La perdita di iOS 14 rivela la funzionalità che ti consente di utilizzare le app anche se non le hai installate

55

Ingrandisci / iOS 13 su iPhone 11 Pro.

Samuel Axon

Secondo l’analisi di 9to5Mac di una presunta build trapelata di iOS 14, la prossima versione principale del sistema operativo mobile di Apple per iPhone, iPad e iPod introdurrà una nuova API che consentirà agli sviluppatori di offrire alcune funzionalità delle loro app agli utenti che non hanno effettivamente scaricato o installato quelle app.

La pubblicazione afferma che Apple si riferisce alla funzione come “Clip” e che si basa sugli strumenti esistenti che consentono agli utenti di navigare verso contenuti specifici dell’app tramite codici QR. L’idea sembra essere che toccando un collegamento mirato all’app o scansionando un codice QR si potrebbe visualizzare il contenuto in una “scheda mobile” temporanea dell’app sul dispositivo che consente di consumare il contenuto o eseguire qualche altra azione relativa all’app.

Attualmente, l’utilizzo di un collegamento o un codice del genere quando non hai installato l’app associata, lo apri in Safari e talvolta ti indirizza all’App Store per scaricare l’app prima che tu possa fare qualsiasi cosa con esso. Ora, una parte dell’app può essere scaricata “come pacchetto Over-The-Air”. Apple fornirebbe l’API agli sviluppatori per determinare quali parti dell’app dovrebbero essere accessibili in questo modo e per consentire agli sviluppatori di implementarlo da soli utilizzando gli strumenti di Apple.

Annuncio

Nella prima build 9to5Mac afferma di avere accesso, sembra che al momento funzionino solo i codici QR, ma è plausibile che Apple possa estenderlo anche ai collegamenti. In ogni caso, la pubblicazione afferma di aver identificato integrazioni con YouTube, OpenTable, Yelp, DoorDash e l’app per il secondo schermo di Sony per i giocatori PlayStation. Apple collabora spesso con un gruppo selezionato di sviluppatori di app durante la creazione di una nuova funzionalità, quindi ci sono esempi in cui la funzionalità viene dimostrata e introdotta, di solito alla conferenza degli sviluppatori estiva dell’azienda, che si terrà virtualmente quest’anno.

Google offre già un paio di opzioni in qualche modo simili in Android; uno si chiama Slices e un altro è un’anteprima limitata di una funzione chiamata Instant Apps. I casi d’uso specifici della versione di Apple non sono ancora chiari, quindi non possiamo ancora essere sicuri di quale di queste due soluzioni Clip sia simile, se nessuna delle due. Inoltre, non è chiaro se Clips sarà limitato ai codici QR, il che lo relegherebbe all’uso come strumento di marketing allegato a pubblicità e simili, o se verrà utilizzato per consentire agli utenti di accedere a funzionalità più profonde senza scaricare app.

A seconda di come viene utilizzata questa API, potrebbe avere ramificazioni per le preoccupazioni, che vanno dal controllo genitori alle app di metriche che gli sviluppatori utilizzano per misurare e basarsi sul loro successo.

È importante riconoscere che mentre le perdite passate confermate in seguito hanno fatto sembrare probabile che la build iOS 14 trapelata di 9to5Mac sia legittima, non sarebbe insolito per Apple includere funzionalità nelle prime build pre-rilascio che non arrivano sul mercato subito o del tutto. Probabilmente dovremo aspettare almeno fino al WWDC virtuale di giugno per avere l’ultima parola.