One Identity acquisisce OneLogin per unificare la sicurezza dell’identità per le aziende

2

I Transform Technology Summit iniziano il 13 ottobre con Low-Code/No Code: Enabling Enterprise Agility. Iscriviti ora!

One Identity, una società di gestione delle identità e degli accessi (IAM) di proprietà di Quest Software, ha acquisito la piattaforma IAM rivale OneLogin. I termini dell’accordo non sono stati resi noti.

Fondata a San Francisco nel 2009, OneLogin commercializza una serie di prodotti di identità che spaziano dal single sign-on, all’autenticazione a più fattori (MFA), al provisioning degli utenti e altro ancora. La società ha raccolto circa 175 milioni di dollari sin dal suo inizio e ha rivendicato numerosi clienti di grandi nomi, tra cui Airbus.

Il percorso di One Identity è stato in qualche modo tortuoso. Parent Quest Software è stata lanciata nel 1987 e Dell ha acquisito l’azienda Aliso Viejo, in California, per 2,4 miliardi di dollari nel 2012, con l’obiettivo di estendere l’attenzione al software aziendale di Dell nella gestione dei sistemi, nella sicurezza, nella protezione dei dati e altro ancora. One Identity era tra questi prodotti. Dell ha venduto la sua attività di software quattro anni dopo a Francisco Partners ed Elliott Management, e One Identity è stata trasformata in un proprio marchio indipendente nel 2017.

One Identity offre prodotti di sicurezza incentrati sull’identità che vanno dalla gestione degli accessi privilegiati (PAM) alla gestione dei privilegi degli endpoint (EPM), governance e amministrazione dell’identità (IGA), gestione dei registri, gestione e sicurezza di Active Directory (ADMS) e altro ancora. Sebbene One Identity metta già in risalto le sue capacità IAM, il rafforzamento della sua identità intelligente con l’offerta IAM cloud-native consolidata di OneLogin aiuterà One Identity a vendersi come una soluzione olistica per la sicurezza dell’identità, che comprende PAM, IGA, ADMS e IAM.

Sfilata di identità

L’acquisizione segue una raffica di attività nello spazio IAM, con Okta che ha recentemente completato la sua acquisizione di Auth0 da $ 6,5 miliardi e Ping Identity che ha acquisito la piattaforma di orchestrazione di sicurezza e identità senza codice Singular Key la scorsa settimana. Aggiungi al mix una sfilza di investimenti VC nel fiorente spazio di gestione delle identità ed è evidente l’appetito per la tecnologia in grado di salvaguardare i dati digitali di dipendenti e clienti.

Il mercato globale IAM valeva 12,3 miliardi di dollari nel 2020, secondo alcuni rapporti, e si prevede che raddoppierà di dimensioni entro quattro anni. Con le aziende di tutto lo spettro che aumentano la spesa per l’IT cloud come parte degli sforzi in corso di trasformazione digitale e il lavoro a distanza che emerge come la nuova norma, la necessità di investire nella sicurezza sta crescendo. Per le aziende, la gestione delle identità online della propria forza lavoro è una parte fondamentale di questa transizione.

“Con la proliferazione delle identità umane e delle macchine, la corsa al cloud e l’ascesa del lavoro a distanza, l’identità sta rapidamente diventando il nuovo vantaggio e la protezione dell’identità end-to-end non è mai stata così importante”, One Lo ha affermato il presidente e direttore generale dell’Identity Bhagwat Swaroop in un comunicato stampa. “Aggiungendo OneLogin al nostro portafoglio e incorporandolo nella nostra piattaforma di sicurezza delle identità unificata cloud-first, possiamo aiutare i clienti a correlare olisticamente tutte le identità, verificare tutto prima di concedere l’accesso alle risorse critiche e fornire visibilità in tempo reale su attività di accesso sospette”.

Sebbene i termini dell’accordo non siano stati resi noti, un rapporto di Moody’s del mese scorso indicava che Seahawk Holdings Limited, un’entità commerciale che rappresenta Francisco Partners e un’affiliata di Elliot Management, stava pianificando di “raccogliere un componente aggiuntivo fungibile da $ 330 milioni” per supportare l’acquisizione di OneLogin . Tuttavia, non è chiaro se quei fondi fossero per la totalità della transazione o facessero parte di un accordo più ampio che costituisce fondi provenienti da altre parti.

VentureBeat

La missione di VentureBeat è quella di essere una piazza cittadina digitale per i responsabili delle decisioni tecniche per acquisire conoscenze sulla tecnologia trasformativa e sulle transazioni. Il nostro sito fornisce informazioni essenziali sulle tecnologie e sulle strategie dei dati per guidarti nella guida delle tue organizzazioni. Ti invitiamo a diventare un membro della nostra community, per accedere a:

  • informazioni aggiornate sugli argomenti di tuo interesse
  • le nostre newsletter
  • contenuti gated leader di pensiero e accesso scontato ai nostri eventi preziosi, come Trasforma 2021: Per saperne di più
  • funzioni di rete e altro

Diventare socio