L'open source Dapr di Microsoft arriva in prima serata per aiutare gli sviluppatori ad adottare i microservizi

56

Microsoft ha annunciato oggi che il suo Distributed Application Runtime (Dapr) open source e indipendente dalla piattaforma è ora pronto per la produzione, con la versione 1.0 disponibile su GitHub 16 mesi dopo che è stata introdotta per la prima volta nello sviluppo della comunità come progetto alpha.

L'ultimo decennio è stato caratterizzato da un lento ma costante passaggio dal software monolitico on-premise al cloud e un'architettura software basata su microservizi, guidata da aziende come Uber e Netflix. Le applicazioni costruite su componenti più piccoli e basati su funzioni che si connettono tramite API possono essere più facili da sviluppare e mantenere, con i singoli sviluppatori che si assumono la responsabilità di un singolo servizio (o "microservizio").

Sebbene Dapr possa essere utilizzato in un ambiente self-hosted su una macchina locale, è presentato come un "runtime portatile e basato sugli eventi" che rende più facile per gli sviluppatori creare applicazioni basate su microservizi sul cloud o sull'edge (ad es. IoT) . L'obiettivo finale del progetto è consentire agli sviluppatori di creare applicazioni distribuite utilizzando qualsiasi linguaggio o framework, fornendo ciò che definisce "elementi costitutivi di best practice".

È possibile accedere a questi blocchi predefiniti tramite HTTP o API gRPC e includono il richiamo da servizio a servizio, che abilita le chiamate di metodo su servizi remoti; e gestione dello stato, con supporto per servizi con stato e senza stato nella stessa applicazione.

Sopra: Dapr: Building blocks

Fondamentalmente, Dapr si propone di "abbassare il livello di accesso" agli sviluppatori che desiderano creare moderne applicazioni cloud native, eliminando la necessità di gestire e comprendere complessi stack tecnici che possono abbracciare innumerevoli linguaggi, framework e piattaforme. Si inserisce anche in una tendenza più ampia, con aziende come Nginx e Vfunction che ottengono entrambe il sostegno di VC per aiutare le aziende a passare dal monolito ai microservizi.

Abbraccio aperto

Storicamente, Microsoft era più strettamente allineata con la sfera del software proprietario, con l'ex CEO Steve Ballmer che assumeva una posizione particolarmente esplicita contro il movimento. Ma l'azienda è cresciuta fino ad abbracciare l'open source sotto Satya Nadella, che ha supervisionato l'open-sourcing di .NET, l'adesione di Microsoft alla Linux Foundation e all'Open Source Initiative e altro ancora. Microsoft ha anche affermato che l'open source è ora il "modello accettato per la collaborazione tra aziende", sottolineando che le grandi aziende possono ora riunirsi su progetti software in settimane anziché in mesi.

Vale la pena notare che, poiché Dapr è progettato per essere aperto e indipendente dal fornitore, i suoi vari componenti possono facilmente integrarsi con tutti i principali cloud pubblici, inclusi AWS di Amazon, Google Cloud, Alibaba e, ovviamente, Azure.

Con la v1.0, Microsoft ha affermato di essersi concentrata su Kubernetes per l'esecuzione di applicazioni pronte per la produzione nel cloud, ma man mano che Dapr viene sviluppato ulteriormente, si aspetta che gli ambienti di hosting che supporta pienamente "aumentino e diversifichino". Ciò includerà macchine virtuali (VM), PaaS (Platform-as-a-Services) e ambienti edge.

VentureBeat

La missione di VentureBeat è quella di essere una piazza della città digitale per i responsabili delle decisioni tecniche per acquisire conoscenze sulla tecnologia trasformativa e sulle transazioni.

Il nostro sito fornisce informazioni essenziali sulle tecnologie e strategie dei dati per guidarti mentre guidi le tue organizzazioni. Ti invitiamo a diventare un membro della nostra community, per accedere a:

  • informazioni aggiornate sugli argomenti di tuo interesse
  • le nostre newsletter
  • contenuti gated leader di pensiero e accesso scontato ai nostri eventi preziosi, come Transform
  • funzionalità di rete e altro ancora

Diventare socio