Il metaverso di Facebook per il lavoro attira speranza, ma soprattutto scetticismo

0
6

Un nuovo evento GamesBeat è dietro l'angolo! Scopri di più su cosa verrà dopo.

Mark Zuckerberg ha fatto conoscere al pubblico le sue ambizioni di "metaverso" solo poche settimane fa, scatenando una tempesta di discorsi sui tipi di mondi virtuali trovati in Snow Crash e Ready Player One – e come sarebbe se Facebook ne creasse uno in vita reale. Ieri abbiamo dato un'occhiata a dove si trova l'azienda in questo viaggio: una sala conferenze virtuale.

Raffigurato come una figura fluttuante senza gambe, il fondatore di Facebook è apparso ieri in un ambiente del genere per svelare Horizon Workrooms, un'app basata sulla realtà virtuale per Oculus Quest 2. L'esperienza consente ai colleghi di rappresentarsi come avatar simili a cartoni animati e di lavorare insieme in spazi virtuali animati 3D . Per alcuni che sperano in un'alternativa a Zoom, è roba eccitante. Ma molti fondatori, dirigenti e dipendenti sono cauti, citando obiezioni alle pratiche sulla privacy dei dati di Facebook e problemi noti con disinformazione/disinformazione, incitamento all'odio e contenuti che inducono violenza (come la minaccia di bomba che si sta svolgendo vicino al Campidoglio poco dopo le notizie di Workrooms rotto, che la società ha permesso di trasmettere in streaming per ore).

E oltre al disagio per la proprietà di Facebook della piattaforma, alcune persone non sono vendute sul concetto o sono sicure che stia davvero risolvendo un problema. C'è anche la sensazione che la realtà virtuale sia ancora più nuova che utile.

Il prolifico fondatore e investitore tecnologico Mark Cuban, che afferma di essere "molto attivo e coinvolto nella realtà virtuale", ha detto a VentureBeat che la tecnologia ha "un difetto fatale: non esiste una singola applicazione di uso quotidiano". Ha spiegato: “Le persone sono sempre stupite quando provano gli occhiali VR. Ma quando li tolgono, raramente c'è un motivo convincente per usarli ancora e ancora. Fino a quando non ci sarà un caso d'uso quotidiano in modo che le persone vogliano avere i loro occhiali prontamente disponibili, Facebook farà fatica a convincere le persone a comprarli e a sentirsi a proprio agio con loro, che sia per lavoro o per gioco.

VR per il posto di lavoro

Il concetto di sfuggire alla fatica di Zoom immergendoci in mondi virtuali non è del tutto nuovo e Facebook non è certamente l'unico a farlo. A marzo, Microsoft ha lanciato Mesh, che consente ai colleghi di interagire con gli avatar in spazi virtuali basati su AR e persino di passare "oggetti". Ci sono anche Holopod, Imverse e Spaceform, che si contendono un pezzo del mercato degli incontri virtuali con ologrammi, avatar e simili. Spatial è un altro concorrente, con un prodotto che consente riunioni virtuali in stile olografico su Oculus Quest 2.

All'inizio di quest'anno, Ericsson ha pubblicato un rapporto che suggerisce che l'"ufficio smaterializzato" prenderà piede entro il 2030, il che significa che le persone interagiranno professionalmente interamente in spazi virtuali. Inoltre, IDC ha recentemente previsto che la spesa mondiale per AR e VR crescerà da poco più di 12 miliardi di dollari nel 2020 a 72,8 miliardi di dollari nel 2024. Questa cifra comprende molto più delle app per il posto di lavoro, ma sappiamo che i casi d'uso commerciale costituiscono una parte crescente di AR e Spesa VR in tutto il mondo. Nella regione dell'Asia Pacifico, la spesa per la tecnologia VR/AR commerciale ha già superato quella della spesa dei consumatori. I casi d'uso principali, tuttavia, sono la formazione, la manutenzione industriale e la presentazione al dettaglio.

Zuckerberg ha affermato durante il suo briefing che i dipendenti di Facebook utilizzano Workrooms per riunioni interne da circa sei mesi. Quasi un quinto dei dipendenti di Facebook, quasi 10.000, sta ora lavorando su progetti e tecnologie relativi alla realtà virtuale e all'AR, ma il pubblico in generale non è così convinto del caso d'uso. Secondo un recente sondaggio dello studio software Myplanet, la realtà virtuale sul posto di lavoro è tra gli usi meno accettati della tecnologia: il 49% degli intervistati ha espresso disagio all'idea, mentre altri erano a favore dell'uso della realtà virtuale per giochi, film, istruzione " viaggio" e telefona con amici o familiari. E come ha detto Cuban, anche chi ama la realtà virtuale non si vede necessariamente usarlo regolarmente a lungo termine.

Jana Boruta, direttore degli eventi e del marketing esperienziale presso HashiCorp, ha dichiarato a VentureBeat che la sua azienda ha recentemente creato un mondo virtuale per il vertice dei dipendenti, completo di aree di incontro e attività. "I dipendenti sono stati in grado di camminare per il mondo che abbiamo progettato come avatar 2D con i loro volti reali mostrati sullo schermo", ha affermato.

Ma le persone hanno smesso di accedere dopo un giorno o due "dopo che la nostalgia è svanita", secondo Boruta. Ha detto che il suo team ha scoperto che le persone hanno apprezzato questa esperienza, ma non come un modo permanente per connettersi tra loro.

“Le domande che mi pongo intorno a Horizon Workrooms di Facebook sono: cosa si ottiene effettivamente partecipare a una riunione in un ambiente VR con i colleghi? Riesci a creare connessioni significative con l'avatar di una persona rispetto a vedere il volto e le caratteristiche reali di qualcuno? Sarà solo uno strumento divertente che potrebbe effettivamente avere risultati negativi, come diventare una distrazione?" lei disse.

Ben Lamm, un prolifico fondatore, più recentemente della società di machine learning Hypergiant, ha avuto una reazione istintiva simile al prodotto. "Non sono sicuro che aggiunga davvero valore agli attuali strumenti video collaborativi sul mercato", ha affermato. “In sostanza, è anche uno strumento di vendita per espandere le vendite di hardware Oculus 2 e rendere le persone più dipendenti dall'universo di Facebook. Facebook ci ha storicamente deluso in molti modi in passato. Non sono pronto a lasciare che prenda il sopravvento anche sulla mia vita lavorativa".

Chiunque tranne Facebook

Facebook è passato presto alla realtà virtuale, pagando 2 miliardi di dollari per l'avvio di visori Oculus VR nel 2014. Ma la società è ancora ampiamente associata alla serie di problemi sul suo social network principale, con problemi di privacy, in particolare, che abbracciano ogni parte di Facebook come società. Per questo motivo, i sentimenti di Lamm sono stati ripresi da molti fondatori, dirigenti e dipendenti con cui VentureBeat ha parlato di Horizon Workrooms. Alcune persone sono interessate al concetto, ma non se proviene da Facebook.

"Data la storia passata di Facebook con la privacy dei dati, non sono sicuro che siano il giocatore giusto per guidare questo sforzo", ha affermato Angela Benton, fondatrice e CEO della società di dati forniti dagli utenti Streamlytics, una società completamente remota di 13 dipendenti.

Trova l'idea del metaverso "piuttosto potente" e crede che gli ambienti di lavoro remoti virtuali come Horizon Workrooms prenderanno piede. Ma sta guardando verso un futuro decentralizzato e non pensa che i dati degli utenti associati a qualsiasi azienda di tipo metaverso dovrebbero essere centralizzati con Facebook. "Non credo che questo sia qualcosa su cui investirei per la mia squadra", ha detto.

Il fondatore di BiggerPockets Joshua Dorkin, che ora consiglia diverse startup, ha convenuto che Facebook ha un problema di fiducia e che questo avrà un impatto sulla volontà delle organizzazioni di adottare Horizon Workrooms.

