Il servizio di cloud gaming Xbox arriva su iOS e PC Windows nella primavera del 2021

0
45

Ingrandisci / Questa dimostrazione di Project xCloud di Microsoft riprodotta con un controller Razer Kishi, collegato a uno smartphone Android standard, potrebbe essere un indizio di ciò che arriverà sui dispositivi iOS nella primavera del 2021.

Microsoft

In un post sul blog di oggi che delinea tutto, dai giochi in arrivo ai piani per Xbox Series X / S, Microsoft ha annunciato che i giochi cloud Xbox arriveranno su dispositivi mobili iOS e PC Windows nella primavera del 2021.

Su PC Windows, i giochi verranno riprodotti in streaming tramite l'app Xbox o un browser Web, mentre il servizio sarà limitato al browser Web mobile sui dispositivi iOS.

Le funzionalità di streaming di gioco di Microsoft richiedono un abbonamento Xbox Game Pass Ultimate, che include anche una libreria su richiesta di giochi scaricabili per piattaforme Xbox e PC Windows, la libreria di giochi scaricabile EA Play e Xbox Live Gold, il servizio multiplayer online di Microsoft.

Xbox Game Pass Ultimate costa $ 14,95 al mese negli Stati Uniti, ma Microsoft offre attualmente una prova scontata di tre mesi a $ 1 per i nuovi utenti.

Inoltre, Microsoft afferma che sia il cloud gaming che Xbox Game Pass Ultimate arriveranno in nuovi mercati in primavera, tra cui Australia, Brasile, Giappone e Messico.

Lo streaming di giochi Xbox è disponibile su dispositivi Android da alcuni mesi e alla fine avrebbe dovuto arrivare su PC Windows. Ma la sua presenza su iOS era tutt'altro che certa.

Annuncio pubblicitario

Le linee guida dell'App Store di Apple hanno inizialmente vietato qualsiasi tipo di servizio di streaming di giochi, con l'argomento che la cura per la qualità e la non oscenità sono principi importanti di come viene gestito l'App Store. Apple ha sostenuto che l'incapacità dei suoi revisori interni di valutare i singoli giochi su un servizio di streaming ad ampio raggio precludeva la possibilità di offrire servizi come Microsoft, o il servizio concorrente Stadia di Google, sull'App Store.

Microsoft e altri hanno sottolineato che Apple sembra trattare i giochi in modo diverso da altre forme di media; Cupertino non ha esitato alla presenza di programmi TV, libri, musica, riviste o altri media in app simili basate su abbonamento sul suo App Store. Ha applicato queste restrizioni solo ai giochi.

Dopo una vivace battaglia di pubbliche relazioni e dibattiti sulla stampa, Apple ha leggermente allentato le restrizioni, affermando che i servizi di abbonamento ai giochi come lo streaming su cloud Xbox o Stadia potrebbero vivere sull'App Store iOS a condizione che ogni gioco offerto in tale servizio sia elencato come una singola app su l'App Store, e quindi è soggetto al processo di revisione di Apple.

Stadia di Google ha annunciato l'intenzione di rinunciare completamente a questa seccatura e offrire invece i suoi giochi attraverso un'esperienza basata su browser, e ora (come si diceva in precedenza) Microsoft ha intrapreso la stessa strada.