Intervista a Peggy Johnson: in che modo Magic Leap sta prendendo piede con il suo pivot aziendale

0
4

Qual è la posizione della tua azienda nella curva di adozione dell'AI? Partecipa al nostro sondaggio sull'intelligenza artificiale per scoprirlo.

Magic Leap ha attraversato un vortice nell'ultimo anno. Fondata nel 2010 da Rony Abovitz, l'azienda ha deciso di essere un pioniere nelle tecnologie di realtà aumentata e realtà mista. Abovitz ha raccolto $ 2,6 miliardi in più round e ha sviluppato Magic Leap One, un visore per realtà mista che ha debuttato nell'agosto 2018.

Ma le vendite sono state lente per il dispositivo da $ 2.295, poiché i consumatori non si sono tuffati nella tecnologia costosa. Infine, nell'aprile 2020, Magic Leap ha deciso di chiudere la sua divisione consumatori e ha licenziato circa 1.000 dipendenti, ovvero metà della sua forza lavoro. Nel maggio 2020, Abovitz ha annunciato che si sarebbe sostituito come CEO (pur rimanendo nel consiglio di amministrazione) proprio quando la società ha ottenuto un'importante ancora di salvezza con un aumento di 350 milioni di dollari. Nel settembre 2020, il consiglio ha nominato Peggy Johnson CEO. È un'ex dirigente di Microsoft e questo faceva parte di un piano per raddoppiare i mercati aziendali.

Ha parlato all'evento VivaTech la scorsa settimana di come ci siano grandi opportunità per Magic Leap e la realtà mista nell'assistenza sanitaria, e ha indicato un'operazione presso l'Università della California a Davis, dove i chirurghi hanno usato le cuffie Magic Leap per pianificare la separazione di due bambini congiunti. L'operazione si è rivelata un successo e ha mostrato il valore della visualizzazione che i dispositivi di realtà mista possono offrire. Johnson ritiene inoltre che l'azienda possa prosperare grazie alla visualizzazione 3D nel settore manifatturiero e nel settore pubblico.

Johnson si prepara a lanciare il dispositivo Magic Leap Two entro la fine dell'anno. Ha detto che sarà grande circa la metà di Magic Leap One. Sarà circa il 20% più leggero e avrà da tre a quattro volte la potenza di elaborazione. Il rendering e le immagini sono ad altissima fedeltà, ha detto.

E questo sarà un risultato importante, poiché rivali come Apple e Facebook devono ancora lanciare le loro tecnologie di realtà mista e Microsoft è alla sua seconda versione di HoloLens. Ho chiesto a Johnson come può competere con quelle altre aziende che hanno miliardi di dollari a loro disposizione per la ricerca in questa battaglia competitiva a lungo raggio. Ho una risposta interessante.

Ecco una trascrizione modificata della nostra intervista.

Sopra: Peggy Johnson è il CEO di Magic Leap.

Credito immagine: Magic Leap

VentureBeat: Com'è stato diventare CEO di Magic Leap?

Peggy Johnson: Avevo avuto l'opportunità di vedere la tecnologia prima. Ho visitato Magic Leap quando ero ancora in Microsoft. Ho fatto il tour e ho capito a che punto erano nello sviluppo della tecnologia. Sapevo che era solido. Ma ci voleva un po' di concentrazione. Qualcuno ha dovuto restringere i mercati di riferimento. È stato un periodo interessante, considerando la pandemia. L'unica persona che avessi mai incontrato di persona era Rony Abovitz, il precedente CEO. Ma è stato molto chiarificatore. Sapevo cosa doveva essere fatto. Quando sono arrivato in azienda, quello era il mio obiettivo principale, far sì che l'azienda lavorasse solo su alcune aree aziendali. Nemmeno all'interno dell'impresa, ma solo in alcune aree dell'impresa: sanità, produzione e settore pubblico.

VentureBeat: Che cosa aveva più senso in quelle aree particolari? Avevi già fatto progressi lì?

