Il watchdog francese dell’antitrust colpisce Apple con la sua più grande multa di sempre: 1,2 miliardi di dollari

72

Ingrandisci / Il campus di Apple Park si trova in questa fotografia aerea scattata sopra Cupertino nell’ottobre 2019. Apple è stata multata di 1,2 miliardi di dollari da un organismo di vigilanza antitrust francese per attività anticoncorrenziali. È la più grande multa mai comminata dalle autorità di regolamentazione antitrust francesi e segue otto anni di preparazione da parte del watchdog.

La decisione coinvolge non solo Apple, ma due grossisti di nome Tech Data e Ingram Micro, che sono stati multati rispettivamente di 76 milioni e 63 milioni. Una dichiarazione dell’autorità di regolamentazione francese ha citato la seguente attività come base per la sanzione:

Apple ei suoi due grossisti hanno deciso di non competere tra loro e di impedire ai distributori di competere tra loro, sterilizzando così il mercato all’ingrosso dei prodotti Apple.

Spiegando la multa record, il regolatore ha scritto:

In questo caso, l’Autorità ha decifrato le pratiche molto specifiche che erano state messe in atto da Apple per la distribuzione dei suoi prodotti in Francia (esclusi gli iPhone), come l’iPad… Visto il forte impatto di queste pratiche sulla concorrenza nella distribuzione di Prodotti Apple tramite rivenditori premium Apple, l’Autorità impone la sanzione più alta mai pronunciata in un caso (1,24 miliardi di euro). È anche la sanzione più pesante pronunciata nei confronti di un attore economico, in questo caso Apple (1,1 miliardi di euro), di cui si è debitamente tenuto conto della dimensione straordinaria. Infine, l’Autorità ha ritenuto che, nel caso di specie, Apple avesse commesso un abuso di dipendenza economica nei confronti dei suoi rivenditori premium, pratica che l’Autorità considera particolarmente grave.

Apple afferma che farà ricorso contro la sentenza e afferma che la sentenza sfida i precedenti legali in Francia. Un portavoce di Apple ha dichiarato quanto segue in una dichiarazione:

Apple opera in Francia da oltre 40 anni e siamo orgogliosi dei nostri numerosi contributi alla creazione di posti di lavoro e allo sviluppo economico. I nostri investimenti e innovazione supportano oltre 240.000 posti di lavoro in tutto il paese. La decisione dell’Autorità francese per la concorrenza è scoraggiante. Si riferisce a pratiche di oltre un decennio fa e scarta trent’anni di precedenti legali su cui fanno affidamento tutte le aziende in Francia con un ordine che causerà il caos per le aziende di tutti i settori. Non siamo assolutamente d’accordo con loro e intendiamo fare appello. Siamo estremamente orgogliosi di servire i nostri clienti francesi e crediamo che dovrebbero poter scegliere il prodotto che desiderano, tramite Apple Retail o la nostra vasta rete di rivenditori in tutto il paese. Continueremo a lavorare sodo per fornire i migliori prodotti e servizi sul mercato.

Il regolatore afferma che Apple e i due rivenditori al dettaglio hanno accettato di non competere e hanno lavorato per garantire che i rivenditori applicassero prezzi che non fossero inferiori ai prezzi di Apple nei propri negozi, online o fisici. Dice che Apple ha “sfruttato in modo abusivo” la dipendenza dei distributori da esso per imporre risultati ottimali per Apple ma anticoncorrenziali sul mercato. Inoltre, il watchdog afferma che Apple ha limitato la fornitura di prodotti ai rivenditori a vantaggio dei propri negozi.

Annuncio

Le pratiche commerciali di Apple sono state anche oggetto di indagini da parte di diversi altri regolatori antitrust in tutto il mondo negli ultimi mesi. La Commissione europea ha aperto un’indagine formale sul comportamento potenzialmente anticoncorrenziale di Apple a seguito di una denuncia di Spotify e diverse agenzie statunitensi, tra cui il Congresso e il Dipartimento di giustizia, hanno adottato misure simili.

Questa decisione arriva in un momento critico per Apple, poiché l’effetto della risposta globale al coronavirus sulle linee di produzione e fornitura di Apple, i suoi piani di lancio imminente dei prodotti, le sue operazioni di vendita al dettaglio e la domanda complessiva dei suoi prodotti hanno causato un forte calo delle sue scorte nelle ultime settimane.

Apple ha recentemente incaricato la maggior parte dei suoi dipendenti di lavorare in remoto per il prossimo futuro e ha annunciato che la sua conferenza annuale degli sviluppatori si terrà esclusivamente online. Ha anche sospeso temporaneamente tutta la produzione della sua serie Apple TV+ e ha detto agli utenti di Apple Card che possono richiedere di saltare il pagamento delle bollette di marzo senza interessi.

La società ha anche ridotto le sue aspettative di fatturato per il trimestre e ha annunciato di recente che chiuderà tutti i negozi al di fuori della Cina per le prossime due settimane. Ha inoltre annunciato nuove politiche dell’App Store relative alle app correlate al COVID-19 e alla risposta degli utenti alla pandemia.

Tutto ciò per dire che questa sanzione è arrivata in un momento difficile per l’azienda, che sta già affrontando una grave crisi. Tuttavia, è previsto un ricorso. Questa mossa ha richiesto otto anni di lavoro, ma c’è ancora molta strada da fare prima che sia completamente risolta.

Kate Cox ha contribuito a questo rapporto.