Questa è la tabella di marcia di Apple per allontanare i primi Mac da Intel

63
  • I Mac ARM ottengono un intero SoC Apple, con molti componenti.

  • I Mac ARM ottengono prestazioni e durata della batteria migliori, si spera.

    Mela

  • Presentando un nuovo percorso da seguire, il CEO di Apple Tim Cook ha affiancato la transizione ARM alle altre grandi transizioni del Mac: PowerPC, MacOS X e Intel.

  • Rosetta è tornata!

    Mela

  • Caratteristiche di Rosetta 2.

    Mela

  • Tecnicamente, il primo ARM Mac è questo “Developer Transition Kit”.

    Mela

  • Lo schermo about, con un Apple A12Z Bionic.

    Mela

Dopo 15 anni, Apple trasferirà nuovamente il Mac a una nuova architettura. La società ha annunciato oggi alla conferenza degli sviluppatori che introdurrà i Mac dotati di processori basati su ARM progettati da Apple simili a quelli già utilizzati su iPhone e iPad.

Tim Cook ha ancorato questo interruttore come una delle quattro più grandi transizioni che il Mac abbia mai avuto. Oltre al passaggio a PowerPC, al passaggio a Intel e al passaggio a Mac OS X, ARM sarà uno dei più grandi cambiamenti mai apportati al Mac. Apple promette “un livello di prestazioni completamente nuovo” con una “famiglia di SoC Mac.

Gli utenti Apple di lunga data hanno già affrontato tutto questo prima, con il passaggio da PowerPC a Intel e ora da Intel x86 a ARM. Tutti i grandi successi di transizione dalla piattaforma stanno tornando. Il passaggio a ARM da x86 significa che alcune app Mac saranno native e altre no. Per le app che supportano sia x86 che ARM, Apple sta introducendo il binario “Universal 2” che impacchetta entrambe le basi di codice. Per le app che non hanno ancora effettuato la transizione a ARM, l’emulatore Rosetta è tornato come “Rosetta 2” e ora consentirà l’esecuzione delle app x86 sul tuo Mac ARM, anche se con prestazioni ridotte.

Per il nuovo macOS 11 Big Sur, tutte le app incluse stanno aggiungendo binari ARM nativi. Gli sviluppatori Xcode possono “semplicemente aprire le loro app e ricompilare” per ottenere un binario ARM. Microsoft Office e Adobe Photoshop sono stati sottoposti a demo come app ARM native. Final Cut Pro ha anche una versione ARM, insieme a funzionalità che funzionano sul “Neural Engine” nel SoC Apple.

Le app per iPhone e iPad ora possono essere eseguite in modo nativo sul Mac, il che non solo sarà ottimo per gli sviluppatori, ma darà agli utenti l’accesso a tutte le loro app preferite. Le app iOS verranno visualizzate tutte sul Mac App Store dal primo giorno e, sebbene Apple non abbia fatto un grosso problema, suona come un’enorme esplosione di app nel Mac App Store.

Annuncio

L’annuncio chiave è stata la sequenza temporale: il primo Mac con silicio Apple avverrà entro la fine dell’anno, con l’intera transizione da Intel ad ARM che richiederà circa 2 anni. Aspettati di vedere i nuovi Mac basati su Intel uscire nel prossimo futuro.

Per aiutare gli sviluppatori nella transizione, Apple ha annunciato quello che tecnicamente è il primo ARM Mac in assoluto: il “Developer Transition Kit”. Questa è una custodia per Mac Mini con un SoC Apple A12Z, lo stesso SoC di un iPad Pro. Come suggerisce il nome, è pensato per gli sviluppatori che desiderano trasferire le proprie app x86 su ARM macOS e viene fornito con una versione beta di Big Sur.

Il più grande vantaggio di mercato di Apple arriva al Mac

Questa mossa è stata prevista per anni, poiché i vantaggi per Apple sono chiari. Cupertino ha sempre apprezzato la stretta integrazione di hardware, software e servizi, ma i Mac sono stati dei valori anomali tra i prodotti Apple per la loro dipendenza da una parte esterna per la CPU. (Gli iPhone e altri prodotti Apple contengono tuttavia pannelli di visualizzazione, modem e componenti della fotocamera realizzati da altre società.)

Finora, la divisione chip di Apple ha eccelso in ogni mercato in cui è entrata. Nel mondo degli smartphone, i SoC dell’azienda sono facilmente una generazione avanti rispetto al meglio che Qualcomm, Samsung e MediaTek hanno da offrire. Lo smartphone più dominante di Apple è probabilmente l’iPhone SE, un iPhone da $ 400 che supererà i telefoni Android da $ 1.200 grazie al SoC A13 Bionic.

Negli smartwatch, la divisione chip di Apple è una delle poche aziende a realizzare un valido chip per smartwatch. Il SoC S5 dell’Apple Watch Series 5 offre all’orologio grandi prestazioni e durata della batteria, e l’unica altra azienda con un orologio anche leggermente competitivo è Samsung, grazie alla propria divisione di chip. Tutti gli altri concorrenti Android fanno affidamento su Qualcomm per la direzione futura dei loro smartwatch e, poiché Qualcomm ha scelto di non competere nel mercato degli smartwatch, l’intero segmento di mercato è praticamente morto.

Annuncio

Laptop e desktop sono la prossima grande frontiera per la divisione chip di Apple. Quella divisione aiuterà l’azienda a evitare lo stesso destino che è toccato ai produttori di smartwatch Android: lasciare che un’altra azienda detti la tua gamma di prodotti. I piani di Apple per aggiornare il Mac sono stati spesso ostacolati dalla roadmap dei prodotti di Intel e Intel non produce chip che soddisfano tutte le priorità di progettazione di Apple. La nuova CPU sarà solo una parte di un system-on-a-chip progettato da Apple che includerà anche (tra le altre cose) una GPU Apple e una versione desktop del processore Neural Engine di Apple per l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale che si trova nell’iPhone e iPad.

La divisione chip di Apple ha raggiunto il punto in cui dovrebbe essere in grado di competere in modo affidabile con Intel in termini di prestazioni. L’iPad Pro 2020 con un SoC Apple A12Z ha numeri Geekbench paragonabili a un MacBook Pro 2019 con Intel Core i9. Un SoC Apple in un laptop, con un budget termico più elevato, dovrebbe andare bene, ma Apple non ha ancora offerto dettagli.

Immagine dell’elenco di Apple