Johnson: Lì avevamo fatto dei progressi. Dirò, tuttavia, che tutte e tre queste aree erano già utilizzate per i display heads-up in qualche formato. I chirurghi li indossano durante le operazioni. Certamente il personale del settore pubblico e i militari sono a proprio agio con gli HUD. Spesso li vedi negli ambienti di produzione. Pensavamo che sarebbero stati il ​​sollevamento più facile per mostrare alla gente cosa poteva fare l'AR per loro. Questo è stato il caso. Questi sono quelli in cui abbiamo visto la prima trazione, in quei tre settori.

Ci sono tre casi d'uso su cui ci concentriamo. Non so se l'hai sentito prima. Questa è formazione, assistenza remota: quando non hai il professionista nelle vicinanze, loro possono vedere quello che vedi tu. E infine, qualsiasi tipo di visualizzazione 3D, dai sistemi CAD ai team di progettazione, quel genere di cose. Queste sono le tre principali aree di interesse per noi.

VentureBeat: La tecnologia era ancora un po' costosa, ma suppongo che quelle applicazioni abbiano così tanti vantaggi che sono lì che i clienti sono disposti a pagare per quello che hai ora.

Johnson: Corretta. Sei perfetto, sì. C'è un ritorno sull'investimento per i clienti in quelle aree che ha senso. Se hai un ROI tangibile, c'è l'adozione, e poi questo aumenta il volume, che porterà a un'ulteriore adozione in quanto possiamo rendere il prodotto più piccolo, più leggero, più veloce, più economico. In effetti, il nostro dispositivo Magic Leap 2, che è in coda per essere lanciato nel nostro programma di accesso anticipato nel quarto trimestre di quest'anno, ha questi elementi. È grande circa la metà di Magic Leap One. È circa il 20 percento più leggero. Ha circa tre o quattro volte la potenza di elaborazione. Il rendering e le immagini sono ad altissima fedeltà.

Poi abbiamo anche raddoppiato il campo visivo, che è una metrica molto importante. È la tavolozza su cui puoi dipingere i tuoi contenuti digitali. Questa è stata un'area: è stata una specie di punto dolente in AR fino ad ora. Lo abbiamo raddoppiato, il che è stato un grande miglioramento. Tutte queste aree sono cose che si prestano a tutto il giorno, all'uso quotidiano, che è ciò che l'azienda ha chiesto, un dispositivo che puoi mettere in testa al mattino e indossare tutto il giorno.

Sopra: Magic Leap sta lavorando al suo secondo visore.

Credito immagine: Magic Leap

VentureBeat: Puoi spiegare meglio una di queste applicazioni, cosa ci fanno effettivamente le persone?

Johnson: Sicuro. Abbiamo lavorato durante la pandemia, che è stata un vero catalizzatore per l'AR in generale, perché le aziende stanno cercando queste soluzioni di lavoro a distanza. Abbiamo lavorato con un certo numero di aziende sulla formazione. Possono mettere insieme le loro squadre di allenamento. Molte volte le aziende faranno volare nuovi tirocinanti e li ospiteranno nelle loro strutture di formazione. Devono ospitarli per una settimana o diverse settimane. Abbiamo avuto società che ci hanno contattato, inclusa Farmer's Insurance, che volevano continuare a formare i loro periti legali durante la pandemia. Hanno un partner ISV chiamato Talespin e hanno ideato un programma di formazione che ha permesso a Farmer's Insurance di continuare ad allenarsi ovunque vivessero i loro nuovi periti.

Questo è un caso d'uso nella formazione che francamente può far risparmiare denaro alle aziende. Non stanno portando tutti in un luogo fisico. Risparmia anche tempo. Credo che anche dopo il COVID, questo tipo di scenari continuerà. Non è solo la continuità aziendale durante la pandemia, ma dopo la pandemia ci sono molti risparmi in termini di tempo e risorse.

VentureBeat: Anche quello era "Firing Barry", giusto? I Talespin? Ti ricordi quell'applicazione che hanno mostrato?

