Perché Apple ha smesso di produrre piccoli telefoni e perché dovrebbe ricominciare

60
  • Il nuovo iPhone SE ricorda l’iPhone 8 nel design, ma sfoggia un chip A13 e bordi in alluminio.

  • Un’immagine della SE con la fotocamera e il classico pulsante home per Touch ID.

  • Questi sono i colori disponibili.

Il nuovo iPhone SE è qui ed è un prodotto attraente: combina un design collaudato, probabilmente il chip mobile più veloce del settore e un prezzo iniziale di $ 400. Potrebbe essere il telefono più attraente della gamma Apple per una vasta gamma di utenti.

Detto questo, è un po’ più grande del suo predecessore. I consumatori che speravano nel ritorno del display da 4 pollici, o forse anche in un display leggermente più grande ma con le stesse dimensioni dell’impugnatura dell’SE originale, sono rimasti probabilmente delusi dall’annuncio di questa settimana. Apple non è la sola a saltare le offerte di telefoni più piccoli; non sono rimasti nemmeno molti piccoli telefoni Android.

Ci sono ragioni per questa tendenza che hanno senso sia per l’azienda tecnologica che per il consumatore, ma ci sono anche ragioni per cui Apple non dovrebbe voltare le spalle a una minoranza di consumatori che vogliono ancora, o addirittura hanno bisogno, di telefoni più piccoli.

Perché non ci sono più molti piccoli telefoni

Ci sono numerose ragioni per cui non vengono realizzati molti smartphone molto piccoli a questo punto. E c’è una certa sovrapposizione tra il motivo per cui Apple ha enfatizzato i telefoni più grandi e il motivo per cui gli OEM Android lo hanno fatto. Ma in ogni caso, qui ci concentreremo su Apple poiché stiamo parlando di iPhone SE.

Telefoni più grandi significano entrate maggiori

Probabilmente hai notato che i prezzi degli smartphone sono aumentati; parte di ciò riflette il fatto che alcuni consumatori sono disposti a pagare più di quanto non fossero in precedenza a causa di quanto gli smartphone siano diventati centrali in così tanti aspetti della nostra vita. Ma in parte è perché aziende come Apple devono accontentare gli investitori e, se non possono farlo vendendo più telefoni, possono farlo vendendo un numero minore di telefoni a un prezzo più alto per unità.

Poiché il mercato è diventato saturo, gli OEM Apple e Android stanno assistendo a una crescita delle vendite di smartphone più lenta e anche le persone eseguono aggiornamenti meno frequentemente per vari motivi. Ciò rende l’economia della vendita di smartphone a basso costo più sfavorevole rispetto al passato. Per compensare la vendita complessiva di meno unità, Apple e i suoi concorrenti devono vendere telefoni più costosi di prima.

Annuncio

Ha senso che i telefoni più piccoli vengano venduti a un prezzo inferiore perché contengono meno materiali e componenti costosi. E un’azienda non poteva semplicemente vendere i piccoli telefoni con un enorme margine; un concorrente sarebbe in grado di ridurre quel prezzo con un telefono simile.

L’enfasi di Apple su contenuti e servizi richiede schermi più grandi

La pressione degli investitori su Apple è aumentata negli ultimi anni per compensare il rallentamento della crescita delle vendite di smartphone e un telefono più costoso non è stata l’unica strategia apparente dell’azienda. Un altro è stato girare per vendere prodotti e servizi aggiuntivi ai clienti esistenti, che vanno da AirPods a Apple Watch a servizi in abbonamento come Apple TV+, Apple Arcade e Apple Music.

In genere, tale strategia richiede che gli smartphone siano trattati come dispositivi di consumo di media primari, non solo per brevi video TikTok, ma per lunghe sessioni di abbuffate di giochi Arcade o programmi TV+. (Inoltre, Apple riceve un taglio dagli abbonamenti ad altri servizi video avviati tramite il suo sistema di pagamento.) Ciò significa che ha senso enfatizzare i dispositivi più potenti con schermi più grandi e coinvolgenti.

Non è molto divertente guardare For All Mankind o giocare a Sayonara Wild Hearts su uno schermo da 4 pollici. Con 6,5 pollici, però? Potrebbe essere una storia diversa per alcuni, soprattutto se quel telefono sfoggia anche un display OLED con supporto HDR come l’iPhone 11 Pro Max.
Ingrandisci / L’iPhone 11 Pro Max (a destra) misura ben 6,22 pollici di altezza. L’iPhone 11 Pro (a sinistra) non è lento a 5,67 pollici, ma quel mezzo pollice in più (ish) lo fa sembrare minuscolo in confronto.

Samuel Axon

Le funzionalità moderne non si adattano a piccoli pacchetti

Quei motivi legati al business fanno parte del quadro, ma nessuno dei due è il motivo più significativo. Ci sono anche ragioni tecniche e di design.

Nel tempo, Apple e i suoi concorrenti hanno aggiunto più funzionalità e componenti agli smartphone, richiedendo più spazio all’interno dei telefoni per inserirli. E succede che la maggior parte delle priorità principali degli acquirenti di smartphone vadano contro l’ideale di un piccolo telefono: durata della batteria e fotocamere.

Nel febbraio del 2019, la società di ricerche di mercato SurveyMonkey ha chiesto agli acquirenti di smartphone quali fossero le loro principali priorità. La preoccupazione principale era la durata della batteria, citata dal 76% degli utenti iPhone e dal 77% degli utenti Android. Anche vicino al top: fotocamere migliori, rispettivamente al 57 percento e al 52 percento.

Un sondaggio simile condotto da Global Web Index su 575.000 consumatori statunitensi ha anche messo la durata della batteria come una preoccupazione per il 77% degli utenti di smartphone. La qualità dell’immagine della fotocamera è arrivata al 62 percento e anche la risoluzione dello schermo è stata elevata al 52 percento.

Sotto: foto dell’iPhone SE dalla nostra recensione nel 2016.