Perché i piloti di jet U-2 indossano gli smartwatch di navigazione satellitare Garmin?

44
  • L’attuale modello di aereo U-2S è dotato di una cabina di pilotaggio digitale interamente in vetro, sensori migliorati e sistemi di propulsione. Ma i suoi piloti indossano ancora orologi abilitati per GPS/GLONASS, per ogni evenienza.

    USAF

  • Lo smartwatch del pilota Garmin D2 Charlie.

    Garmin

  • Un U-2 Dragon Lady vola sopra la catena montuosa della Sierra Nevada, California, 23 marzo 2016.

    US Air Force foto/Staff Sgt. Robert M. Trujillo

  • L’U-2 è l’unico aereo nell’inventario del Dipartimento della Difesa che richiede l’utilizzo di una tuta a pressione intera.

    US Air Force foto di Airman 1. Classe Drew Buchanan

  • Il pilota U-2 Capt. Travis controlla il suo display head-up nell’abitacolo di un U-2 Dragon Lady 8 gennaio 2013, presso la Beale Air Force Base in California.

    US Air Force foto di Airman 1. Classe Drew Buchanan

  • L’U-2 ha ricevuto presto il soprannome di Dragon Lady, perché, essendo un aereo difficile da pilotare, se non lo trattassi con il massimo rispetto ti ucciderebbe.

    US Air Force foto di Airman 1a Classe Depositario A. Darbasie

All’inizio di questo mese, il generale dell’aeronautica americana James M. “Mike” Holmes ha riconosciuto ciò che molti nella comunità della difesa e nei media della difesa già sapevano. I piloti del venerabile e iconico jet da ricognizione d’alta quota Lockheed U-2 Dragon Lady indossano smartwatch Garmin abilitati al GPS per il backup della navigazione. Il generale Holmes, che guida l’Air Combat Command (ACC) dell’Air Force, stava rispondendo a una domanda sulle vulnerabilità del sistema di comunicazioni militari in una conferenza a Washington, DC. E ha ritenuto che l’Air Force dovrebbe essere in grado di utilizzare l’ampia varietà di percorsi di comunicazione commerciale disponibili.

“I miei ragazzi dell’U-2 ora volano con un orologio che si collega al GPS, ma anche al BeiDou e al sistema russo e al sistema europeo … quindi se qualcuno blocca il GPS, prendono comunque gli altri”, ha detto Holmes.

In effetti, i piloti dell’U-2 del 99th Reconnaissance Squadron presso la Beale Air Force Base nel nord della California hanno volato con gli smartwatch D2 Charlie di Garmin dalla fine del 2017, quando lo squadrone ha acquisito 100 degli orologi, secondo la portavoce di Garmin Jessica Koss.

Sebbene i media tecnologici abbiano raccolto i commenti del generale Holmes, si è sbagliato nel dire che gli orologi possono ricevere segnali di posizionamento satellitare europeo Galileo e cinese BeiDou. Air Combat Command dice ad Ars che gli orologi non possono ricevere segnali BeiDou e Garmin conferma che non possono nemmeno captare segnali Galileo. Il D2 Charlie può ricevere solo segnali di posizione GPS e GLONASS russo.

Sebbene gli orologi non possano ottenere informazioni da questi altri sistemi, l’ACC riconosce che sono “in grado di ricevere più segnali di navigazione, inclusi GPS e GLONASS”. Non siamo esattamente sicuri di quali potrebbero essere gli altri segnali di navigazione, ma il D2 Charlie non è solo un dispositivo di navigazione di riserva per i piloti dell’U-2. Ha altri usi.

L’orologio della Dama del Drago

Garmin ha rilasciato il D2 Charlie ricaricabile nel luglio del 2017. È un grande e grosso smartwatch da aviatore (cassa di 51 x 17,5 mm di diametro, 95 g di peso) che sembra sicuramente uno strumento al polso.

Annuncio

In questo senso, si rifà alle origini dell’orologio da polso. Dopotutto, tra i primi utenti di orologi da polso c’erano i piloti della prima guerra mondiale che fabbricavano cinturini per orologi da tasca che poi si mettevano al polso sopra le loro ingombranti tute da volo. Grazie al soffitto di servizio dell’U-2 di oltre 80.000 piedi, i suoi piloti devono indossare tute a pressione in caso di guasto alla pressurizzazione della cabina di pilotaggio. Anche loro presumibilmente indossano il D2 Charlie sopra l’abbigliamento o lo montano nell’abitacolo.

L’orologio è evidente, in particolare se hai la mappa dinamica in movimento a colori, la navigazione GPS o il meteo NEXRAD visualizzato. Le funzioni specifiche del GPS includono traccia, distanza dal waypoint successivo, tempo stimato durante il percorso e rotta diretta verso qualsiasi waypoint nel piano di volo. Il D2 ha anche la connettività che ti aspetti da uno smartwatch: notifiche di testo/e-mail e funzionalità biometriche abilitate per l’accelerometro, tra cui frequenza cardiaca, monitoraggio della forma fisica, profili di attività e altro ancora. (Da allora è stato anche sostituito dal Delta D2, che aggiunge un pulsossimetro per la consapevolezza del livello di ossigeno, tra gli altri miglioramenti.)

