Rapporto: il 70% dei lavoratori desidera mantenere l’opzione WFH dell’era della pandemia

67

Non sei riuscito a partecipare a Transform 2022? Dai un’occhiata a tutte le sessioni del vertice nella nostra libreria on-demand ora! Guarda qui.

Un nuovo studio di Deloitte, “2022 Connectivity and Mobile Trends”, mostra che “la pandemia di COVID-19 ha spinto le famiglie statunitensi in un beta test sociale senza precedenti che ha accelerato le tendenze emergenti in tecnologia e connettività”. Quasi da un giorno all’altro, i lavoratori adulti e gli studenti adulti e bambini hanno dovuto negoziare la transizione del lavoro e della scuola da completamente di persona a completamente a distanza.

E mentre lo studio dell’anno precedente ha mostrato che ci sono stati molti ostacoli e singhiozzi lungo il percorso, principalmente a causa del tentativo di estendere lo spazio fisico e la larghezza di banda digitale per soddisfare le esigenze di più membri della famiglia, lo studio di quest’anno mostra che “i consumatori stanno acquisendo padronanza delle loro vite digitali , ottimizzando i dispositivi che utilizzano e perfezionando l’equilibrio tra il mondo virtuale e quello fisico”.

Lavoratori a distanza come WFH

Quasi tutti i lavoratori (99%) che avevano lavorato da casa (WFH) hanno affermato di “apprezzare gli aspetti dell’esperienza”. I tre principali vantaggi che hanno nominato sono stati la mancanza di spostamenti quotidiani, sentirsi più a proprio agio a casa e ridurre il rischio di contrarre il COVID-19. Le tre sfide principali erano avere responsabilità familiari o domestiche durante l’orario di lavoro, sentirsi stressati o esauriti e un servizio Internet lento o instabile.

Credito immagine: Deloitte.

Tuttavia, lo studio ha rilevato che rispetto allo studio del 2021, questi problemi erano diminuiti a causa del fatto che i lavoratori si erano abituati a lavorare da casa, c’erano meno membri della famiglia a casa nel 2022, quindi c’erano meno dispositivi in ​​competizione per la larghezza di banda Internet e reti e dispositivi diventavano più ottimizzato per WFH con il progredire della pandemia.

Evento

MetaBeat 2022

MetaBeat riunirà leader di pensiero per fornire indicazioni su come la tecnologia metaverse trasformerà il modo in cui tutti i settori comunicano e fanno affari il 4 ottobre a San Francisco, in California.

Registrati qui

Dal punto di vista della salute mentale e delle relazioni, la maggior parte dei lavoratori a distanza ha ritenuto che WFH fosse un esperimento riuscito. Almeno la metà di coloro che hanno lavorato in remoto nell’ultimo anno ha affermato che “le loro relazioni familiari, il benessere fisico e il benessere emotivo sono migliorati attraverso l’esperienza”. Dal punto di vista professionale, mentre non hanno segnalato un miglioramento dei rapporti di lavoro con i colleghi, meno del 20% ha segnalato un effetto negativo sui rapporti di lavoro.

In futuro, il 75% dei lavoratori a distanza e il 50% degli adulti occupati in generale hanno preferito opzioni di lavoro virtuale o ibride una volta che la pandemia si sarà attenuata. Tra i lavoratori a distanza, il 43% preferirebbe un lavoro completamente o prevalentemente virtuale, mentre il 29% degli adulti complessivamente occupati ha la stessa preferenza.

Credito immagine: Deloitte.

Il rapporto affermava che le aziende dovrebbero prestare attenzione ai propri lavoratori: “Le aziende che semplicemente ignorano le richieste dei dipendenti di modalità di lavoro flessibili possono rischiare di perdere un vantaggio competitivo nell’attirare e trattenere i migliori lavoratori”.

Studenti a distanza

Il rapporto ha rilevato che le esperienze di apprendimento virtuale nel corso della pandemia hanno avuto un grande vantaggio nell’evidenziare che l’apprendimento non è “taglia unica”. Ha affermato che mentre alcuni studenti erano “ansiosi di tornare alla struttura accademica e sociale della scuola di persona, altri hanno prosperato” nelle loro esperienze di apprendimento a distanza.

La maggior parte degli studenti con esperienza di apprendimento a distanza (70%) ha affermato che vorrebbe avere opzioni di apprendimento virtuale o ibrida in futuro. Solo il 12% ha dichiarato di voler frequentare la scuola completamente di persona.

I genitori, d’altra parte, pur considerando l’esperienza di apprendimento a distanza nel complesso positiva, preferivano che i propri studenti andassero a scuola, con il 40% che affermava di volere che i propri figli frequentassero la scuola completamente di persona e solo il 35% preferiva l’apprendimento completamente remoto o ibrido opzioni.

Lo studio ha osservato: “Gli studenti a distanza hanno bisogno di aiuto per gestire lo stress e le distrazioni e potrebbero utilizzare tecnologie o tecniche per sentirsi più in contatto con i compagni di classe, gli insegnanti e la cultura scolastica”.

Il Center for Technology, Media and Telecommunications di Deloitte ha intervistato 2.005 consumatori statunitensi nel primo trimestre del 2022 per questo rapporto.

Leggi il rapporto completo di Deloitte.

La missione di VentureBeat deve essere una piazza cittadina digitale per i decisori tecnici per acquisire conoscenze sulla tecnologia aziendale trasformativa e le transazioni. Saperne di più sull’appartenenza.