Il nuovo rapporto sugli utili mostra che il passaggio di Microsoft al cloud e agli abbonamenti sta funzionando

95

Ingrandisci / Xbox Series X, prevista per novembre 2020. È alta. E ha un controller modificato rispetto al pad Xbox One.

La sfida dei rapporti sugli utili tecnologici è per lo più giunta al termine e c’è un’ampia gamma di prestazioni. Quasi ogni parte del settore tecnologico è stata sconvolta dal COVID-19, ma Microsoft è riuscita a registrare una crescita accelerata e ottime prestazioni per tutte le sue attività. È un segno che gli sforzi della società di software per reinventarsi potrebbero funzionare e che i servizi cloud e in abbonamento definiranno l’azienda (e, con essa, le esperienze dei clienti con i suoi prodotti) negli anni a venire.

Il rapporto sugli utili del terzo trimestre 2020 di Microsoft ha mostrato una crescita per tutti e tre i segmenti di business dell’azienda, cosa che non è nemmeno sempre avvenuta in un trimestre “normale”. La produttività, che include servizi come Office e LinkedIn, è cresciuta del 16% anno su anno raggiungendo 11,7 miliardi di dollari di ricavi, un piccolo passo indietro rispetto agli 11,8 dollari dell’immediato trimestre precedente. Il cloud, che include Azure e GitHub, è cresciuto del 27% anno su anno a 12,3 miliardi di dollari. E il personal computing, un ombrello che copre Windows, Xbox e Surface, è cresciuto di un modesto 3% anno su anno a 11 miliardi di dollari.

Nel complesso, le entrate di Microsoft per il trimestre sono state di $ 35 miliardi, in calo di $ 2 miliardi rispetto al trimestre precedente ma in aumento del 15% rispetto al terzo trimestre dello scorso anno. Anche Xbox, che ha visto un calo dell’11% lo scorso trimestre, è cresciuta di tre punti. Microsoft questa settimana ha annunciato che Xbox Game Pass, un abbonamento simile a Netflix per l’accesso a circa 100 giochi sulle piattaforme Xbox One e Windows 10, ha raggiunto i 10 milioni di abbonati, un’ulteriore prova che i servizi in abbonamento e simili sono ora parte integrante della strategia dell’azienda in tutti le sue imprese.

Fino a quel momento, Azure è cresciuto del 59% anno su anno e rimane il maggior contributore alla crescita dell’azienda. Tuttavia, il tasso di crescita di Azure è rallentato costantemente nell’ultimo anno.

Annuncio

Sebbene tutto ciò suoni promettente, Microsoft ha avvertito che potrebbe non essere la fine della storia. “Gli effetti del COVID-19 potrebbero non riflettersi completamente nei risultati finanziari fino a periodi futuri”, ha scritto la società. Ha fornito indicazioni agli investitori che prevede tra $ 35,85 miliardi e $ 36,80 miliardi di entrate durante il prossimo quarto trimestre. Se ciò dovesse risultare accurato, sarebbe stato il trimestre di crescita più lenta dell’azienda in un paio d’anni.

Sebbene Windows e Office rappresentino ancora il cuore dell’attività di Microsoft, si è concentrata sulla crescita dei servizi in abbonamento da queste cose. Ha recentemente annunciato un nuovo servizio di abbonamento per utenti domestici simile a Prime chiamato Microsoft 365, prevede di lanciare una nuova console di gioco chiamata Xbox Series X entro la fine dell’anno e continua a competere ferocemente con il servizio cloud AWS di Amazon con Azure. Quella lotta è stata esemplificata nel disordinato avanti e indietro sul contratto del governo JEDI, che apparentemente si è risolto a favore di Microsoft solo di recente.