Brian Plank, responsabile del software Team X di Garmin, afferma che la modalità di navigazione predefinita del D2 confronta continuamente i dati di posizione dei satelliti americani e russi. “L’orologio correla sempre i due segnali e cerca di darti la soluzione migliore. Se il GPS scompare, verrà utilizzata la correzione GLONASS”, ci ha detto Plank.

Ecco perché i piloti dell’U-2 potrebbero trovarlo utile in ambienti privi di GPS (inceppati) o quando l’avionica della Dragon Lady fallisce o viene presa di mira da sistemi di guerra elettronica. In particolare, l’orologio non trasmette alcun segnale, quindi è relativamente sicuro fintanto che non è accoppiato con un dispositivo di comunicazione come un telefono o un’avionica. E Plank afferma che Garmin ha progettato il sistema operativo del D2 interamente internamente; lo stesso vale per le app mobili e la logica di sicurezza informatica che utilizza.

Se sei interessato al controllo industriale, potresti prendere nota del fatto che i D2 sono costruiti negli stabilimenti Garmin di Taiwan e che il suo ricevitore GPS/GLONASS proviene da MediaTek, con sede a Taiwan, che fornisce set di chip per una vasta gamma di mercato smartphone/tablet. Un exploit informatico che ha consentito agli attori di accedere alle app del dispositivo e ai dati privati ​​tramite i chip MediaTek ha recentemente fatto notizia, ma Garmin afferma che i chip interessati non fanno parte degli interni del D2 Charlie.

Navigazione in altre funzioni

Le più ampie capacità di smartwatch del D2 sono state rapidamente riconosciute dalla 99a RS come accessori utili per facilitare la comunicazione non classificata, monitorare i profili di volo e controllare le prestazioni fisiologiche del pilota.

Annuncio

Alla fine del 2017, il tenente colonnello Matt Nussbaum, allora comandante della 99a, disse a Defense News che il suo squadrone aveva, di propria iniziativa, acquisito tablet con software di navigazione e collegamento dati, nonché D2 Charlies. Ha sottolineato che mentre gli U-2 contemporanei hanno sensori e collegamenti dati altamente avanzati, la loro architettura sicura rende ingombrante la comunicazione non classificata.

“È molto ben attrezzato per un ambiente di combattimento classificato, non è ben attrezzato per inviare una nota al cellulare della nostra squadra di recupero”, ha detto. “Quindi posso inviare moltissimi dati dai nostri sensori, ma non posso chiamare il cellulare di qualcuno sull’aereo e con questa tecnologia posso farlo”.

È probabile che il tenente colonnello Nussbaum stesse parlando di accoppiare gli orologi e i tablet con i cellulari dei piloti o altri dispositivi. La presenza di altri dispositivi all’interno dell’abitacolo dell’U-2 può spiegare la tesi dell’ACC secondo cui i D2 possono ricevere “segnali di navigazione multipli” incluso GPS / GLONASS. Ars ha chiesto sia all’ACC che al 9th ​​Reconnaissance Wing di Beale AFB specificamente queste e altre capacità, ma hanno rifiutato di commentare.

Il tenente colonnello Nussbaum ha anche detto a Defense News che lo squadrone intendeva raccogliere il profilo di volo e i dati fisiologici del pilota dagli orologi. (Come funziona se gli orologi vengono indossati sopra una tuta a pressione non è del tutto chiaro.) I dati verrebbero tradotti in un formato militare da scaricare per istruzioni e scopi amministrativi.

Il responsabile del software Garmin afferma che i dati sull’attività di volo e sulla salute possono essere scaricati direttamente dal D2, sebbene la condivisione con l’app mobile Garmin-Connect dell’azienda produca dati e approfondimenti più profondi e correlati alle tendenze. Il 9th ​​Reconnaissance Wing non commenterebbe come vengono utilizzati i dati o se le esercitazioni continuano, ma è improbabile, se non plausibile, che lo squadrone utilizzi l’app.

Se i vantaggi del D2 come backup per la navigazione, ausilio per le comunicazioni e raccoglitore di dati ausiliari hanno senso per la comunità degli U-2, è ragionevole presumere che facciano appello ad altre comunità di aeromobili dell’Air Force. Alla domanda se altri squadroni/unità USAF abbiano acquisito smartwatch per scopi simili, l’Air Combat Command e l’Air Force Special Operations Command non hanno avuto risposta.

Ma dato che la Marina ha acquisito formalmente gli smartwatch Garmin Fenix ​​3 per i suoi piloti F/A-18 Hornet nel 2017 e che, nel 2018, un equipaggio di Growler EA-18G della Marina ha utilizzato uno smartwatch Garmin per tornare alla base quando il suo tettuccio si è ghiacciato e la sua avionica ha smesso di funzionare, è molto probabile che i singoli equipaggi dell’Air Force indossino i propri smartwatch.

Vai alla discussione…

Immagine dell’elenco dalla foto dell’aeronautica statunitense/Staff Sgt. Robert M. Trujillo