Il tribunale statunitense deciderà presto se l’IA può essere legalmente un “inventore”

45

Siamo entusiasti di riportare Transform 2022 di persona il 19 luglio e virtualmente dal 20 al 28 luglio. Unisciti ai leader dell’IA e dei dati per discussioni approfondite ed entusiasmanti opportunità di networking. Registrati oggi!

L’intelligenza artificiale (AI) può essere legalmente elencata come inventore? Dopotutto, se l’IA può inventare prodotti legalmente, il numero di brevetti sugli strumenti per la scoperta di farmaci aumenterà rapidamente. La questione è attualmente davanti a un tribunale degli Stati Uniti.

La Corte d’Appello degli Stati Uniti ha ascoltato nuovamente le argomentazioni su tale questione la scorsa settimana e la sentenza potrebbe influenzare il ritmo dello sviluppo della tecnologia dell’IA, in particolare all’interno delle industrie farmaceutiche e delle scienze della vita.

L’IA impara facendo

Una sentenza a favore dell’IA come inventore avrebbe un impatto sulle aziende sanitarie che utilizzano la tecnologia per creare strumenti che trovino nuovi trattamenti per i farmaci esistenti. Questa tecnica di riutilizzo dei farmaci, chiamata riutilizzo o riposizionamento, viene utilizzata per il trattamento di malattie emergenti e difficili, incluso il COVID-19.

L’IA sta diventando sempre più autonoma, in grado di svolgere le sue funzioni e trovare schemi senza alcuna interazione umana. Inoltre “impara facendo” e nel tempo migliora il suo lavoro. Nuovi prodotti possono essere sviluppati interamente dall’IA, il che solleva se la tecnologia potrebbe essere elencata come l’inventore di un brevetto su un prodotto. Gli attuali controlli sulla proprietà intellettuale richiedono che un inventore umano presenti un brevetto, ha affermato Ryan Abbott dello studio legale di Los Angeles Brown Neri Smith and Khan, che ha discusso il caso davanti alla corte d’appello degli Stati Uniti la scorsa settimana.

“Questo caso riguarda il futuro dell’innovazione e come il sistema dei brevetti dovrebbe affrontare l’evoluzione tecnologica sotto forma di un’IA sempre più sofisticata”, ha detto Abbott a VentureBeat.

Una sentenza favorevole renderebbe disponibili più tecnologie di intelligenza artificiale alle aziende farmaceutiche e accelererebbe il time-to-market e l’approvazione dei farmaci esistenti, ha affermato Abbott.

Abbott ha rappresentato l’informatico Stephen Thaler nel test davanti alla Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito Federale. Thaler ha affermato che il suo sistema DABUS AI dovrebbe essere elencato come l’inventore di due brevetti, uno in cui la macchina ha inventato un nuovo contenitore per bevande e il secondo faro luminoso che lampeggia in un modo nuovo. DABUS è un acronimo che sta per “dispositivo per il bootstrapping autonomo di Unified Science”.

Le invenzioni in sé non sono un grosso problema, ma l’esito del caso lo sarà, ha affermato Baldo Vinti, partner del gruppo di contenzioso sulla proprietà intellettuale dello studio legale Proskauer Rose a New York.

“Questa decisione avrà un impatto sul mondo in generale nei prossimi anni”, ha affermato.

La sentenza non influirà su nulla a breve termine, ha aggiunto, ma a lungo termine potrebbe generare un’intera serie di nuove domande di brevetto e potenzialmente aumentare le sfide per l’inventory nelle controversie sui brevetti in tutte le aree della tecnologia.

Thaler ha già compiuto uno sforzo per ottenere brevetti per le invenzioni create da DABUS, ma finora i suoi sforzi non hanno avuto molto successo. L’ufficio brevetti sudafricano ha concesso a DABUS il diritto di essere elencato come inventore di un brevetto sui prodotti, ma le sue domande sono state respinte dal Regno Unito, dall’Unione Europea e dall’Australia. Il verdetto Usa è ancora in attesa della pronuncia del giudice, che arriverà probabilmente entro la fine dell’anno.

Il giudice a tre giurie sembrava scettico sulle argomentazioni di Abbott, ha detto Vinti.

Cosa succede se i giudici si pronunciano a favore dell’IA?

Da parte sua, Abbott ha affermato che la legge sui brevetti statunitense esistente potrebbe essere interpretata in modo tale da consentire l’IA come inventore.

“Sosteniamo che sia fondamentale interpretare l’atto sui brevetti in modo coerente con il suo scopo: promuovere l’innovazione”, ha affermato Abbott. “Ecco perché la legge dovrebbe consentire la protezione delle invenzioni generate dall’IA”.

“L’entità che ha concepito l’invenzione è in questione in questo caso”, ha aggiunto. “DABUS è l’inventore effettivo di questi prodotti. Sosteniamo che l’inventore effettivo debba essere l’inventore legale”.

