Rapporto: gli appaltatori cinesi di Apple riducono le ore poiché la domanda di iPhone diminuisce

54

Ingrandisci / Un uomo si trova davanti a un Apple Store chiuso a Tokyo.

Viola Kam/SOPA Images/LightRocket via Getty Images

Le aziende cinesi che producono iPhone per Apple stanno riducendo le ore di lavoro e hanno licenziato alcuni lavoratori, riporta il Financial Times.

Diversi lavoratori hanno detto al FT che il gigante manifatturiero Foxconn ha sospeso le assunzioni nel suo enorme stabilimento a Zhengzhou, nella provincia di Henan. Secondo il giornale, Foxconn “ha anche iniziato a tagliare alcuni dei lavoratori temporanei che ha assunto in gran numero a febbraio, aumentando la produzione dopo una lunga pausa”.

Foxconn ha limitato le ore di straordinario e ha incoraggiato i lavoratori a prendersi delle ferie, afferma il FT.

Secondo quanto riferito, anche un altro importante produttore Apple, Pegatron, sta tagliando i lavoratori in una fabbrica a Shanghai. “Circa un migliaio di lavoratori temporanei e di terze parti sono stati licenziati”, ha detto un dipendente al FT.

Un calo della domanda

La riduzione della forza lavoro riflette il calo della domanda globale di smartphone. Apple ha chiuso tutti i suoi negozi al dettaglio “al di fuori della Grande Cina” il mese scorso. I negozi statunitensi non dovrebbero riaprire prima del mese prossimo e potrebbero rimanere chiusi anche più a lungo.

Puoi ancora acquistare iPhone e altri prodotti Apple online, ma le incertezze finanziarie del coronavirus sembrano portare molti consumatori a ritardare la sostituzione dei loro smartphone. La scorsa settimana un analista di Goldman Sachs ha previsto che le vendite di iPhone sarebbero diminuite del 36% nel trimestre in corso.

A febbraio, Apple ha avvertito gli investitori che l’epidemia di coronavirus cinese aveva ostacolato la fornitura di iPhone. A quel tempo, l’azienda sperava di aumentare la produzione poiché la Cina aveva tenuto sotto controllo l’epidemia di coronavirus.

Negli ultimi due mesi, ovviamente, il virus si è diffuso rapidamente al di fuori della Cina, creando una situazione economica completamente diversa. Ora la domanda, non l’offerta, è il problema principale di Apple. È probabile che la società fornisca maggiori informazioni sulla sua situazione finanziaria quando riferirà gli utili trimestrali alla fine di questo mese.

Apple aveva a disposizione più di 200 miliardi di dollari in contanti a gennaio, abbastanza per superare i problemi creati dalla crisi del coronavirus.