“Dati tutti i problemi di fiducia che le persone hanno con Facebook – grazie alla loro storia di tracciamento, invasioni della privacy, disinformazione e oltre – trovo difficile credere che le aziende adotteranno rapidamente la loro nuova tecnologia VR, ” ha detto a VentureBeat.

Lavoro remoto post-Zoom

Peter Allen Clark, redattore tecnico e commerciale per Time Magazine, si sente allo stesso modo, dicendo che "sicuramente ha persistenti problemi di privacy e molestie". Ha anche avuto la possibilità di provare l'app. E come il Dean Takahashi di VentureBeat, che ha anche mostrato la demo di Horizon Workrooms, Clark ha davvero apprezzato l'esperienza audio. Ma soprattutto, gli piaceva il cambio di scenario.

"Più ci penso, ho avuto un'esperienza piuttosto buona in quello spazio con quella tecnologia", ha detto Clark a VentureBeat. “È difficile appoggiarsi troppo a questo, perché potrebbe essere solo una novità. Ma dopo un anno e mezzo di lavoro a distanza, è stato davvero piacevole avere un nuovo modo di vivere una teleconferenza". Ha aggiunto che non è sicuro se vorrebbe che tutte le sue chiamate si svolgessero in questo modo, ma "sicuramente gli piacerebbero alcune di esse [to].”

È difficile immaginare che questo lancio riceva tanto clamore senza lo sfondo della pandemia (e come dice Lamm, la "cooptazione" di Zuckerberg del termine metaverso). In effetti, le reazioni positive a Horizon Workrooms hanno ampiamente invocato la pandemia e il desiderio di modi alternativi per collaborare da remoto.

"Forse sono la minoranza qui, ma preferirei di gran lunga questo a Zoom", ha twittato Taylor Lorenz, giornalista tecnologico del New York Times, dopo la presentazione dell'app. "C'è solo qualcosa nella presenza fisica e nello spazio condiviso che innegabilmente [lose] su Zoom. Se ci stiamo dirigendo verso un futuro remoto, avere quegli spazi condivisi è fondamentale, soprattutto quando stai facendo un lavoro creativo. Mi sembra almeno un passo nella giusta direzione".

Peter Bailis, CEO e fondatore della società di analisi dei dati Sisu Data, ha dichiarato a VentureBeat "c'è una vera promessa in esperienze più coinvolgenti come Horizon Workspaces di Facebook o Project Starline di Google", uno strumento di chat video che fa sembrare che la persona con cui stai chattando è proprio di fronte a te in 3D.

"C'è qualcosa di tangibile nella collaborazione di persona che è difficile da replicare e questo approccio alla realtà virtuale potrebbe fornire un'opzione intermedia avvincente, senza il tempo, i problemi e le spese coinvolti nei luoghi di lavoro a tempo pieno e di persona", ha affermato, aggiungendo che non pensa che abbiamo ancora ottimizzato completamente i nostri posti esistenti per il lavoro virtuale.

Dorkin ha fatto eco a questo sentimento. "Penso che gli strumenti VR abbiano il potenziale per unire le persone", ha affermato. "Ma aspetterò che qualcun altro sviluppi la propria versione."

VentureBeat

La missione di VentureBeat è quella di essere una piazza cittadina digitale per i responsabili delle decisioni tecniche per acquisire conoscenze sulla tecnologia trasformativa e sulle transazioni.

Il nostro sito fornisce informazioni essenziali sulle tecnologie e sulle strategie dei dati per guidarti nella guida delle tue organizzazioni. Ti invitiamo a diventare un membro della nostra community, per accedere a:

  • informazioni aggiornate sugli argomenti di tuo interesse
  • le nostre newsletter
  • contenuti gated leader di pensiero e accesso scontato ai nostri eventi preziosi, come Trasforma 2021: Per saperne di più
  • funzioni di rete e altro

Diventare socio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui