Recensione Pinebook Pro: un laptop con chassis in magnesio da $ 200 FOSS fino all’elsa

58

Ingrandisci / GENTLEFOLK, ECCO! Da sinistra a destra: la lettera di benvenuto di Pine64, un Dell XPS 13 DE fornito per la bilancia e il Pinebook Pro (controverso coltello lockblade non incluso).

Jim Salter

All’inizio di marzo di quest’anno, ho ordinato uno dei design più recenti del progetto Pine64 guidato da FOSS: il Pinebook Pro. Gli sforzi di produzione dell’azienda hanno subito un enorme successo a causa dell’impatto del COVID-19 sui suoi partner di produzione cinesi, che mi ha impedito di ricevere il mio Pinebook Pro fino alla scorsa settimana.

Sfortunatamente, il COVID-19 non ha semplicemente rallentato la produzione. Ha anche reso impossibile il controllo qualità, il che ha portato a abbastanza problemi con il mio nuovo laptop che dovrà essere sostituito. Parleremo del motivo in modo molto più dettagliato in seguito, ma per ora tieni presente che alcune parti della mia esperienza non sono progettate per l’hardware.

Dovresti anche tenere a mente che il Pinebook non è esattamente un prodotto di consumo, è un dispositivo rivolto direttamente agli hobbisti e ai riparatori con piani insoliti e budget limitato. La maggior parte delle persone non vorrà sostituire il proprio laptop di consumo standard o Chromebook con un Pinebook Pro, ma è uno sguardo affascinante a ciò che è possibile fare nella progettazione di hardware poco costoso con un’attenzione particolare alla privacy, al design open source e alla comunità.

Specifiche

Ingrandisci / Se vuoi sapere esattamente cosa stai ricevendo e dove si trova sotto il cofano, sei il tipo di cliente di Pine64. Specifiche a colpo d’occhio: Pinebook Pro OS Manjaro Linux CPU Hex-core big.LITTLE cluster:
2x ARM A-72 2.0GHz
4x ARM A-53 1.5GHz RAM 4GB LPDDR4 GPU ARM Mali T860MP4 UHD Wi-Fi AMPAK AP6256
1×1 dual-band 802.11ac + SSD Bluetooth SanDisk iNAND 7232 64GiB eMMC Batteria 10000 mAh @ 3.8V Display LCD TFT a matrice attiva a colori 14″ 1080p Connettività
lato sinistro:

  • Presa CC a barilotto
  • USB3 tipo A
  • USB3 tipo C (ricarica supportata)

lato destro:

  • USB2 tipo A
  • Jack per cuffie da 3,5 mm
  • Slot per microSD

Prezzo come testato $ 199, dal negozio Pine64

La cosa più importante che ogni potenziale acquirente deve sapere sulle specifiche del Pinebook Pro è che non è un dispositivo x86: è un’architettura cluster ARM molto ampia e eterogenea, con due core Cortex A72 e quattro core Cortex A53. Nel 2020, questo limita drasticamente la selezione del sistema operativo: non acquisterai un Pinebook Pro e ci schiaffeggerai sopra Windows dopo averlo ottenuto.

Pinebook Pro viene fornito con Manjaro Linux preinstallato. Manjaro è, in effetti, Arch Linux ma con una serie di impostazioni predefinite ragionevolmente sane: Arch “reale” potrebbe essere considerato più un framework su cui appendere una distribuzione, piuttosto che una distribuzione completa stessa.

Se non ti piace Manjaro, va bene: il progetto Pine64 offre un’ampia selezione di immagini Pinebook Pro aggiuntive scaricabili e installabili dall’utente tra cui Debian, Fedora, NetBSD, Chromium OS e altro ancora.

Il modulo eMMC 64GiB integrato ha prestazioni ragionevolmente elevate; può essere sostituito o integrato con un SSD NVMe se si acquista un adattatore di terze parti opzionale.

Unboxing del Pinebook Pro

  • Se non hai mai ricevuto un laptop nuovo di zecca in una semplice busta postale, non hai mai acquistato un Pinebook Pro.

    Jim Salter

  • Ho detto dentro un busta postale? Errore mio. Fai quella busta “in più di una”.

