Nvidia acquista ARM Holdings da SoftBank per 40 miliardi di dollari [Updated]

0
7

Ingrandisci / I componenti prodotti da ARM Holdings Plc si trovano all'interno di un parchimetro dimostrativo ARMmbed in mostra il secondo giorno del Mobile World Congress (MWC) a Barcellona, ​​Spagna, martedì 28 febbraio 2017.

Bloomberg | Getty Images

Aggiornare: SoftBank ha accettato di vendere Arm Holdings alla società di chip statunitense Nvidia per 40 miliardi di dollari, ponendo fine a quattro anni di proprietà mentre il gruppo tecnologico giapponese si sposta verso una potenza globale di investimenti e gestione patrimoniale.

Il progettista di chip del Regno Unito è l'ultima grande cessione di asset orchestrata dal fondatore di SoftBank Masayoshi Son mentre il suo forziere di guerra di nuova costruzione apre opzioni per il gruppo, tra cui un'espansione del trading in titoli tecnologici quotati in borsa e un potenziale delisting delle proprie azioni.

In base all'accordo, SoftBank diventerà il maggiore azionista di Nvidia, che pagherà al gruppo giapponese $ 21,5 miliardi in azioni ordinarie e $ 12 miliardi in contanti. "Non vediamo l'ora di supportare il continuo successo dell'attività combinata", ha detto il signor Son in una dichiarazione congiunta domenica scorsa.

Storia originale: SoftBank venderà Arm Holdings del Regno Unito alla società di chip statunitense Nvidia per oltre 40 miliardi di dollari, appena quattro anni dopo che il suo fondatore Masayoshi Son ha acquistato il progettista di chip e ha affermato che sarebbe stato il fulcro per il futuro del gruppo tecnologico giapponese.

Diverse persone con conoscenza diretta della questione hanno affermato che un'acquisizione in contanti e azioni di Arm da parte di Nvidia potrebbe essere annunciata già lunedì e che SoftBank diventerà il maggiore azionista della società di chip statunitense.

L'annuncio dell'accordo dipendeva dal fatto che SoftBank ponesse fine a una disputa disordinata tra Arm e il capo della sua joint venture cinese, Allen Wu, che in precedenza aveva respinto un tentativo di rimuoverlo e rivendicato il controllo legale dell'unità.

Diverse persone vicine a SoftBank hanno affermato che la questione è stata "risolta", sebbene una persona vicina a Wu abbia affermato che "rimane il presidente di Arm China". Un portavoce di Wu ha rifiutato di commentare.

L'acquisizione valuta Arm al di sopra del prezzo di $ 32 miliardi pagato da SoftBank per l'attività nel 2016, un accordo che è stato raggiunto settimane dopo che il Regno Unito ha votato per l'uscita dall'Unione Europea e ha spinto i critici, incluso il fondatore di Arm, ad accusare il paese di aver venduto il gioiello della corona di proprio settore tecnologico.

Annuncio

Sebbene Nvidia stia pagando di più per l'asset rispetto a SoftBank, il prezzo riflette anche la portata della sottoperformance di Arm sotto la proprietà del gruppo giapponese.

Nvidia aveva una valutazione di mercato approssimativamente simile a quella di Arm's al momento dell'accordo del 2016, ma ora viene scambiata con un valore di mercato di $ 300 miliardi, o circa 10 volte l'importo pagato da SoftBank in contanti per Arm. Pagando gran parte delle operazioni con azioni proprie, trasferisce anche parte del rischio dell'operazione a SoftBank.

Per Nvidia, che ha recentemente superato Intel diventando il produttore di chip più prezioso al mondo, l'accordo consoliderà ulteriormente la posizione dell'azienda statunitense al centro dell'industria dei semiconduttori. La tecnologia del progettista di chip britannico sta iniziando a trovare applicazioni più ampie al di là dei dispositivi mobili, nei data center e nei personal computer, inclusi i Mac di Apple.

Arm trasformerebbe la gamma di prodotti di Nvidia, che fino ad ora si è concentrata in gran parte sulla fascia alta del mercato dei chip. I suoi potenti processori grafici, progettati per gestire attività mirate e ad alta intensità di dati, sono generalmente venduti a giocatori di PC, ricercatori scientifici e sviluppatori di intelligenza artificiale e auto a guida autonoma, nonché a minatori di criptovalute.

Per spianare la strada all'accordo, SoftBank ha annullato una precedente decisione di eliminare un'attività di Internet of Things da Arm e trasferirla a una nuova società sotto il suo controllo. Ciò avrebbe privato Arm di quello che doveva essere il motore ad alta crescita che lo avrebbe alimentato in un futuro connesso al 5G. Una persona ha affermato che SoftBank ha preso la decisione perché l'avrebbe messa in conflitto con gli impegni presi con il Regno Unito su Arm, che sono stati concordati al momento dell'accordo del 2016 per placare il governo.

Il Vision Fund di SoftBank in precedenza deteneva una partecipazione in Nvidia, in un raro investimento quotato in borsa per il fondo da 100 miliardi di dollari che si concentra su società tecnologiche private, ma ha ceduto tutte le sue azioni all'inizio dello scorso anno. Anche Akshay Naheta, il dirigente di SoftBank di 39 anni che ha guidato quell'investimento, è stato pesantemente coinvolto nelle trattative tra il conglomerato giapponese e Nvidia.

Il Vision Fund, che è gestito dallo stretto alleato di Naheta ed ex collega di Deutsche Bank, Rajeev Misra, controlla una partecipazione del 25% in Arm e riceverà un compenso come parte dell'accordo, ha aggiunto un'altra persona.

Una persona vicina ai colloqui ha affermato che Nvidia prenderà impegni con il governo del Regno Unito sul futuro di Arm in Gran Bretagna, dove i politici dell'opposizione hanno recentemente insistito sul fatto che qualsiasi potenziale accordo deve salvaguardare i posti di lavoro britannici.

Il Wall Street Journal ha riportato in precedenza l'imminente annuncio dell'accordo.

Report aggiuntivo di Ryan McMorrow a Pechino.

© 2020 The Financial Times Ltd. Tutti i diritti riservati Non può essere ridistribuito, copiato o modificato in alcun modo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui