La sentenza del giudice potrebbe cambiare il panorama delle app mobili

5

lusia83/Shutterstock.com

Apple ed Epic si sono trovate bloccate in un’intensa battaglia legale per consentire gli acquisti al di fuori del sistema di pagamento dell’App Store e sul fatto che Apple fosse un monopolio. Sebbene Epic non sia stato in grado di dimostrare il secondo, ha ottenuto una grande vittoria sul primo, supponendo che la sentenza sia valida.

Aggiornamento, 9/10/21: Aggiunti commenti Apple ed Epic sulla sentenza.

Regole del giudice sul caso Apple contro l’epico Fortnite

Come riportato per la prima volta da The Verge, il giudice Yvonne Gonzalez-Rogers ha emesso una sentenza nel caso Apple contro Epic in corso. Ha emesso un’ingiunzione permanente che afferma che Apple è “permanentemente trattenuta e ingiunta dal proibire agli sviluppatori di includere nelle loro app e nei loro pulsanti di metadati, collegamenti esterni o altri inviti all’azione che indirizzano i clienti ai meccanismi di acquisto”.

Ciò significa che gli sviluppatori, come Epic, possono indirizzare le persone a metodi di pagamento in-app al di fuori dell’App Store, impedendo così ad Apple di prendere il 30% della transazione.

Tuttavia, è importante notare che questo non inizierà fino al 9 dicembre 2021, ovvero 90 giorni dalla sentenza.

Ancora più importante da notare è che Apple esaurirà quasi sicuramente ogni ricorso a sua disposizione nel tentativo di ribaltare la sentenza.

La sentenza ha anche affermato che Apple non può impedire agli sviluppatori di “comunicare con i clienti attraverso punti di contatto ottenuti volontariamente dai clienti attraverso la registrazione dell’account all’interno dell’app”. Ciò significa che gli sviluppatori possono utilizzare le informazioni di contatto ottenute tramite l’App Store per contattare i clienti, in modo simile alla sentenza offerta dalla Japan Fair Trade Commission.

Epic ha anche affermato che Apple era un monopolio con l’attuale situazione dell’App Store. Tuttavia, il giudice Gonzalez-Rogers ha stabilito che “il tribunale non può concludere che Apple sia un monopolista ai sensi delle leggi antitrust federali o statali. Tuttavia, il processo ha dimostrato che Apple è impegnata in una condotta anticoncorrenziale ai sensi delle leggi sulla concorrenza della California”.

Sfumatura cruciale qui: ho visto alcune persone dire che Apple è stata trovata per *non* essere un monopolista nel verdetto di Epic Games. Non è giusto. Il giudice ha detto che Epic non è riuscita a *dimostrare* che Apple era un monopolista, ma è stata attenta a lasciare aperta la possibilità che lo fosse. pic.twitter.com/ArNvV6Owed

— Will Oremus (@WillOremus) 10 settembre 2021

In sostanza, ciò significa che Epic non è riuscita a convincere la corte che Apple è un monopolio, ma non significa inequivocabilmente che Apple non lo sia.

La risposta di Apple alla sentenza del giudice in Epic Case: pic.twitter.com/LeF4osdTQC

— Mark Gurman (@markgurman) 10 settembre 2021

Inoltre, Epic sarà costretta a pagare ad Apple 3,65 milioni di dollari, ovvero il 30% dei 12.167.719 di dollari guadagnati dai giocatori di Fortnite iOS tra agosto e ottobre 2020, quando Epic ha utilizzato il proprio sistema di pagamento senza autorizzazione. Inoltre, Epic deve pagare ad Apple il 30% delle entrate guadagnate con quel metodo tra il 1 novembre e oggi.

Che cosa significa questo per te?

Come accennato, questo sarà probabilmente oggetto di ricorso da parte di Apple in ogni modo possibile. Ciò significa che non potrebbe cambiare nulla in termini di App Store del panorama dei pagamenti mobili, o potrebbe cambiare tutto.

Ciò potrebbe interessare sia gli utenti iPhone che Android se si attacca, poiché Google ha un caso simile con Epic. Se tutto va a buon fine, potremmo vedere gli sviluppatori di Google Play escludere Google dal processo come il giudice ha consentito agli sviluppatori di App Store.

Fortnite tornerà sull’App Store di iOS quando e dove Epic potrà offrire il pagamento in-app in concorrenza leale con il pagamento in-app di Apple, trasferendo i risparmi ai consumatori.

— Tim Sweeney (@TimSweeneyEpic) 10 settembre 2021

E se sei un fan di Fortnite, questa sentenza non significa che Apple debba far tornare il gioco sull’App Store, quindi anche se Epic potrebbe essere autorizzato a utilizzare sistemi di pagamento esterni, potrebbe non avere il suo gioco più popolare disponibile su iPhone per farlo.