    Jim Salter

  • Ora sai perché non ho detto solo “in due buste postali” nell’ultima foto.

    Jim Salter

  • OK! All’interno della terza busta abbiamo una scatola di cartone e una di cartone con un caricatore.

    Jim Salter

  • Dentro la scatola di cartone c’è… OH FORZA ORA

  • Dopo aver aperto tre buste e due scatole di cartone, abbiamo una lettera di benvenuto e, in una custodia protettiva per la spedizione, lo stesso Pinebook Pro.

    Jim Salter

Ho una confessione: personalmente non mi interessa minimamente “l’esperienza di unboxing”, a parte sperare di non dover combattere qualche orribile imballaggio antifurto. Per quanto mi riguarda, la scatola è la cosa a cui ti tieni a malincuore per una settimana nel caso in cui dovessi rispedire la cosa, e non di più. Detto questo… Pinebook Pro ti offre un’esperienza di unboxing esilarante a basso canone.

Annuncio

Il mio nuovo Pinebook Pro era all’interno di tre buste nidificate, due scatole di cartone nidificate e una custodia protettiva. Assolutamente niente di tutto questo sembrava robusto, ma la strategia di “imballaggio frattale” di Pine64 è stata sufficiente per farmi arrivare il Pinebook Pro da Hong Kong, tramite più spedizionieri, senza nemmeno un ammaccatura o un graffio su di esso. Non bussare se funziona!

Come nota a margine: ultimamente, molti lettori con gli occhi acuti si sono concentrati in modo allarmante sul pessimo coltello schwag American Legion con cui apro i pacchetti. Per favore, goditi la sua inclusione diretta qui, da più angolazioni, in tutta la sua gloria dubbiamente fabbricata e inspiegabilmente seghettata.

  • Questa è la vista laterale sinistra del Pinebook Pro, vista qui su un supporto per laptop portatile Moft Z.

    Jim Salter

  • Questa è la vista laterale destra del Pinebook Pro, vista qui su un supporto per laptop portatile Moft Z.

    Jim Salter

  • Vista dall’alto aperta e spenta del Pinebook Pro. Prefigurazione: oh, ehi, guarda quella pellicola protettiva sul touchpad…

    Jim Salter

La parte migliore della tua prima esperienza pratica con un Pinebook Pro è l’assoluta mancanza di marchio all’esterno. Il telaio in lega di magnesio nero opaco è fantastico e non avere logo o marchio o altro ti fa sentire come un personaggio di un romanzo di William Gibson. All’apertura del laptop, non vedi ancora alcun marchio evidente: l’unico suggerimento alle specifiche di questo dispositivo è l’icona del pino sul tasto Super.

La tastiera è eccezionale come lo chassis. Non ci sono adesivi per l’andare veloce schiaffeggiati in modo fastidioso sul poggiapolsi, e a questo punto, prima ancora di accenderlo, ero assolutamente innamorato della tostatura inaspettata e discreta di questo laptop.

COVID-19, Garanzia di qualità in fabbrica e te

  • La pellicola protettiva sul touchpad sembrava fosse stata incollata con Gorilla-Glued e il tentativo di rimuoverla ha chiarito che il touchpad non era stato inserito correttamente nello chassis in primo luogo.

    Jim Salter

  • Dopo aver rimosso la pellicola dal touchpad, ho fatto scattare il touchpad quasi al suo posto. Notare l’angolo in basso a destra ancora leggermente rialzato.

    Jim Salter

  • Fortunatamente, la pellicola protettiva sulla webcam si è staccata senza problemi meccanici.

    Jim Salter

  • Combattendo con il touchpad completo, è ora di avviare Manjaro Linux!

    Jim Salter

Pine64 sta attualmente riscontrando alcuni importanti problemi di garanzia della qualità con la sua fabbrica in Cina. Sfortunatamente, il mio Pinebook Pro ha mostrato praticamente tutti i problemi di cui Pine64 ha sentito parlare. Prima di tutto, la pellicola protettiva sul touchpad non si è staccata facilmente, rimuovendola è stato come cercare di estrarre l’adesivo di un concessionario di auto usate dal paraurti di una berlina.

