Il genitore di Google stacca la spina dal progetto dell’aquilone che genera energia

72

Il vento

Alphabet, società madre di Google, sta chiudendo la sua società di generazione di aquiloni Makani, la prima chiusura di un cosiddetto progetto moonshot da quando i fondatori Larry Page e Sergey Brin si sono ritirati dalla gestione a dicembre.

Sundar Pichai, che ha assunto la carica di amministratore delegato di Alphabet, è sotto pressione per arginare le perdite dal segmento “Altre scommesse” dell’azienda, che comprende attività come auto a guida autonoma e palloncini che forniscono Internet. Other Bets ha perso 4,8 miliardi di dollari l’anno scorso, in aumento rispetto a una perdita di 3,4 miliardi di dollari nel 2018.

Makani è stata acquisita nel 2013 e portata nel laboratorio sperimentale “X”. Stava sviluppando turbine eoliche aeree che potevano essere legate a boe galleggianti, eliminando la necessità delle costose strutture del fondo oceanico necessarie per supportare le turbine permanenti.

“È stata una scelta molto difficile per noi”, ha dichiarato martedì Astro Teller, amministratore delegato di X, parlando al Financial Times.

“La nostra stima delle ricompense per il mondo, la ricompensa per Alphabet e i rischi e i costi per arrivarci… cambiano nel tempo. Fa parte del mio lavoro valutarlo e assicurarmi di scegliere i migliori su cui Alphabet possa spendere i suoi soldi.

Alphabet non confermerebbe le dimensioni di Makani, affermando solo che consisteva in “dozzine” di dipendenti che sperava potessero essere riassegnati ad altri lavori legati al cambiamento climatico presso Alphabet. Una piccola squadra rimarrà per alcuni mesi per raccogliere le ricerche di Makani.

Gli aquiloni di Makani sono stati progettati per volare fino a 1.000 piedi, o circa 300 metri, sopra l’acqua mentre sono attaccati a boe galleggianti appesantite da ancore, invece delle piattaforme oceaniche necessarie per supportare i tipici parchi eolici offshore. Si sperava che la tecnologia di Makani potesse essere utilizzata in aree dell’oceano troppo profonde per installare turbine eoliche fisse e dove i venti sono più forti.

Annuncio pubblicitario

Come è tipico per le aziende X che mostrano un potenziale per la commercializzazione, Makani è stato scorporato dal laboratorio nel febbraio dello scorso anno a seguito di un investimento non reso noto da Royal Dutch Shell. Ad agosto, Makani ha tenuto il suo primo volo di prova al largo delle coste della Norvegia.

Ma Alphabet ha deciso che l’opportunità di sconvolgere notevolmente il settore energetico aveva iniziato a diminuire. Sebbene inizialmente Makani pensasse di poter fornire un vantaggio competitivo utilizzando la sua tecnologia sulla terraferma e in acque poco profonde, oltre che in acque profonde, i progressi nelle tecnologie concorrenti significavano che probabilmente non era più così.

“Questo è molto triste per Makani”, ha detto Teller. “Ma è davvero fantastico per il mondo.”

Un rapporto dell’UE pubblicato nel 2018 concorda con la valutazione di Alphabet. “La tecnologia ha ancora molta strada da fare prima di poter raggiungere la commercializzazione”, si legge, osservando che le sfide rimanevano nel dimostrare il funzionamento affidabile e autonomo che avrebbe reso il concetto praticabile.

Shell ha detto che stava “esplorando le opzioni” per assumere la tecnologia di Makani. “L’eolico offshore ha il potenziale per raggiungere la capacità di generazione su larga scala di cui la società ha bisogno per passare a un sistema energetico a basse emissioni di carbonio”, ha affermato Dorine Bosman, vicepresidente di Shell Wind Development.

“Crediamo che Makani rimanga una delle principali tecnologie eoliche aviotrasportate al mondo e stiamo esplorando le opzioni per continuare a sviluppare la tecnologia nell’ambito della nostra strategia New Energies”.

Alphabet ha indicato altri progetti sul cambiamento climatico all’interno dell’azienda, come la società di consegne di droni Wing, come indicazione che la società non stava cambiando la sua attenzione. Teller ha detto al Financial Times che gli investimenti in moonshot rimarranno forti sotto Pichai e Ruth Porat, chief financial officer di Alphabet.

“L’appetito di Sundar e di Ruth per noi di continuare a fare scommesse intelligenti ed entusiasmanti sul futuro è, semmai, aumentato”, ha detto Teller.

“Parte del motivo per cui ci supportano nel continuare a farlo è che quando qualcosa non ha senso, facciamo scelte difficili per non continuare a farlo. Questo è ciò che acquista il supporto continuo di Alphabet”.

© 2020 Financial Times Ltd. Tutti i diritti riservati.
FT e Financial times sono marchi di Financial Times Ltd. Non possono essere ridistribuiti, copiati o modificati in alcun modo.