L’app Google AR ti consente di posizionare creature preistoriche, Apollo 11 nella tua stanza

3
  • Un gatto affronta un crostaceo preistorico in scala 400:1.

  • Un modulo Apollo nell’app.

  • Una balena blu.

  • Uno squalo.

  • Ancora il crostaceo, nella visualizzazione dell’app.

  • La tuta spaziale di Neil Armstrong.

  • Un pesce trombetta.

  • Un Egirocassis.

Google ha annunciato oggi di aver collaborato con istituzioni come il Museo statale Darwin di Mosca e il Museo di storia naturale di Londra per aggiungere nuove mostre virtuali alla sua app Arts & Culture per Android e iOS, che consente agli utenti di posizionare risorse di realtà aumentata nello spazio reale, visibile sullo schermo di un telefono.

Le aggiunte includono un modello in scala 400:1 di un crostaceo preistorico chiamato Cambropachycope, la capsula Apollo 11, la tuta spaziale di Neil Armstrong e opere d’arte di Frida Kahlo e altri artisti. L’app include anche una creatura marina di quasi 500 milioni di anni chiamata Aegirocassis, un pesce tronco, uno squalo e molti altri, molti dei quali sono anche visualizzabili come modelli 3D su uno dei siti Web di Google.

Sia Google che il suo principale concorrente nello spazio mobile (Apple) hanno investito molto nella realtà aumentata per i dispositivi mobili. Ciascuno fornisce API per gli sviluppatori di app AR per le proprie piattaforme: ARCore per Android e ARKit per iOS e iPadOS.

Negli ultimi anni, queste API sono diventate significativamente più sofisticate, introducendo funzionalità come ombre realistiche, acquisizione del movimento di tutto il corpo e occlusione. Tuttavia, a parte lo shopping di mobili, la maggior parte delle applicazioni sono curiosità piuttosto che utili in modo critico, in parte a causa delle limitazioni inerenti alla visualizzazione di contenuti AR sullo schermo di un telefono anziché sperimentarli nello spazio 3D tramite occhiali AR o qualcosa di simile.

Annuncio

Il piano di Google per gli occhiali AR non è chiaro, ma è risaputo che Apple ha dedicato risorse allo sviluppo di occhiali AR di qualche tipo per un lancio consumer nei prossimi anni. Il lavoro su ARCore e ARKit porta ora a curiosità come questa, ma potrebbe essere la base per applicazioni più utili quando un nuovo dispositivo verrà lanciato in seguito.

Detto questo, molti musei in tutto il mondo sono ancora chiusi a causa della pandemia di COVID-19, quindi portare manufatti naturali e storici nelle case delle persone in un formato immersivo sembra un’applicazione per la tecnologia altrettanto valida di qualsiasi altra in questo momento.

Google non è l’unica grande azienda tecnologica che si è mossa in questo spazio questa settimana. Amazon ha rivelato un nuovo strumento di acquisto AR che consente agli utenti di posizionare più mobili nella propria casa contemporaneamente (le app di acquisto AR più popolari supportano solo un articolo alla volta) e Apple ha acquisito una società di realtà virtuale che scansiona volti umani reali e li posiziona su avatar in realtà virtuale.

Mentre la realtà virtuale e la realtà aumentata sono distinte, gli sviluppatori di applicazioni ed esperienze per entrambi utilizzano molte delle stesse tecnologie e concetti sotto l’ombrello condiviso di XR e il lavoro che si applica a uno può a volte essere applicato all’altro.

I nuovi oggetti sono visibili in entrambe le versioni Android e iOS dell’app Android per tutti gli utenti in questo momento.