Nvidia manterrà le licenze ARM "neutre", vuole concedere in licenza anche la tecnologia GPU

0
4

Nvidia ha annunciato ufficialmente che sta acquistando ARM da SoftBank per 40 miliardi di dollari. L'accordo è una delle più grandi acquisizioni tecnologiche di tutti i tempi e vedrà Nvidia controllare l'architettura CPU più popolare al mondo.

Il comunicato stampa di Nvidia dipinge stranamente l'accordo principalmente sull'"AI", affermando che l'accordo "riunisce la piattaforma di elaborazione AI leader di NVIDIA con il vasto ecosistema di ARM per creare la principale azienda informatica per l'era dell'intelligenza artificiale". Apparentemente Nvidia vede l'intelligenza artificiale con accelerazione GPU come il suo prossimo grande settore in crescita e l'azienda attualmente vende sistemi embedded per auto a guida autonoma e sistemi multi-GPU per workstation e server, offrendo prestazioni di deep learning ad alto teraflop. In qualche modo pensa che ARM aiuterà con questo.

Ciò che sembra molto più importante, tuttavia, è il modo in cui Nvidia gestirà l'ampia attività di progettazione di chip e licenze di architettura di ARM, che alimenta la maggior parte dei dispositivi elettronici del mondo, in particolare quelli più piccoli di un laptop. Nvidia afferma che "come parte di NVIDIA, ARM continuerà a gestire il suo modello di licenza aperta mantenendo la neutralità del cliente globale che è stata fondamentale per il suo successo". In una teleconferenza a seguito dell'accordo, il CEO di ARM Simon Segars ha anche ribadito: "Manterremo il nostro modello di business neutrale e manterremo un livello di indipendenza".

Le due società non sembrano essere completamente separate, tuttavia, con Nvidia che aggiunge: "Anche i partner ARM beneficeranno delle offerte di entrambe le società, comprese le numerose innovazioni di NVIDIA". Un rapporto di Reuters approfondisce questo, dicendo: "Nvidia amplierà il modello concedendo in licenza alcuni dei progetti di Nvidia, inclusa la sua unità di elaborazione grafica, o GPU, tecnologia, attraverso la rete di partner di silicio di Arm".

ARM passerà dall'essere una società di proprietà giapponese ad essere una società di proprietà americana, il che dovrebbe preoccupare ulteriormente le aziende cinesi che devono affrontare una guerra commerciale con gli Stati Uniti. Nvidia afferma che ARM rimarrà con sede nella sua città natale di Cambridge, in Inghilterra, che Nvidia vuole trasformare in un "centro tecnologico di livello mondiale". La società prevede di costruire un "supercomputer AI all'avanguardia, alimentato da CPU Arm" nel campus. Nvidia promette anche un grande impulso alla spesa in ricerca e sviluppo di ARM.

Annuncio

Qualsiasi accordo così grande sarà soggetto all'approvazione normativa in tutto il mondo e Nvidia afferma che l'accordo dovrebbe concludersi in "circa 18 mesi".

Tutti possono andare d'accordo con Nvidia?

Un potenziale problema con Nvidia che gestisce il progettista di chip più famoso al mondo è che Nvidia ha la reputazione di essere difficile da lavorare. Se Nvidia vuole mantenere ARM in esecuzione come ha fatto in passato, l'azienda dovrà ricostruire alcuni ponti bruciati.

Linux è facilmente il sistema operativo più popolare per i chip ARM, sia come GNU/Linux che Android, ma Nvidia non è mai andata d'accordo con la comunità Linux. Nvidia non ha voluto rendere open source i suoi driver, il che rende difficile il supporto di Linux. Nel 2012, a Linus Torvalds è stato chiesto perché il supporto Nvidia su Linux fosse così scarso, e Torvalds ha risposto notoriamente: "Nvidia è stata l'unica azienda peggiore con cui abbiamo mai avuto a che fare. Nvidia, vaffanculo!"

Anche Nvidia e Apple non vanno d'accordo, il che mette Apple in una posizione imbarazzante. I problemi di Apple e Nvidia possono essere fatti risalire ai MacBook del 2008, forniti con alcune GPU Nvidia difettose per le quali Apple ha finito per lanciare un programma di sostituzione gratuito. In seguito, secondo quanto riferito, Apple non ha preso di buon occhio "l'arroganza e le spacconate delle proposte Nvidia" nel prossimo round di negoziati, e Apple ha presto finito per eliminare completamente le GPU Nvidia dalla sua gamma. Il cattivo sangue tra le due società sembra continuare fino ad oggi: Apple ha abbandonato il supporto per i nuovi prodotti Nvidia in MacOS Mojave nel 2019 e persino le eGPU aftermarket o le schede PCI-E Nvidia per Mac Pro non sono supportate su Mac OS.

La divisione SoC interna di Apple non solo sviluppa chip ARM utilizzati in iPhone e iPad, ma solo tre mesi fa Apple ha annunciato che l'intera linea Mac passerà da Intel ad ARM. L'intera gamma di hardware di Apple si affiderà presto alle licenze per l'architettura di Nvidia.

Potenziale "contraccolpo"

Se Nvidia finisce per rovinare ARM, non ci sono molte opzioni alternative attualmente disponibili. La grande speranza sarebbe nel set di istruzioni RISC-V, un'alternativa ARM open source che non richiede alcuna licenza. Tuttavia, creare un ecosistema di qualità di hardware, compilatori, sistemi operativi e software è un compito così arduo che la maggior parte dei fornitori era felice di pagare le tasse di licenza ARM.

Forse l'acquisto di Nvidia sarà la spinta necessaria per le aziende, però. Il precedente rapporto di Reuters di cui abbiamo parlato afferma già che si sta formando un "contraccolpo" contro Nvidia e afferma che "una fonte di una società statunitense che utilizza i progetti Arm ha affermato che la mossa probabilmente accelererebbe un passaggio del settore già in corso dai progetti Arm a RISC- V."

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui