L'intelligenza artificiale di OutSense cerca malattie potenzialmente letali nella tua cacca

98

Puoi imparare molto analizzando le escrezioni corporee di una persona, dal reddito e dalla dieta fino, cosa più importante, alla loro salute. Ora una neonata startup israeliana vuole aiutare a prevenire malattie potenzialmente letali monitorando passivamente i rifiuti umani, aggirando la necessità di raccogliere campioni fisici.

OutSense mira a utilizzare la visione artificiale per "trasformare i rifiuti umani in intuizioni mediche salvavita" attraverso un semplice attacco IoT che si aggancia al lato di un water standard. Oggi, la società ha annunciato di aver raccolto 2,2 milioni di dollari da Peregrine Ventures, una società di VC in fase iniziale focalizzata sulle scienze della vita. Il round della serie A consentirà a OutSense di avvicinare la tecnologia al mercato e sviluppare ulteriormente quello che definisce il "primo e più grande database al mondo di rifiuti umani".

Non sprecare

Il dispositivo OutSense ha un sensore ottico multispettrale, un modulo di illuminazione e un controller autonomo con ricevitore Wi-Fi.

Sopra: OutSense ha costruito un dispositivo connesso che si collega a una tazza del water standard e utilizza sensori ottici multispettrali per esaminare i rifiuti umani.

Ciò garantisce che i dati acquisiti vengano trasferiti automaticamente al cloud, dove OutSense esegue analisi in tempo reale e fornisce approfondimenti a un dispositivo appartenente all'utente finale o direttamente al fornitore di assistenza sanitaria. Se il sistema di OutSense rileva un'anomalia, emette notifiche per attivare ulteriori analisi e trattamenti.

Sopra: interfaccia OutSense.

È chiaro che la tecnologia di OutSense non è progettata per il monitoraggio della salute del mercato di massa come lo sono i fitness tracker o le bilance connesse: è indirizzata a persone che hanno condizioni esistenti o si trovano in una fascia demografica che potrebbe essere più incline a malattie specifiche, come gli anziani. L'obiettivo clinico iniziale di OutSense è lo screening per il sangue nascosto nelle feci, che può essere un indicatore precoce del cancro del colon-retto (CRC). OutSense afferma di essere la prima azienda a dimostrare che il sangue nelle feci può essere efficacemente monitorato in un water standard, piuttosto che inviando campioni a un laboratorio.

OutSense ha affermato che la sua tecnologia può anche monitorare la disidratazione, le infezioni del tratto urinario, la stitichezza e la diarrea, ognuna delle quali può causare il deterioramento e l'eventuale ricovero negli anziani. Il CEO di OutSense Yfat Scialom afferma che la capacità della tecnologia di rilevare il sangue nascosto nelle feci è già stata convalidata tramite uno studio condotto presso il Meir Medical Center di Israele, che ha rilevato che aveva una precisione del 90%. Il rilevamento della disidratazione ha anche superato un test di fattibilità iniziale con "alta precisione", mentre altri casi d'uso sono attualmente in fase di sviluppo.

Sopra: il dispositivo a clip di OutSense monitora i rifiuti umani per i primi segni di malattia.

Le informazioni che gli utenti finali possono aspettarsi di raccogliere dal monitoraggio delle loro escrezioni variano in base al caso d'uso. Per lo screening del cancro del colon-retto, gli utenti saranno semplicemente informati se c'è sangue nascosto nelle loro feci. Per il monitoraggio generale dei pazienti anziani, i dati saranno principalmente condivisi con gli operatori sanitari e gli operatori sanitari, che possono interpretarli e intraprendere le azioni appropriate.

3D

L'analisi di OutSense si basa sui dati ottici raccolti utilizzando il suo aggeggio a clip, che fornisce approfondimenti su "tre dimensioni": tempo, spazio e spettro. Ciò significa che OutSense può monitorare quante volte al giorno una persona visita il bagno, per quale scopo e per quanto tempo. OutSense monitora inoltre ciascuna escrezione per quantità, volume e dimensione, nonché altri parametri "spaziali", come la consistenza e l'opacità.

Poi c'è il dominio spettrale. "Possiamo vedere la composizione molecolare e le sostanze nelle urine e nelle feci in un modo sensibile che l'occhio umano non ha percezione utilizzando le firme spettroscopiche delle molecole", ha detto Scialom a VentureBeat.

Sopra: OutSense CEO Yfat Scialom.

Credito immagine: OutSense

OutSense è stata fondata nel 2016 ed è nata dall'incubatore israeliano Incentive, che è di proprietà e gestito da Peregrine Ventures, in collaborazione con l'ente governativo Israel Innovation Authority.

L'azienda ha dovuto costruire il suo database da zero attraverso sperimentazioni cliniche nei suoi laboratori e collaborazioni con ospedali locali, un processo che è in corso attraverso i suoi vari programmi pilota. Ciò è stato essenziale per sviluppare la sua visione artificiale proprietaria e la spina dorsale dell'IA, che è in grado di riconoscere i segni rivelatori di condizioni mediche.

"Per quanto ne sappiamo, tali dati non esistono altrove", ha detto Scialom.

Tutto ciò combacia perfettamente con la recente domanda di tecnologia di telemedicina, guidata in gran parte dalla crisi del COVID-19. Tyto Care, una startup con sede a New York con radici israeliane, ha recentemente chiuso un round di finanziamento da $ 50 milioni per un kit medico a domicilio che consente agli operatori sanitari di esaminare i polmoni, il cuore, la gola, le orecchie, la pelle, l'addome e il corpo dei pazienti temperatura da lontano. La tecnologia di OutSense è diversa, ma il suo obiettivo finale è lo stesso: consentire ai professionisti medici di monitorare la salute delle persone senza visite di persona.

OutSense si sta preparando a dare il via a test su larga scala negli ospedali a livello nazionale e all'estero, incluso un progetto pilota con una "società giapponese multimiliardaria" per rilevare la disidratazione e le infezioni del tratto urinario negli anziani. Con altri 2,2 milioni di dollari in banca, l'azienda finalizzerà anche il design del suo sensore per WC a clip. Nel 2021, ha in programma di avviare il processo di approvazione con una serie di organismi di regolamentazione, inclusa la Food and Drug Administration (FDA) statunitense.

Scialom ha affermato che OutSense è aperto all'espansione ad altri casi d'uso, incluso il rilevamento di virus simili a COVID-19 o la gestione della nutrizione e del controllo del peso. Quando l'azienda si espande nel monitoraggio dello stato di salute generale, si aspetta che gli utenti finali ricevano informazioni più dirette. La sua offerta potrebbe persino adattarsi al più ampio movimento del "sé quantificato" attraverso il quale le persone misurano i vari aspetti della loro vita, inclusi il sonno, l'esercizio fisico e la dieta.

"Una volta passati ai casi di utilizzo del benessere, è qui che l'utente effettivo ha molto da guadagnare dai dati forniti direttamente a lui o lei in vari modi potenziali", ha detto Scialom. “Ad esempio, l'utente può controllare meglio il peso comprendendo l'effetto di diversi alimenti sul proprio intestino e sul microbioma. L'utente può anche ottenere informazioni sugli effetti dei probiotici e di altri integratori nutrizionali e quindi assisterlo nella scelta del tipo e dei dosaggi migliori ".

Iscriversi per Finanziamento settimanale per iniziare la tua settimana con le migliori storie di finanziamento di VB.