Johnson: No, non lo conosco. Ma deve essere stato prima del mio tempo. Sto ancora imparando sul passato. Alcuni degli altri casi d'uso con cui stiamo lavorando: Ericsson ha un'interessante applicazione di produzione in cui replicano le passeggiate gemba giapponesi, in cui un manager camminerà attraverso una fabbrica alla ricerca di aree di miglioramento. Ora le passeggiate gemba possono essere eseguite con l'aumento. Puoi guardare un macchinario in una fabbrica e tutte le statistiche possono essere visibili digitalmente mentre ci passi davanti. Sono fisicamente cementati in una certa posizione in fabbrica. Quindi si passa alla macchina successiva e si possono evidenziare quei caratteri, l'efficienza delle macchine. Puoi mantenere le macchine. Puoi eseguire video che mostrano come mantenerli. Puoi chiamare un esperto se hai un problema in fabbrica che non hai affrontato prima. Hanno alcuni miglioramenti interessanti al processo del flusso di lavoro utilizzando Magic Leap.

Un altro interessante, e possiamo inviarti il ​​video, è con il nostro partner Brainlab, un ISV. Fanno scansioni 3D di risonanza magnetica e TAC. Lo hanno integrato in Magic Leap One e lo integreranno in Magic Leap Two quando uscirà entro la fine dell'anno. Hanno creato la possibilità di formare i medici utilizzando le scansioni 3D. Abbiamo un video interessante da loro, stavano lavorando con UC Davis in California per iniziare la separazione di alcuni gemelli siamesi che in realtà erano congiunti nel cervello. Possono mettere l'immagine 3D del cervello al centro della stanza e il team chirurgico di 30 persone si è formato su di esso. L'operazione è avvenuta lo scorso autunno ed è andata a buon fine. Sono stati in grado di mostrare ai genitori cosa sarebbe successo ai loro figli. È stato un ottimo risultato e qualcosa che quasi tutti gli ospedali del mondo fanno ogni giorno, tracciando i percorsi chirurgici che il chirurgo seguirà durante un'operazione. In questo caso, 30 persone hanno potuto guardare insieme l'immagine, fare domande e vedere esattamente cosa sarebbe successo prima dell'operazione. Si sono allenati per mesi sul dispositivo.

Sopra: Magic Leap vede le applicazioni automobilistiche per la realtà mista.

Credito immagine: Magic Leap

VentureBeat: Esaminando l'intero settore, com'è operare in questo ambiente in cui i giganti della tecnologia sono così interessati? Stanno spendendo miliardi di dollari in questi investimenti in realtà mista. Facebook, Microsoft, Apple e altri. Com'è questo ambiente competitivo?

Johnson: Bene, un vantaggio che abbiamo è che lo facciamo da 10 anni ormai. Abbiamo innovato, sviluppandoci in questo spazio. AR è molto difficile. È un problema di ottica impegnativo da risolvere, per posizionare in modo molto preciso quel contenuto digitale nel regno fisico. È qualcosa che, rispetto alla realtà virtuale, è molto più impegnativo. È qui che Magic Leap eccelle.

Dirò che avere tutte le altre grandi aziende tecnologiche sul campo ora è una grande conferma della tecnologia. È stato un bene per noi. Se ne sente parlare di più sulla stampa. La gente lo conosce di più. Durante la pandemia si sono rivolti a noi per cercare soluzioni di lavoro a distanza perché le avevamo. È stato positivo avere più persone del settore che mettono risorse in questo spazio perché convalida il mercato dell'AR.

VentureBeat: Come passi a questa prossima generazione? Qual è il piano per questo?

