L’imminente clone di Airdrop di Google riceve una prima demo in video

45

Ingrandisci / Condivisione nelle vicinanze in azione.

Google sta lavorando a una funzionalità di condivisione file locale wireless per Android sulla stessa linea di Airdrop di Apple. Anche se non è ancora uscito, Mishaal Rahman di XDA ne ha installato una prima versione su alcuni dispositivi, poiché è attualmente dormiente nelle versioni di Google Play Services che sono in circolazione.

Funziona su come ti aspetteresti che funzioni una versione Google di Airdrop. Il primo utente tocca il menu Condividi di Android e seleziona la nuova opzione “Condivisione nelle vicinanze”. Altri utenti a portata d’orecchio della funzione ricevono una notifica pop-up che dice che un file è in attesa di essere ricevuto, quindi sia il mittente che il destinatario confermano di voler avviare il trasferimento. La configurazione avviene tramite Bluetooth, quindi il lavoro pesante del trasferimento dei dati avviene tramite Wi-Fi.

C’è un po’ di confusione su come verrà effettivamente chiamata questa funzione. La versione di Google Play Services di XDA chiama la funzione “Condivisione nelle vicinanze”, ma altre build la chiamano “Fast Share”. Comunque si chiami, essere legato a Play Services significa che dovrebbe funzionare su quasi tutte le versioni di Android, poiché Play Services non dipende dalla versione del sistema operativo ed è distribuito da Google tramite il Play Store.

In precedenza, Android disponeva di una funzionalità di condivisione locale chiamata “Android Beam”, ma è stata rimossa in Android 10. Mentre la nuova funzionalità di condivisione nelle vicinanze utilizza il Bluetooth per avviare un trasferimento tramite Wi-Fi, Android Beam utilizzava NFC per avviare un trasferimento tramite Bluetooth, che era scomodo per una serie di motivi. Innanzitutto, NFC richiedeva di toccare due telefoni uno dopo l’altro, quindi è stato necessario toccare entrambi i display, rapidamente, con una finestra di pochi secondi. Il posizionamento del telefono richiesto e la finestra sensibile al tempo per toccare il display hanno reso questo piuttosto scomodo da realizzare, specialmente per una sola persona che cerca di trasferire qualcosa da un dispositivo a un altro. L’altro problema era che utilizzava il Bluetooth, che è molto lento. Andava bene per gli URL, ma le immagini o qualsiasi altro contenuto generato dagli utenti richiedevano un’eternità.

Questa nuova funzione di condivisione nelle vicinanze sembra molto più comoda. Piuttosto che dover toccare fisicamente i due dispositivi, possono trovarsi fino a un piede di distanza l’uno dall’altro. Quindi, a differenza di Android Beam, è facile trasferire un file tra due dispositivi seduti su un tavolo. Poiché la Condivisione nelle vicinanze utilizza Wi-Fi Direct, è molto più veloce del Bluetooth. Rahman ha spostato un file .img da 3,5 GB attraverso il servizio e afferma che ci sono voluti poco più di due minuti. L’interfaccia utente delle finestre pop-up e delle notifiche di Nearby Sharing sembra molto più rilassata e affidabile di Android Beam, che necessitava di approvazione mentre i dispositivi si toccavano fisicamente. Spesso era difficile mantenere due dispositivi in ​​contatto in aria e toccare entrambi gli schermi senza perdere la connessione NFC o (senza fiato) far cadere un telefono.

Annuncio pubblicitario

L’Airdrop di Apple è in circolazione da otto anni e Google ha resistito a lungo all’aggiunta di una funzionalità simile in Android, presumibilmente perché avrebbe ridotto i servizi cloud dell’azienda. Hai bisogno di condividere una foto? Mettilo su Google Foto o (in precedenza) su Google+. Hai bisogno di condividere un video? Youtube. Hai bisogno di condividere qualcos’altro? Invialo a Google Drive. La spinta di Google nel mondo in via di sviluppo ha reso insostenibile questa filosofia basata su Internet, dal momento che non tutti i paesi dispongono dell’infrastruttura veloce, affidabile e onnipresente richiesta dai servizi cloud. Il primo grande prodotto di Google a presentare la condivisione locale è stato Android Go, una versione di fascia bassa di Android per gli smartphone più economici. Il file manager “Files Go” incluso (che ora è disponibile gratuitamente nel Play Store) presentava la condivisione Wi-Fi locale come una delle principali funzionalità e funziona in modo quasi identico a questa funzione di condivisione nelle vicinanze. Ora, tramite Play Services, la condivisione locale verrà fornita come funzionalità di base per ogni app.

C’è stata una forte richiesta di una funzionalità come questa da parte dei produttori di Android. In Cina, Xiaomi, Oppo e Vivo hanno collaborato per creare la propria funzione di condivisione wireless locale e ne avranno bisogno, poiché Google Play Services e il resto dell’ecosistema di Google Play non vengono distribuiti in Cina. Samsung sta anche lavorando a una funzionalità simile chiamata “Quick Share” che dovrebbe debuttare nel Galaxy S20. Come al solito, tuttavia, il punto di forza di Google è che controlla l’intero ecosistema Android e un’ampia implementazione cross-brand tramite Google Play Services sarebbe molto più utile di qualcosa come una funzionalità di condivisione da Galaxy S20 a Galaxy S20. Sarebbe anche fantastico se la condivisione nelle vicinanze fosse integrata nei computer desktop e laptop tramite Chrome e Chrome OS.

La Condivisione nelle vicinanze di Google è in fase di sviluppo da un po’ di tempo, ed è apparsa per la prima volta a giugno 2019. Google ha due grandi finestre di rilascio in arrivo: il rilascio di Android R 11 Beta che dovrebbe iniziare a marzo o a maggio al Google I/O . Forse vedremo un rilascio allora?