Sono arrivate le CPU desktop di decima generazione di Intel, ancora a 14 nm

97

Ingrandisci / E se Comet Lake, ma più lungo? Questa immagine wafer litografica ci offre una vista a volo d’uccello del layout di una delle CPU della serie S Comet Lake, con due core in più rispetto alle generazioni precedenti.

Intel Corporation

Finora, il 2020 è un anno difficile per i fan delle CPU Intel, in entrambi i sensi. È arrivata l’ultima generazione di CPU desktop di Chipzilla e Intel si sta affrettando a trovare modi (per lo più coinvolgendo l’overclocking) per farle sembrare buone rispetto alle parti Zen 2 a 7 nm di AMD.

Le parti Core, Pentium e Celeron di decima generazione seguono la tendenza stabilita dal recente lancio della serie H di laptop Intel: sono vecchie tecnologie di processo ottimizzate entro un pollice della sua vita e Intel non offre ancora numeri di prestazioni difficili che potrebbero essere paragonati direttamente a quelli della concorrenza.

Prestazione

  • Intel si sta basando pesantemente sulla frequenza di clock grezza con la nuova serie S Comet Lake, proprio come hanno fatto con le parti dei laptop della serie H all’inizio di quest’anno.

    Intel Corporation

  • Sebbene questa volta Intel ci abbia fornito delta di prestazioni anno su anno, sta ancora rifuggendo dai numeri difficili.

    Intel Corporation

  • Leggi sempre la stampa fine. L’apparente incapacità legale di dire “processore di gioco più veloce

    Intel Corporation

  • A merito di Intel, non hanno giocato a giochi con GPU qui come hanno fatto con i laptop della serie H. Tutta la configurazione del sistema include un RTX 2080Ti.

    Intel Corporation

Per la maggior parte, i dati di benchmark pre-lancio di Intel sono simili a quelli che ci hanno fornito per le CPU dei laptop della serie H di Comet Lake: un’attenzione nitida su una velocità di clock grezza non qualificata e una sana macchia di vaselina sull’obiettivo quando si osservano le prestazioni reali. Ancora una volta, stiamo assistendo a velocità turbo single-core sulle SKU più alte che superano i 5 GHz e una notevole deviazione dai dati sulle prestazioni difficili che potrebbero essere direttamente confrontati con le CPU Ryzen a 7 nm di AMD.

A merito di Intel, questa volta abbiamo almeno alcuni delta di prestazioni generazione su generazione. Tuttavia, non abbiamo ancora quasi numeri di prestazioni difficili, per non parlare di confronti diretti con AMD Ryzen. Intel è anche molto entusiasta dei confronti con un “PC di tre anni”. Presumibilmente, sperano che le persone che non sono aggiornate sulla rivalità tra Intel e AMD pensino semplicemente “sì, suona bene, andiamo avanti e aggiorniamo quest’anno”.

Annuncio

Il marketing di Intel questa volta si basa fortemente sulla loro collaborazione per l’ottimizzazione con le società di sviluppo di giochi e, se non di più, sulle prestazioni grezze delle nuove CPU. Ma senza confronti diretti testa a testa con i processori Ryzen, è impossibile accertare se le brillanti testimonianze delle società di giochi sull’aiuto di Intel si applicano a Intel vs AMD, o semplicemente alle nuove generazioni rispetto a quelle più vecchie.

L’attenzione al marketing sui giochi e sui giocatori con questa serie di CPU è sia estrema che prevedibile: le prestazioni a thread singolo sono quasi l’ultimo posto in cui Intel può sperare di competere direttamente contro la sua concorrenza AMD, ed è difficile trovare qualcuno a cui importi molto statistica al di fuori del mondo dei giochi.

La creazione di contenuti e la compilazione dei carichi di lavoro moderni tendono a essere estremamente multithread e si concentrano più sulla velocità effettiva che sulla latenza. Il gioco, in particolare i livelli più alti di gioco competitivo, tende a essere maggiormente influenzato dalla latenza di input e risposta. Se un singolo core può masticare più velocemente il ciclo principale di un gioco, un giocatore d’élite potrebbe essere in grado di perdere qualche prezioso extra di tempo di reazione.

Cercare di valutare il reale vantaggio di gioco delle CPU più veloci possibili è reso più difficile poiché nessuna delle tipiche metriche del settore lo misura bene: i fotogrammi al secondo sono una metrica di throughput, non una metrica di latenza. A peggiorare le cose, l’FPS viene generalmente mostrato come una media media, piuttosto che una mediana o una modalità. Si concentra fortemente sulla dimensione grafica del ciclo di gioco ignorando efficacemente input e logica.

Cavilli sulle metriche a parte, alcune delle nuove serie S di Comet Lake presumibilmente hanno ottenuto framerate migliori rispetto ai loro equivalenti Ryzen, almeno sui tre giochi testati da Intel. Siamo costretti a indovinarlo, in base al fatto che Intel elenca una configurazione Ryzen 9 3950X su una delle diapositive “fine stampa”.

Possiamo anche immaginare che questa non fosse una differenza particolarmente convincente e potrebbe non reggere ampiamente nella maggior parte dei giochi. Un’altra delle diapositive a caratteri piccoli rileva che lo slogan di marketing di Intel negli Stati Uniti “Il processore di gioco più veloce del mondo” non può essere utilizzato in un elenco sbalorditivo di paesi: in quei paesi, è sostituito con “Prestazioni del mondo reale d’élite” o “Processore di gioco più veloce di Intel”.

Annuncio

Sì, sì, lo sappiamo: stiamo leggendo foglie di tè di marketing, qui. Ma senza dati concreti, sono tutto ciò che dobbiamo andare avanti.

Architettura

  • Le velocità DDR supportate ufficialmente sono ancora in ritardo rispetto a Ryzen (DDR4-2933 vs DDR4-3200). Le modifiche all’overclocking e la necessità di un nuovo socket sono la storia più importante qui.

    Intel Corporation

  • Turbo Boost Max identifica e potenzia automaticamente i due core più veloci sulla singola CPU, anziché su una coppia fissa.

    Intel Corporation

  • L’overclock diventa più ottimizzato con Comet Lake S, inclusa la possibilità di disabilitare l’hyperthreading sui singoli core, piuttosto che sull’intera CPU.

    Intel Corporation

  • L’assottigliamento dello stampo consente l’uso di un dissipatore di calore integrato più spesso, quindi un raffreddamento potenzialmente migliore per le parti più calde dello stampo.

    Intel Corporation

Innanzitutto, se desideri una CPU desktop Intel di decima generazione, dovrai acquistare una nuova scheda madre. Le nuove CPU sono progettate per un socket LGA1200, anziché LGA1151. Questi non saranno un sostituto drop-in per nessuno.

Oltre a ciò, stiamo assistendo principalmente a modifiche all’overclocking. Turbo Boost Max 3.0 seleziona e potenzia dinamicamente i due core più veloci su una singola CPU, e ci sono molte nuove manopole per gli overclocker più accaniti da girare nell’utility Extreme Tuning, come la curiosa capacità di abilitare o disabilitare l’hyper-threading su singoli core, non solo la CPU nel suo insieme.

La serie i9 (e solo la serie i9) ottiene anche una nuova funzione Thermal Velocity Boost, che può ottenere 100 MHz aggiuntivi per brevi periodi di tempo mentre la CPU generalmente funziona a freddo.

Intel ha anche ridotto il die della CPU su alcuni modelli, consentendo un dissipatore di calore integrato più spesso e quindi un raffreddamento potenzialmente migliore nelle aree più calde del die. Non abbiamo molte informazioni specifiche sul nuovo processo di assottigliamento e non sappiamo con certezza a quali modelli si applichi.

Anche la velocità della RAM supportata ufficialmente è leggermente aumentata, da DDR4-2666 a DDR4-2933. È ancora indietro rispetto alle DDR4-3200 di Ryzen 3000.