L'udienza Apple contro Epic prevede un lungo e combattuto processo in arrivo

0
4

Ingrandisci / Chi vincerà questo caso riceverà un lama pieno di premi.

Epico contro Apple/Google

Visualizza altre storie

Il giudice distrettuale federale Yvonne Gonzalez Rogers ha ascoltato questa mattina le argomentazioni in merito alla richiesta di Epic di un'ingiunzione temporanea nel suo caso contro Apple. Quell'ingiunzione costringerebbe Apple a rimettere Fortnite sull'App Store iOS durante il processo, in seguito alla rimozione del gioco il mese scorso a causa del mancato rispetto da parte di Epic delle regole di acquisto in-app di Apple.

L'udienza ha fornito l'indicazione più chiara finora delle migliori argomentazioni di entrambe le parti in materia e di quali posizioni sembrano avere maggiore probabilità di prevalere su Rogers mentre il caso si dirige verso un processo completo.

Quando un monopolista non è un monopolista?

Una questione centrale nel caso è la tesi di Epic secondo cui il controllo esclusivo di Apple sull'App Store iOS costituisce un monopolio illegale che ostacola la concorrenza. La discussione di oggi sull'affermazione di Epic si è incentrata pesantemente su quale mercato, esattamente, Apple starebbe monopolizzando.

Apple ha sostenuto che iOS è solo una delle tante piattaforme nel più ampio mercato competitivo per videogiochi come Fortnite. Lì, Apple affronta la concorrenza di produttori di console, negozi basati su PC come Steam e GOG e la piattaforma Android di Google per citarne solo alcuni. In questo mercato, la stessa Rogers ha notato che la maggior parte delle piattaforme concorrenti addebita agli sviluppatori la stessa commissione del 30% di Apple, suggerendo che iOS non ha alcun potere di controllo del mercato dannoso.

L'avvocato di Epic Gary Bornstein ha sostenuto in risposta che il mercato in questione non dovrebbe essere semplicemente visto come "tutti i modi in cui qualcuno può raggiungere un utente per giocare a un videogioco". Dove Apple detiene il monopolio, ha detto, è nel mercato che gli sviluppatori distribuiscano il loro gioco agli utenti iOS, in particolare.

"Affinché Apple possa affrontare la disciplina competitiva [from the market], significherebbe che dovrebbe esserci un numero significativo di sviluppatori che rinuncerebbero alla piattaforma se Apple ne aumentasse il prezzo", ha affermato Bornstein. "Sappiamo che non è così. Non rinunceranno all'opportunità di raggiungere un miliardo di utenti".

Ingrandisci / Apple sostiene che la disponibilità di Fortnite su piattaforme come Switch mostra che non ha il controllo monopolistico sul mercato dei giochi mobili.

Questa è una distinzione importante da fare per Epic, legalmente. Esiste una giurisprudenza esistente che suggerisce che un'azienda possa avere il controllo monopolistico su un mercato secondario (in questo caso, i download di app) anche se deve affrontare la concorrenza in un mercato più ampio (in questo caso, videogiochi e/o hardware per smartphone). Dimostrare che il caso è una battaglia in salita, tuttavia, che di solito richiede di dimostrare che i clienti sono ingiustamente "bloccati" in quel mercato secondario dopo aver effettuato l'acquisto principale.

Annuncio pubblicitario

63 percento contro 10 percento

Nell'udienza, Bornstein ha osservato che "il 63% degli utenti iOS che giocano a Fortnite gioca solo su iOS". Quei giocatori non sono tecnicamente "bloccati" su iOS: potrebbero passare a un'altra piattaforma, e molti lo fanno. Ma non hanno necessariamente più dispositivi su cui giocare e potrebbero non essere in grado di permettersi hardware separato per accedere a Fortnite, ha affermato.

Anche se i giocatori iOS hanno accesso ad altro hardware, Bornstein ha affermato che le situazioni non sono sempre analoghe. "È come dire che non c'è un [monopoly] mercato per la condivisione di corse e i taxi se le persone possono anche camminare o andare in bicicletta o farsi guidare da un amico o accedere ai mezzi pubblici", ha detto. "Non puoi giocare a Xbox quando sei su un autobus". può giocare a Switch, come ha osservato il giudice Rogers in risposta.)

L'avvocato di Apple Richard Doren ha affermato che il numero di giocatori iOS di Fortnite che non utilizzano altre piattaforme è irrilevante. Invece, ha citato l'affermazione del co-fondatore e CEO di Epic, Tim Sweeney, secondo cui meno del 10% degli utenti medi giornalieri di Fortnite ha giocato su iOS. Ciò mostra che "Epic stesso usa il [alternative] opzioni disponibili sul mercato", ha affermato, e che Apple non può esercitare il controllo monopolistico sull'attività Fortnite di Epic.

"Fortnite non ha diritto all'accesso a tutti nel mondo", ha detto Doren. "Hanno solo bisogno di alternative [to iOS] disponibili, e ne hanno a palate."

Nelle sue dichiarazioni, il giudice Rogers sembrava più incline alla visione di Apple della sua posizione nel più ampio mercato dei videogiochi. "Se guardiamo a questo querelante e all'industria, i giardini recintati esistono da decenni", ha osservato. "Nintendo ha avuto un giardino recintato. Sony ha avuto un giardino recintato. Microsoft ha avuto un giardino recintato… In questo particolare settore, ciò che Apple sta facendo non è molto diverso… È difficile ignorare l'economia del settore, che è cosa? [Epic is] chiedendomi di fare."

Fortnite a parte, tuttavia, il giudice Rogers ha anche affermato di essere incline a concordare con l'affermazione di Epic secondo cui "c'è un putiferio nel mercato per la mancanza di concorrenza per [distribution of] app per iPhone. Tu leggi i giornali, io leggo i giornali, è lì." Detto questo, il giudice Rogers ha anche suggerito che questo caso specifico potrebbe non essere quello giusto per sostenere quell'argomento, "data la quantità di concorrenza per i giochi per dispositivi mobili".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui