Lo smontaggio di iPad Pro trova fondamentalmente l’iPad Pro del 2018 con un sensore lidar

52
  • Lo smontaggio completo dell’iPad Pro 2020.

  • Ecco l’array di telecamere con sensore lidar.

  • Ed ecco una vista a infrarossi dei punti proiettati da quel sensore lidar.

  • Per confronto, i punti proiettati dall’array TrueDepth sulla parte anteriore utilizzati per Face ID.

Come previsto, iFixit ha pubblicato uno smontaggio dell’iPad Pro 2020 da 12,9 pollici, valutando sia le novità del dispositivo rispetto al 2018 sia quanto sia semplice aprire e riparare il dispositivo. Si scopre che non è cambiato molto (cosa che già sapevamo) e la manutenzione del Pro rimane piuttosto difficile.

Nel video (scusate, questa volta nessun post sul blog, a quanto pare), vediamo i vari passaggi necessari per sostituire i componenti interni come lo schermo o la porta USB-C che potrebbero essersi guastati. Quasi ogni passaggio comporta “molto adesivo” e “precario indiscrezione”. In effetti, è un enigma fin dal primo passaggio, poiché aprire l’involucro ti lascerà a cercare di capire come staccare due cavi con cui Apple chiaramente non intendeva che gli utenti si divertissero.

Non sorprende che iFixit abbia assegnato all’iPad Pro 2020 un punteggio di 3 su 10 per la riparabilità, lo stesso che ha assegnato al modello 2018. Questo perché per questi intenti e scopi, questo è lo stesso tablet introdotto nel 2018.

Annuncio

Smontaggio dell’iPad Pro di iFixit.

iFixit ha trovato in gran parte gli stessi componenti di prima, inclusa una batteria apparentemente identica. I nuovi componenti importanti sono, come notato nella nostra recensione, 6 GB di RAM in tutte le configurazioni, il nuovo sensore lidar e (una specie di) l’A12Z. Diciamo “più o meno” sul chip perché sembra che sia solo un A12X leggermente ottimizzato, che si adatta alla nostra esperienza quando abbiamo recensito il dispositivo. È interessante notare che iFixit ha scoperto che il sensore lidar proietta molti meno punti in uno spazio rispetto a Face ID, ma ha senso dato che è pensato per la misurazione a scala della stanza piuttosto che per analizzare i dettagli del viso di qualcuno.

Come abbiamo scritto in quella recensione, il sensore lidar è affascinante in parte perché potrebbe dirci qualcosa su quali sono le priorità di Apple e dove è diretta come azienda. E se usi regolarmente le app AR, farà una grande differenza nel rendere quelle esperienze più piacevoli. Detto questo, tuttavia, non avrà importanza per la maggior parte degli utenti. Se hai già un iPad Pro 2018, non ci sono molti motivi per aggiornare a meno che tu non sia uno sviluppatore AR o simili. Tuttavia, è ancora il tablet più veloce e generalmente più utile in circolazione, anche se la maggior parte delle persone non ha bisogno delle sue costose funzionalità “Pro”.

Immagine dell’elenco di iFixit