Se la sentenza consente brevetti su invenzioni generate dall’IA, DABUS non sarebbe il titolare del brevetto. Thaler sarebbe titolare di quel brevetto, poiché una macchina non può possedere proprietà, ha detto Abbott.

“È allo stesso modo, se possiedi una stampante 3D che crea un oggetto per te, possiedi i diritti sull’oggetto stesso”, ha detto.

Se i giudici dovessero pronunciarsi a favore dell’IA, “vedrai molti più brevetti”, ha detto Vinti. “Questo potrebbe aprire il vaso di Pandora se i programmatori possono rivendicare l’inventory per l’IA”.

La pretesa dell’invenzione è un grosso problema perché, di recente, i tribunali hanno visto molti argomenti sulla “corretta invenzione”, ha detto Vinti. “Se si nomina l’inventore improprio, quel brevetto è morto.”

Ogni volta che i programmatori si identificano come inventori, ha aggiunto: “Mi occuperò di vedere se è stato creato dall’IA, e poi potresti litigare, l’hai davvero inventato o il computer e, in tal caso, cosa succede? “

Indipendentemente da come deciderà la corte, la sentenza avrà una grande implicazione per l’uso dell’IA nelle scienze della vita.

Innovazione dell’IA nel settore sanitario

Una sentenza a favore della concessione di brevetti sulle invenzioni generate dall’IA sarebbe un importante incentivo per le aziende sanitarie a utilizzare l’IA per sviluppare nuovi farmaci e riutilizzare i farmaci esistenti, ha affermato Abbott.

La scoperta di farmaci generati dall’intelligenza artificiale non è nuova. L’intelligenza artificiale ricerca modelli tra le persone che assumono farmaci e tra la composizione dei farmaci stessi per raccomandare nuove formulazioni di farmaci o per identificare farmaci esistenti che funzionerebbero anche per un’altra malattia o malattia.

Chematica in Corea del Sud ed ElemNet negli Stati Uniti sono esempi dei sistemi di intelligenza artificiale utilizzati per la scoperta di nuovi farmaci. I brevetti per i sistemi sviluppati da quelle aziende non sono macchine AI; piuttosto, sono gli umani che hanno inventato i sistemi di intelligenza artificiale.

In un articolo per l’edizione di dicembre 2020 di Lancet Digital Health, Yadi Zhou, un data scientist presso il Genomic Medicine Institute della Cleveland Clinic, e i coautori scrivono che “gli approcci dell’IA per accelerare il reimpiego o il riposizionamento dei farmaci non sono solo formidabili, ma sono anche necessari”.

L’IA è stata particolarmente determinante nella ricerca sul COVID-19. Gli scienziati hanno utilizzato l’IA per prevedere per quanto tempo i pazienti rimarranno ricoverati in ospedale e come se la caveranno. Rilevano anche malattie nelle scansioni polmonari e trovano le giuste opzioni di trattamento, ha affermato Caroline Uhler, biologa computazionale del MIT nel dipartimento di ingegneria elettrica e informatica del MIT.

“Fare nuovi farmaci richiede un’eternità”, ha detto. “Davvero, l’unica opzione conveniente è riutilizzare i farmaci esistenti”.

Le aziende sanitarie stanno intervenendo. Cris Ross, CIO della Mayo Clinic, ha detto ai partecipanti a una conferenza HIMSS del dicembre 2020 che l’IA è stata la chiave per comprendere COVID-19.

Ad esempio, gli scienziati del Center for Drug Repurposing dell’Università del Michigan hanno utilizzato l’intelligenza artificiale per identificare 17 farmaci esistenti, incluso un integratore alimentare, che potrebbero uccidere le cellule SARS-CoV-2, hanno pubblicato nell’agosto 2021 negli atti della National Academy of Scienziati.

“Tradizionalmente, il processo di sviluppo dei farmaci richiede un decennio e noi semplicemente non abbiamo un decennio”, ha affermato Jonathan Sexton, uno degli autori senior del documento. “Le terapie che abbiamo scoperto sono ben posizionate per gli studi clinici di Fase II perché la loro sicurezza è già stata stabilita”.

Naturalmente, l’uso dell’IA nella scoperta di farmaci va ben oltre la ricerca sul COVID-19. Molti ricercatori, come Sexton, vorrebbero vedere un numero crescente di strumenti di ricerca inventati dall’IA, che aiuterebbero notevolmente le loro ricerche di farmaci nuovi e riproposti.

Un ottimo modo per portare sul mercato questi nuovi strumenti di ricerca è consentire i brevetti sulle macchine inventate dall’intelligenza artificiale, ha affermato Abbott.

Lui e Thaler sono appassionati dell’argomento. La loro ricerca non finirà, indipendentemente dall’esito della sentenza della corte d’appello degli Stati Uniti.

“Gli strumenti che l’IA inventa sono necessari per il futuro dell’assistenza sanitaria e per la società in generale”, ha affermato.