Oltre Ruth Bader Ginsburg: la crescita di AI21 Labs offre lezioni di intelligenza artificiale

48

Siamo entusiasti di riportare Transform 2022 di persona il 19 luglio e virtualmente dal 20 al 28 luglio. Unisciti ai leader dell’IA e dei dati per discussioni approfondite ed entusiasmanti opportunità di networking. Registrati oggi!

Il mese scorso, gli AI21 Labs con sede a Tel Aviv, il cui lavoro all’avanguardia nell’elaborazione del linguaggio naturale ha portato molti a paragonarlo all’OpenAI di San Francisco, hanno fatto notizia con la pubblicazione di Ask Ruth Bader Ginsburg.

​​Il modello di intelligenza artificiale, che prevede come Ginsburg risponderebbe alle domande, si basa su 27 anni di scritti legali di Ginsburg sulla Corte Suprema, insieme a interviste e discorsi pubblici.

Ma mentre Ask Ruth Bader Ginsburg ha permesso a chiunque di giocare con una demo AI, AI21 Labs, fondata nel 2017, ha in mente molto di più. Sta lavorando metodicamente verso il suo obiettivo dichiarato di cambiare radicalmente il modo in cui le persone leggono e scrivono spingendo la frontiera dell’IA basata sul linguaggio oltre il riconoscimento dei modelli e “rendendo la macchina un partner di pensiero per gli esseri umani”. Oggi, AI12 Labs ha annunciato di aver completato un round di finanziamento di serie B da 64 milioni di dollari, portando la valutazione della società a 664 milioni di dollari.

Un voto di fiducia dell’IA in un panorama competitivo

Chiaramente, gli investitori supportano lo sforzo di AI21 di combinare ricerca e sviluppo con applicazioni commerciali, ma con il panorama dei finanziamenti inasprimento e modelli linguistici più grandi (LLM) e modelli multimodali lanciati ogni giorno (da DALL-E 2 di OpenAI e Imagen di Google all’annuncio di BLOOM di oggi di Hugging Face), l’azienda ha molto lavoro da fare.

“È sicuramente un voto di fiducia e un motivo per sentirsi bene riguardo a dove siamo”, ha affermato Yoav Shoham, professore emerito di intelligenza artificiale alla Stanford University, che ha cofondato AI21 Labs con i pionieri dell’IA e i veterani della tecnologia Ori Goshen e Amnon Shashua . “Ma siamo anche molto consapevoli dell’ambiente e non compiaciuti in alcun modo”.

Nell’ultimo anno AI21 Labs ha avuto una vivace ascesa, da quando ha rilasciato Jurassic-1 Jumbo, un LLM di 178 miliardi di parametri che ha superato i 175 miliardi di parametri del GPT-3 di OpenAI (che a sua volta ha scioccato il mondo dell’IA nel 2020). Il modello è stato offerto tramite una nuova piattaforma di sviluppo NLP-as-a-Service chiamata AI21 Studio, un sito Web e un’API per gli sviluppatori per creare applicazioni basate su testo come assistenti virtuali, chatbot, semplificazione del testo, moderazione dei contenuti e scrittura creativa.

Lo scorso aprile, la società ha anche rilasciato un nuovo sistema linguistico e di conoscenza del ragionamento modulare, o sistema MRKL, per migliorare gli LLM con esperti di ragionamento discreto come calcolatrici online e convertitori di valuta. La sua prima implementazione, Jurassic-X, includeva modelli linguistici aumentati con app meteo e Wikidata.

L’azienda ha anche lanciato diversi prodotti, tra cui Wordtune, un’estensione del browser scelta da Google come una delle sue estensioni preferite per il 2021, e Wordtune Read, che analizza e riassume i documenti in pochi secondi, consentendo agli utenti di leggere testi lunghi e complessi in modo rapido ed efficiente.

Ruth Bader Ginsburg è stata una lezione di intelligenza artificiale

Tuttavia, i titoli più importanti di AI21 provengono da Ask Ruth Bader Ginsburg. Shoham ha sottolineato che lo strumento di intelligenza artificiale ha lo scopo di mostrare al pubblico sia quanto sia sorprendente l’attuale intelligenza artificiale, ma anche i limiti dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico odierni.

“Ci giochi e a volte ti lascerà a bocca aperta, ma a volte no”, ha detto. “Questa è l’IA oggi e il nostro obiettivo era esattamente quello di comunicare tutto questo.” Ha aggiunto che la società ha aggiunto verbosità per spiegare alle persone cosa stavano vedendo per assicurarsi che non considerassero nulla di tutto ciò come una consulenza legale.

“Le persone tendono a proiettare le loro peggiori paure e aspirazioni più alte sulla tecnologia, e questo è certamente vero per l’IA”, ha affermato. “L’obiettivo qui era che il pubblico vedesse che è impressionante, fa cose interessanti, ma ovviamente non è intelligente o competente come un vero studioso di diritto”.