La strategia di cloud ibrido di IBM sta guadagnando terreno

0
44

IBM continua i suoi sforzi per riorientare il suo core business intorno al cloud. Tutto è iniziato con una storica acquisizione da 34 miliardi di dollari di Red Hat nel 2019. Questo è stato seguito da un significativo cambio della guardia nominando Arvind Krishna come nuovo CEO dopo una corsa riuscita alla guida della divisione cloud e software cognitivo. Krishna è stato anche un catalizzatore chiave nell'accordo con Red Hat e rimane impegnato a riorientare IBM sul cloud, che ora sta generando $ 6,3 miliardi di entrate, un aumento del 30% rispetto allo scorso anno.

Nell'ottobre 2020, IBM ha scorporato la sua attività di servizi tecnologici legacy per concentrarsi sul cloud computing e sull'intelligenza artificiale. La divisione riflette il modo decisivo in cui il computing si è spostato sul cloud e il perno di IBM nel perseguire l'opportunità del mercato cloud.

Un approccio ibrido

La strategia di IBM è quella di concentrarsi sul mercato del cloud ibrido, che consente alle aziende di connettere i fornitori di cloud pubblico con l'infrastruttura di cloud privato. Le soluzioni cloud ibride offrono vantaggi chiave in termini di controllo, velocità, sicurezza, costi e velocità.

Tuttavia, lo sviluppo di un'applicazione che funzioni tra provider di servizi cloud richiede una piattaforma che astrae funzionalità cloud specifiche e garantisce la portabilità su piattaforme cloud. Come parte della storica acquisizione di Red Hat da parte di IBM, ha ottenuto OpenShift, che utilizza una piattaforma open source chiamata Kubernetes per gestire le funzionalità delle applicazioni in contenitori portatili. Ciò consente alle organizzazioni di creare una piattaforma coerente tra più fornitori di cloud e di far funzionare le loro applicazioni senza problemi in questi ambienti eterogenei. IBM ha ora rilasciato più di 100 dei suoi prodotti software sulla piattaforma OpenShift.

IBM ha annunciato formalmente Cloud Paks nel novembre 2020 come una naturale estensione del lavoro iniziale di IBM nei container e per supportare il progetto open source Kubernetes. Cloud Paks promuove questi sforzi creando soluzioni leggere, modulari e di livello aziendale che integrano una piattaforma container e middleware IBM containerizzato e componenti open source, come RedHat OpenShift.

IBM ha continuato ad acquisire asset strategici che stanno aiutando ulteriormente la sua posizione nel mercato cloud e AI. Nel novembre 2020, ha acquisito Instana per gestire al meglio la complessità delle applicazioni moderne che abbracciano il panorama del cloud ibrido e aiuta IBM a migliorare le sue capacità di automazione AI. La soluzione software di Instana fornisce il monitoraggio e la gestione delle prestazioni del software utilizzato nelle architetture di microservizi e consente la visualizzazione 3D delle prestazioni attraverso grafici generati utilizzando algoritmi di apprendimento automatico.

In precedenza IBM ha acquisito WDG Automation, che fornisce l'automazione dei processi robotici (RPA) basata sull'intelligenza artificiale per aiutare le aziende ad automatizzare le attività operative banali e le distribuzioni cloud. IBM lo ha integrato nelle sue offerte Cloud Pak su Red Hat OpenShift, che ora fornisce oltre 600 funzioni RPA predefinite per aiutare le aziende a trasformare le informazioni dall'IA in azioni automatizzate.

IBM continuerà a concentrarsi sull'acquisizione di risorse strategiche per promuovere la sua visione cloud-first. La società continuerà anche a stringere un gran numero di partnership strategiche come con Verizon, Adobe e, solo la scorsa settimana, Palantir e Foghorn.

Si tratta di ottimizzare i dati

Il cloud sta diventando una merce, un'utilità di base dell'informatica. La potenza che il cloud sprigiona con la sua elasticità, scalabilità, accessibilità e velocità sta creando le basi per nuove applicazioni mai viste prima.

Le aziende stanno migrando rapidamente le proprie risorse di dati nel cloud per ottenere flessibilità e agilità e ridurre i costi. Ma il vero potere sta nello sfruttare sofisticati algoritmi di apprendimento automatico per liberare informazioni chiave nei dati

Tuttavia, lo sforzo, la complessità e la specialità tecnica necessari per sviluppare e distribuire applicazioni AI basate su cloud sono stati molto elevati. Esiste un crescente divario e carenza di competenze di intelligenza artificiale perché queste applicazioni di intelligenza artificiale richiedono un mix multidisciplinare di statistiche, informatica, elaborazione dei segnali, modellazione dei dati e conoscenza del dominio. Secondo IBM, "il 31% delle aziende ha citato la complessità dei dati come un ostacolo al lancio di applicazioni AI e il 37% ha evidenziato la carenza di competenze come una sfida importante".

