L’U-Scan di Withings ha un lavoro ingrato

43

Justin Duino / How-To Geek

Withings, un’azienda nota per i suoi prodotti intelligenti per la salute e il fitness, ha rivelato un nuovo pezzo di tecnologia al CES 2023: un laboratorio di analisi delle urine in miniatura soprannominato “U-Scan” che si aggancia alla tua toilette.

Ciò che il tuo corpo espelle come rifiuto è spesso abbastanza rivelatore, ed è per questo che l’analisi delle urine viene utilizzata diagnosticamente per un numero incalcolabile di condizioni mediche. Withings sta tentando di attingere a quella risorsa per consentire alle persone di prendere decisioni più informate sulla propria salute senza dover visitare un medico.

Attualmente sono disponibili due cartucce distinte che è possibile utilizzare con l’U-Scan. Uno, chiamato U-Scan Nutri Balance, analizza cose come gravità specifica (una misura dell’idratazione), pH, concentrazioni di vitamina C e livelli di chetoni. L’altro, U-Scan Cycle Sync, è progettato per il monitoraggio mestruale. Oltre al peso specifico e al pH, U-Scan Cycle Sync è in grado di monitorare i tuoi ormoni. Si prevede che ciascuna cartuccia duri diversi mesi senza necessità di sostituzione e il fatto che le cartucce siano sostituibili lascia spazio a funzioni aggiuntive da incorporare nell’U-Scan in futuro.

L’U-Scan trasmette quindi i dati raccolti sui biomarcatori nelle urine allo smartphone tramite Bluetooth o Wi-Fi, dove vengono analizzati. L’app Health Mate associata è in grado di formulare raccomandazioni personalizzate sui livelli di idratazione, dieta, ciclo mestruale e abitudini di esercizio in base ai dati raccolti.

Il Withings U-Scan è in attesa di approvazione regolamentare negli Stati Uniti, ma è previsto per il rilascio europeo a metà del 2023.

L’U-Scan non sostituisce un’analisi di laboratorio dettagliata eseguita presso una struttura medica, ma una sorveglianza regolare può essere utile per stabilire una linea di base per il confronto o individuare precocemente un problema emergente. Per lo meno, si pensa che un’adeguata idratazione sia collegata a un minor rischio di sviluppare malattie croniche, e non c’è certamente nulla di male nel ricordare amichevolmente di bere più acqua.