Il tentativo ha evidenziato un altro problema: il touchpad stesso non è stato installato correttamente. Il lato sinistro è stato agganciato al telaio, ma l’intero lato destro era appoggiato sopra il telaio anziché essere agganciato. Quando ho provato a liberare la pellicola, l’intero lato del touchpad ha sollevato una metà inquietante -inch, mostrandomi un buco nel laptop stesso. Yikes. Avevo bisogno di tenere premuto il touchpad sul lato destro mentre mi staccavo con forza per estrarre la pellicola a destra.

Annuncio

Dopo aver rimosso la pellicola, sono stato in grado di inserire il touchpad nel telaio, per lo più, con una quantità davvero esorbitante di un’attenta pressione verso il basso. Potevo sentire il “push-to-click” lavorare sul lato sinistro ma nessuno sul lato destro, e all’epoca pensavo che questo significasse semplicemente nessun push-to-click-destra. A quanto pare, mi sbagliavo e un paio d’ore dopo, un’altra applicazione di pressione per inchiodare direttamente su quell’angolo lo ha rotto in modo udibile nel resto del percorso.

Con il touchpad completamente inserito, la funzione push-to-click funziona sia sull’angolo inferiore sinistro che su quello destro del pad. Il touchpad stesso era perfettamente reattivo dopo tutto questo brontolare. Sembra ancora un po’ “sollevato” nell’angolo in basso a destra, ma si inserisce senza problemi nel clic con il pulsante destro del mouse e ritorna altrettanto agevolmente quando viene rilasciato.

  • Al primo avvio, avevo un’icona Wi-Fi, ma facendo clic su di essa non mi dava alcuna opzione di connessione.

    Jim Salter

  • Ecco come suona / quando non c’è il Wi-Fi: una versione più geek del defunto grande principe, in una dimensione alternativa.

    Jim Salter

  • Ho cercato su Pinebook Pro un kill switch Wi-Fi e non sono riuscito a trovarne uno: si scopre che basta premere Super+F11, quindi riavviare. (Il modulo Wi-Fi non è progettato per l’hot plug.)

    Jim Salter

  • Dopo aver premuto Super+F11 e aver riavviato, sono riuscito a connettermi perfettamente alla mia WLAN.

    Jim Salter

Il problema successivo che ho riscontrato è stato apparentemente il Wi-Fi interrotto. Sebbene nella barra delle applicazioni fosse presente un’icona Wi-Fi, fare clic su di essa non mi presentava alcuna opzione Wi-Fi, solo alimentazione e simili. Scendendo sul Terminale, ho elencato gli adattatori di rete disponibili e l’unica cosa che ho trovato è stato l’adattatore di loopback. Non è un buon segno.

Fortunatamente, mi sono ricordato vagamente che Pine64 aveva fatto di tutto per supportare i problemi di privacy e fornire kill switch per Wi-Fi, fotocamera e microfono, quindi sono andato a caccia di kill switch intorno allo chassis ma sono uscito vuoto. A questo punto, ho rinunciato e sono tornato al mio PC principale per controllare il manuale utente del Pinebook Pro.

Si scopre che gli interruttori per la privacy non sono interruttori manuali come avevano i laptop dei primi anni 2000; sono ritagli del firmware a livello di BIOS attivati/disattivati ​​con i tasti di scelta rapida della tastiera. Premendo e tenendo premuto Super+F11 (“tasto Windows” per i meno Linux tra noi; anche se c’è una pigna al posto del logo di Windows qui) fa lampeggiare il LED Num Lock; due volte se hai appena abilitato il Wi-Fi, tre volte se l’hai appena disabilitato.

Sfortunatamente, la scheda Wi-Fi Ampak non è stata progettata per essere collegata a caldo, quindi dopo aver abilitato il Wi-Fi, ho dovuto riavviare. Dopo il riavvio, tutto ha funzionato proprio come ti aspetteresti e mi sono connesso alla mia rete WLAN e ho navigato su Ars senza problemi.

I kill switch della fotocamera e del microfono sono stati rispettivamente abilitati e disabilitati; entrambi possono essere attivati ​​​​senza la necessità di riavviare in seguito.