L'annuncio IBM / Palantir della scorsa settimana fornisce una nuova soluzione chiamata "Palantir for IBM Cloud Pak for Data", che sfrutta la piattaforma Foundry Analytics di Palantir per integrare i servizi IBM Watson e Red Hat OpenShift.

IBM sta posizionando la nuova offerta come una piattaforma "low-code / no-code" per la distribuzione di applicazioni AI aziendali che forniscono discovery, elaborazione e pipeline automatizzati dei dati attraverso le grandi quantità di dati in silos che esistono in locale, ibrido e cloud ambienti. Ciò riduce la necessità di competenze di intelligenza artificiale approfondite e comprime il tempo necessario per distribuire applicazioni di intelligenza artificiale.

IBM sta fondendo efficacemente il suo cloud ibrido, l'intelligenza artificiale, l'elaborazione dei dati e la tecnologia operativa in questo nuovo prodotto rivolto ai clienti aziendali e mirando a questa strategia per aiutare le organizzazioni ad accelerare il loro più ampio percorso di trasformazione digitale.

Ma IBM non è l'unico vincitore qui. Il grande vincitore in tutto questo potrebbe effettivamente essere Palantir poiché il suo prodotto è ora nelle mani di oltre 2.500 venditori IBM e, cosa più importante, ottiene l'accesso ai clienti aziendali blue-chip di IBM. Le azioni di Palantir sono aumentate di oltre il 15% in seguito all'annuncio che anticipa l'aumento della domanda per i loro prodotti.

Intelligenza al limite

L'edge computing è un'architettura distribuita dell'era del cloud costruita per gestire l'integrazione dei dati in tempo reale prodotta da milioni di dispositivi connessi. Le applicazioni richiedono l'elaborazione dei dati in tempo reale ai margini della rete per ridurre la latenza. Ci sono anche vantaggi in termini di costi nel non dover inviare grandi flussi di dati a server cloud centralizzati per l'elaborazione.

Le aziende oggi utilizzano l'edge computing per creare un'ampia varietà di applicazioni come realtà virtuale e aumentata, edifici intelligenti, città intelligenti, spazi di lavoro, esperienze di vendita al dettaglio, auto autonome, fabbriche automatizzate e altro ancora.

L'estensione dell'edge computing per includere l'elaborazione cognitiva crea ancora più intelligenza proprio dove vengono utilizzate le applicazioni. Quindi la partnership con Foghorn IBM annunciata la scorsa settimana è significativa. Porta la piattaforma software edge intelligente di FogHorn a Edge Application Manager di IBM, che viene eseguito su OpenShift e gestisce carichi di lavoro ad alte prestazioni su dispositivi edge invece di inviare i dati al cloud per l'elaborazione.

La piattaforma Lightning di FogHorn è una soluzione edge-to-cloud a ciclo chiuso e indipendente dal cloud che consente una rapida iterazione di modelli di machine learning per aiutare le aziende a ottimizzare le loro operazioni per la massima efficienza e riduzione dei costi complessivi.

Una forza crescente

Si prevede che il mercato globale del cloud computing raggiungerà i 623,3 miliardi di dollari entro il 2023. Mentre AWS, Microsoft Azure e Google Cloud stanno chiaramente guidando la carica, IBM sta acquisendo silenziosamente capacità e stabilendo partnership che potrebbero renderlo il fornitore numero uno di soluzioni di cloud ibrido. IBM non sempre guida le trasformazioni tecnologiche, ma nel corso dei suoi 109 anni di esistenza, ha dimostrato di essere un esperto nel far perno sul proprio modello di business. Ora sta chiaramente scommettendo il suo futuro sul cloud.

(Divulgazione: la mia azienda ha una partnership con IBM. Tuttavia, abbiamo anche partnership con una serie di altri concorrenti cloud, tra cui Google Cloud, AWS e Microsoft Azure.)

Frank Palermo è EVP, Global Digital Solutions presso Virtusa e membro del Forbes Technology Council.

VentureBeat

La missione di VentureBeat è quella di essere una piazza della città digitale per i responsabili delle decisioni tecniche per acquisire conoscenze sulla tecnologia trasformativa e sulle transazioni.

Il nostro sito fornisce informazioni essenziali sulle tecnologie e strategie dei dati per guidarti mentre guidi le tue organizzazioni. Ti invitiamo a diventare un membro della nostra community, per accedere a:

  • informazioni aggiornate sugli argomenti di tuo interesse
  • le nostre newsletter
  • contenuti gated leader di pensiero e accesso scontato ai nostri eventi preziosi, come Transform
  • funzionalità di rete e altro ancora

Diventare socio