La causa contro Western Digital vuole porre fine a qualsiasi uso di SMR nelle unità NAS

206

SMR dove meno te lo aspetti

Visualizza più storie

Lo studio legale Hattis & Lukacs ha presentato un emendamento alla sua azione legale collettiva contro Western Digital per aver incluso la tecnologia SMR nella sua linea di unità NAS WD Red. L’emendamento aggiunge altri cinque querelanti nominati da cinque nuovi stati e include dettagli tecnici aggiuntivi significativi.

Se non sei aggiornato sulla saga SMR, questo è un articolo di una serie in corso. La versione breve: SMR—Shingled Magnetic Recording—è una tecnologia di registrazione su disco rigido relativamente nuova che consente densità di dati più elevate. Lo fa disponendo tracce sovrapposte, come tegole su un tetto, con una testina di scrittura più ampia della testina di lettura. Sfortunatamente, questa tecnologia rende in molti casi estremamente lenta la riscrittura dei settori del disco esistenti: riscrivere un singolo settore da 4 KiB significherà generalmente la necessità di leggere e riscrivere un’intera zona di 256 MiB.

La causa collettiva americana originale (ce n’è anche una canadese) aveva un unico querelante, Nicholas Malone del Wisconsin. L’emendamento presenta cinque nuovi querelanti, ciascuno di uno stato diverso, e racconta in dettaglio la storia di ciascun querelante. La storia del querelante di New York Steve Gravel è particolarmente sconvolgente: non stava solo usando le unità per l’archiviazione di foto e film; aveva un target iSCSI sul suo QNAP NAS e il calo delle prestazioni quando ha sostituito le unità CMR con SMR è stato, come ci si potrebbe aspettare, terribile.

Ingrandisci / Se la causa ha esito positivo, Western Digital sarà costretta a interrompere la commercializzazione dei dischi SMR come dischi “NAS”, punto.

Jim Salter

Ciò che rende interessante l’azione collettiva di Hattis & Lukacs contro Western Digital è che l’azienda non sta solo cercando soldi, ma sta cercando un’ingiunzione permanente che impedisca a Western Digital di pubblicizzare unità SMR appropriate per dispositivi NAS o RAID in qualsiasi modo. In effetti, questo sembra essere il principale rimedio richiesto dalla causa, poiché afferma anche che i suoi querelanti non stanno attualmente chiedendo un risarcimento, ma solo il rimborso e le spese legali.

Pubblicità Ingrandisci / “I tuoi prodotti sono chiaramente difettosi, ma non è di questo che si tratta.”

Jim Salter

La causa si basa pesantemente, anzi, quasi esclusivamente, sulla presunta falsa pubblicità di Western Digital. Sebbene rappresenti una causa aggressiva sull’inadeguatezza delle unità Red, in pratica ciò viene fatto solo per rendere reale il caso dell’azienda, ovvero che Western Digital ha violato il California Consumers Legal Remedies Act, la False Advertising Law, la legge sulla concorrenza sleale e la protezione dei consumatori Statuto. La causa sostiene che tutti i querelanti dovrebbero essere in grado di citare in giudizio ai sensi della legge della California (dove ha sede Western Digital) ma prevede di ripiegare anche negli stati di origine dei querelanti nominati, se e se necessario.

Se questa causa riuscisse a ottenere un’ingiunzione permanente che escludesse la pubblicità da parte di Western Digital di unità SMR appropriate per l’uso NAS, costituirà un forte precedente anche per il resto del settore dello storage.

Maggiori informazioni su Western Digital SMR da ServeTheHome

Il dipendente di Western Digital Manfred Berger ha parlato alla conferenza europea di OpenZFS nel 2015: alle 13:26, ha spiegato perché l’SMR gestito dall’unità non è appropriato per ZFS.

Nelle notizie correlate, il sito tecnologico ServeTheHome ha fornito ulteriori informazioni sia sulla comprensione di Western Digital di dove la tecnologia SMR dovrebbe e non dovrebbe essere utilizzata, sia su come hanno risposto i fornitori che rivendono le unità Western Digital Red. Nella nostra precedente copertura, abbiamo ipotizzato che forse WD avesse testato il RAID convenzionale come visto nei dispositivi NAS consumer, ma non fosse riuscito a testare o comprendere ZFS.

Nel video sopra, tuttavia, l’ingegnere HGST Manfred Berger parla a una conferenza europea OpenZFS e descrive come l’SMR gestito dall’unità, la tecnologia utilizzata nei nuovi dischi Red, non sia appropriato per l’uso ZFS a causa di “prestazioni imprevedibili o ridotte”. in particolare quando non è in una condizione nuova. Berger ha lavorato per la divisione HGST, non per la divisione che progetta o produce la linea rossa, ma stiamo ancora guardando un ingegnere senior di dischi rigidi Western Digital che sapeva chiaramente sia di ZFS che dell’inadeguatezza dell’SMR gestito dall’unità per questo.

ServeTheHome sottolinea inoltre che sia Synology che ixSystems ora elencano le unità Red dotate di SMR come incompatibili con i loro dispositivi di archiviazione e segnala che nessuno dei due fornitori sapeva in anticipo che Western Digital aveva introdotto SMR nella linea rossa, lasciando loro la possibilità di scoprire e reagire da soli.