Johnson: La prima generazione è stata costruita per essere un dispositivo consumer. In un certo senso non ha colpito del tutto quel mercato, ma soprattutto perché è un dispositivo più grande. Non c'erano molti contenuti per questo. Quindi, come possiamo fare le cose in modo diverso con Magic Leap Two. Abbiamo realizzato un dispositivo più piccolo, indossabile tutto il giorno. Ha migliorato le metriche che i nostri clienti aziendali ci chiedevano: più piccolo, più leggero, più veloce, più economico. Ma la cosa più importante è che l'ecosistema circostante, la community di app, è chiaramente molto diversa da quella consumer: molte di queste applicazioni e gli sviluppatori hanno già una conoscenza dell'AR. Capiscono cosa può fare l'integrazione in una piattaforma AR per potenziare le loro app. Abbiamo lavorato con un certo numero di ISV e continueremo a costruire quella community fino al lancio di Magic Leap Two.

In gran parte sono i partner ISV dei nostri clienti. Ad esempio, UC Davis ha utilizzato Brainlab. Abbiamo lavorato con Brainlab per integrare la loro applicazione sul nostro dispositivo. Farmer's Insurance ha utilizzato Talespin. C'è un piccolo ISV a Seattle chiamato Taqtile. Fanno molto negli ambienti manifatturieri e industriali. Ad esempio, migliorare il processo del flusso di lavoro di un dipendente in prima linea che svolge una determinata serie di attività ogni giorno all'interno di una fabbrica. Possono avere questa amplificazione delle loro capacità con l'uso del nostro dispositivo AR.

Sopra: Rony Abovitz è il fondatore di Sun and Thunder ed ex CEO di Magic Leap.

Credito immagine: sole e tuono

VentureBeat: La sfida in questo momento è far progredire la tecnologia, ma eliminare i costi?

Johnson: Esatto, sì, e per renderlo più piccolo, più leggero, più veloce, per continuare su quella strada. Penso sempre che l'analogia sia molto simile all'industria della telefonia mobile. All'inizio i telefoni erano grandi e costosi. Sono stati in gran parte venduti solo a imprese, clienti che potrebbero razionalizzare l'investimento. I venditori che lavoravano dalla strada e dovevano fare il check-in con l'ufficio durante il giorno dovevano fermarsi, trovare un parcheggio, trovare una cabina telefonica. Ora potevano semplicemente chiamare dalle loro macchine. Non importava che i telefoni fossero più grandi e più costosi perché c'era un ROI tangibile.

Questa è l'area sulla curva in cui ci troviamo con AR in questo momento. Lo spazio più redditizio è l'AR aziendale. Ecco perché ci concentriamo lì. Siamo in grado di fornire un ROI molto tangibile, che si tratti di risparmi sui costi di formazione o di efficienze che possono essere introdotte nel teatro operativo. Queste sono le aree su cui ci concentriamo.

VentureBeat: Per quanto riguarda la tecnologia, pensi di poterla portare all'aperto? O riuscirai ad avere buone applicazioni che rimangono in casa?

Johnson: Abbiamo alcune tecniche su cui stiamo lavorando per Magic Leap Two per fornire una migliore esperienza all'aperto. È vero che ci sono molti scenari che ne hanno bisogno, in particolare nello spazio militare, dove stanno cercando di simulare l'addestramento all'aperto. Il dispositivo stesso deve essere in grado di gestire tali situazioni. Avremo altro da condividere su questo quando ci avvicineremo al nostro programma di accesso anticipato. Ma è sicuramente un problema di cui abbiamo sentito parlare dagli utenti aziendali e che intendiamo risolvere con Magic Leap Two.

VentureBeat: Quali sono gli obiettivi dal punto di vista finanziario? Pensi che sia ancora possibile raccogliere più soldi, o a questo punto cerchi di azzerare la redditività da dove ti trovi?

Johnson: In questo momento siamo stabili. Abbiamo stabilizzato l'azienda da un anno fa, quando stava attraversando un periodo di transizione. Siamo a nostro agio con il nostro posto attuale. Siamo alla vigilia del lancio di Magic Leap 2 per i primi utenti nel quarto trimestre di quest'anno. Per il momento siamo tranquilli di poter raccogliere i fondi di cui abbiamo bisogno per fabbricare il prodotto e vendere il prodotto.

Sopra: le cuffie Magic Leap One hanno iniziato a essere vendute per $ 2.295 nel 2018.

Credito immagine: Magic Leap

VentureBeat: Hai avuto alcuni cambi di gestione di recente.

Johnson: Noi facemmo. Dovresti considerarli come la progressione naturale di qualsiasi azienda che sta attraversando una transizione. Abbiamo anche coinvolto diversi dirigenti. Se guardi un po' prima nella catena degli annunci, vedrai che abbiamo coinvolto dirigenti di una varietà di aziende che ci hanno aiutato nella nostra nuova attenzione all'area aziendale. Abbiamo coinvolto un CFO, un chief business officer, un chief product officer e un chief software e cloud officer. Tutti loro sono stati estremamente aggiuntivi per il nostro team di leadership senior e tutti sono entusiasti e appassionati dello spazio AR come lo sono io. È stato un gruppo meraviglioso. Questo è in cima a una grande base di talenti di livello mondiale che avevamo in azienda quando sono arrivato.

VentureBeat: Hai avuto qualche reazione interessante al discorso di oggi?

Johnson: È stato meraviglioso poter presentare la nuova direzione di Magic Leap a un pubblico abbastanza vasto. Non conosciamo ancora i numeri. Sono sicuro che ne parleremo presto al VivaTech. È una conferenza ibrida. Avremo 5.000 persone qui, ma ovviamente molte di più online. Erano entusiasti di conoscere gli attuali casi d'uso che stanno offrendo ROI in questo momento. Penso che abbia risuonato con il pubblico. A volte l'AR viene messo nel secchio di "Oh, mancano anni". Non è vero. Per l'AR aziendale è ora.

VentureBeat: Se guardi indietro all'eredità di Rony, come la vedi? Quale vorresti che fosse la tua eredità?

Johnson: L'eredità di Rony, era un fantastico visionario. Dieci anni fa, quando l'azienda ha iniziato, ha visto la promessa dell'AR e poi si è messo al lavoro per sviluppare la tecnologia. Avrà sempre quell'eredità in questo spazio. Lui è stato il primo. Quello che vorrei fosse la mia eredità è l'attenzione che ho portato all'azienda sui mercati dei primi utenti. Dobbiamo concentrarci sulle aree che troveranno un ROI reale e tangibile nel breve termine. Proprio come i telefoni cellulari, possiamo arrivare a un certo volume, che quindi guiderà un'ulteriore integrazione del silicio, componenti più piccoli, dispositivi più piccoli.

VentureBeat: Ultimi commenti che vorresti aggiungere alla conversazione?

Johnson: No, solo che siamo piuttosto entusiasti dell'uscita di Magic Leap Two. Sono così orgoglioso del team che ha costruito questo prodotto durante una pandemia globale e lo ha tenuto in carreggiata. Parleremo dei partner per quel programma di accesso anticipato nei prossimi mesi. Resta sintonizzato su questo fronte.

GiochiBeat

Il credo di GamesBeat quando copre l'industria dei giochi è "dove la passione incontra il business". Cosa significa questo? Vogliamo dirti quanto le notizie siano importanti per te, non solo come decisore in uno studio di gioco, ma anche come fan dei giochi. Sia che tu legga i nostri articoli, ascolti i nostri podcast o guardi i nostri video, GamesBeat ti aiuterà a conoscere il settore e a divertirti a interagire con esso.

Come lo farai? L'iscrizione include l'accesso a:

  • Newsletter, come DeanBeat
  • I meravigliosi, istruttivi e divertenti relatori dei nostri eventi
  • Opportunità di networking
  • Interviste, chat ed eventi "open office" riservati ai soli membri con lo staff di GamesBeat
  • Chatta con i membri della community, lo staff di GamesBeat e altri ospiti nel nostro Discord
  • E forse anche un divertente premio o due
  • Presentazioni a feste che la pensano allo stesso modo

Diventare socio