaro vendendo più azioni, ma la società ha avvertito che molto probabilmente stava esaminando una dichiarazione di fallimento del Capitolo 11. Non è ancora fallito, ma a metà dicembre gli analisti finanziari hanno raggiunto la fase di analisi "forse il fallimento è fantastico, in realtà". Un simile destino sembra essere più, piuttosto che meno, probabile ogni giorno che passa.

La seconda più grande catena di teatri degli Stati Uniti, Regal, è ugualmente coperta. Anche la sua società madre, Cineworld, ha ristrutturato il suo debito a novembre nel tentativo di evitare il fallimento, ma le cose non stanno andando bene. Almeno una località Regal è stata citata in giudizio per oltre $ 1,3 milioni di affitto non pagato risalente ad aprile.

A peggiorare le cose, anche la pipeline di contenuti per il rilancio teorico dell'attività fieristica nel 2021 è completamente brindata. Warner Brothers ha in programma di rilasciare tutti i suoi film del 2021 su HBO Max, per la visione domestica, contemporaneamente all'uscita nelle sale. Anche la Disney (che ora possiede anche la Fox) sta respingendo diversi film o rilasciandoli su Disney + invece che nei cinema. E la produzione di film e TV in tutto il mondo è rallentata o interrotta nel 2020 a causa della pandemia, rendendo più difficile cacciare i contenuti nel 2021 e nel '22.

Tutto sommato, i teatri avranno bisogno di un'importante ristrutturazione e di un'infusione di denaro per superare il 2021 … e grazie a una sentenza del Dipartimento di Giustizia dell'inizio di quest'anno, la regola che impediva a uno studio di acquistare una grande catena di teatri è sparita. Oltre a tutto il resto, questo apre la possibilità che il tuo cinema locale possa diventare un vero disastro e diventare un vero Disneyplex prima che tu te ne accorga.

Annuncio pubblicitario

-Kate Cox

Che tu ci creda o no, Zoom

OK, Zoom non morirà effettivamente nel 2021 o per molto tempo dopo. Ma come azienda, probabilmente dovrà affrontare alcune sfide.

Tutti hanno iniziato a utilizzare Zoom nel 2020, poiché la pandemia ci ha privato della nostra capacità di organizzare riunioni ed eventi di persona. La piattaforma potrebbe non essere ancora pronta per la prima serata quando la pandemia ha preso il sopravvento, ma Zoom ha corretto il corso abbastanza rapidamente con alcuni problemi di privacy e funzionalità. È diventato praticamente tutto.

Il lavoro è diventato Zoom. La scuola è diventata Zoom. L'happy hour è diventato Zoom. Zoom ha avuto un tale successo quest'anno che il nome dell'azienda è diventato quasi immediatamente generico. Mio figlio maggiore frequenta la "scuola Zoom", anche se il nostro distretto utilizza effettivamente Microsoft Teams per l'apprendimento remoto. Le altre leader delle truppe Girl Scout e io abbiamo "riunioni Zoom", anche quando usiamo Amazon Chime.

Ciò significa che gli azionisti di Zoom hanno avuto un buon anno: il valore delle azioni della società è quadruplicato per ciascuno degli ultimi due trimestri. Ha avuto una crescita assolutamente stratosferica e imbattibile, una crescita che non può e non continuerà nel prossimo anno.

Magazzino di Zoom. Questo tipo di crescita è totalmente sostenibile, giusto?

Probabilmente hai sentito che è uscito un vaccino COVID-19, ora, con un altro all'orizzonte. Per quanto terribile sia stata questa pandemia (ed è stata molto, molto brutta) e continua ad essere, possiamo almeno vedere il debole barlume di qualcosa come la "vita normale" all'orizzonte lontano. Il lavoro a distanza potrebbe essere più diffuso in futuro, ma molte persone torneranno in ufficio tra 12 mesi. Feste di compleanno, happy hour, matrimoni, funerali e festività torneranno assolutamente offline non appena sarà sicuro farlo.

Il mercato, nel suo stato attuale, è ottimizzato per la crescita trimestrale. Zoom non lo avrà l'anno prossimo. Già, il valore delle azioni scende quando ci sono buone notizie sui vaccini. Ma la sua piattaforma, ormai popolare e diffusa, sarà ancora una risorsa preziosa. Questa combinazione lo rende un obiettivo perfetto per l'acquisizione.

Le aziende aziendali ci hanno già provato: secondo quanto riferito, Microsoft ha ripetutamente tentato di acquisire Zoom prima dell'IPO del 2019, ma Redmond è stata respinta. Da allora Microsoft ha sviluppato i propri team più internamente e sembra meno probabile che faccia un gioco per Zoom ora. Anche Google e Amazon hanno entrambe piattaforme di chat video interne attive e funzionanti che competono con Zoom, e quelle aziende potrebbero non volere il controllo antitrust aggiuntivo.

Se fossi una persona che scommette, metterei qualche soldo su Salesforce per giocare l'anno prossimo, se ha i soldi per farlo. Zoom si adatterebbe perfettamente in una nuova suite aziendale basata su cloud, nascosta sullo scaffale proprio accanto a Slack.

-Kate Cox

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui