Wi-Fi 6E diventa ufficiale: la FCC voterà sulle regole questo mese

71

Ingrandisci / I dispositivi di oggi non supportano e non supportano la nuova banda a 6 GHz. Una volta che lo spettro è stato ratificato per l’uso del Wi-Fi, avrai bisogno di aggiornamenti hardware prima di poterne sfruttare.

Wi-Fi 6E

Visualizza più storie

In un comunicato stampa di ieri, il presidente della FCC Ajit Pai ha annunciato di aver proposto una serie di regole per il nuovo spettro RF che utilizzerà lo standard Wi-Fi 6E proposto. Nella riunione del 23 aprile di questo mese, i membri della FCC voteranno sulle regole proposte per l’uso senza licenza della banda a 6 GHz (5,925–7,125 GHz).

Lo spettro Wi-Fi che abbiamo già: banda da 2,4 GHz

Negli anni ’90, la più grande preoccupazione per gli utenti Wi-Fi era “fino a che punto raggiungerà il Wi-Fi”. Oggi, la preoccupazione più grande, indipendentemente dal fatto che la maggior parte degli utenti se ne renda conto o meno, non è quanto lontano raggiungerà il Wi-Fi, ma quanti dispositivi diversi competono per il tempo di trasmissione. La banda legacy a 2,4 GHz è quasi del tutto inutilizzabile per molti abitanti delle città: è affollata di forni a microonde, cuffie Bluetooth e ogni dispositivo immaginabile per Internet delle cose.

A peggiorare le cose per 2,4 GHz, la banda di frequenza offre un’eccellente gamma e penetrazione, che in un ambiente moderno sempre più affollato è un bug, non una caratteristica. Un dispositivo Wi-Fi può trasmettere solo se nessun altro dispositivo nel raggio di trasmissione sta trasmettendo, quindi una maggiore portata e penetrazione significa anche una maggiore competizione per il tempo di trasmissione.

Questa competizione non esiste solo in una rete Wi-Fi: avere un SSID (nome della rete Wi-Fi) e una password diversi rispetto al tuo vicino non impedisce ai tuoi dispositivi di congestionarsi tra loro. E poiché ci sono solo tre canali a 20 MHz non sovrapposti nello spettro a 2,4 GHz, le probabilità di dover combattere per il tempo di trasmissione con i dispositivi dei vicini e con i tuoi sono molto alte.

Lo spettro Wi-Fi che abbiamo già: bande da 5 GHz

Ingrandisci / Ogni rete a 5 GHz con larghezza di 40 MHz occupa in realtà poco più di otto canali a 5 MHz reali. In questo grafico, ogni piccolo “bump” rappresenta quattro canali a 5 MHz.

5GHz, uno spettro aggiuntivo disponibile per i dispositivi 802.11n (Wi-Fi 4), 802.11ac (Wi-Fi 5) e 802.11ax (Wi-Fi 6), ha una portata e una penetrazione notevolmente inferiori. Ancora una volta, per la maggior parte degli utenti, questa è una buona cosa: se il tuo dispositivo può “sentire” solo un paio di stanze e pareti di distanza, significa che è meno probabile che tu stia combattendo con le reti vicine per il tempo di trasmissione.

Annuncio

C’è anche più spettro totale disponibile a 5 GHz rispetto a 2,4 GHz. Questo vantaggio è in gran parte negato dal fatto che i canali a 5 GHz sono in genere molto più larghi dei canali a 2,4 GHz.

L’uso dello spettro a 5 GHz è anche complicato dalle normative DFS che ne chiudono parti di grandi dimensioni, parzialmente o interamente, ai dispositivi Wi-Fi, al fine di impedire loro di interferire con il radar. Sebbene lo spettro si estenda tecnicamente a 775 MHz, solo 140 MHz sono effettivamente utili per la maggior parte degli utenti negli Stati Uniti: 60 MHz nella banda bassa al di sotto dei canali DFS e 80 MHz nella banda alta sopra di essi.

Gli stessi canali DFS sono un incerto grab bag di 320 MHz tra le bande basse e alte a 5 GHz. L’uso di questi canali è consentito, anche se fortemente regolamentato per prevenire interferenze con i sistemi radar. Un gran numero di dispositivi di consumo si rifiuta affatto di utilizzare i canali DFS, anche quando non sono presenti radar.

Lo spettro Wi-Fi votato: banda da 6 GHz

Wi-Fi 6E non è affatto un nuovo protocollo wireless: è un’espansione dell’attuale standard Wi-Fi 6 in una nuova e molto più ampia banda di frequenze radio.

Lo spettro dei voti FCC di Pai in questo mese offre circa sei volte lo spettro totale attualmente disponibile su entrambe le bande a 2,4 GHz e 5 GHz combinate e lo offre in un’unica banda contigua da 5,925 a 7,125 GHz. Questo è uno spettro sufficiente per offrire sette canali a 160 MHz completamente non sovrapposti.

Ogni canale separato può fornire all’incirca il doppio per quadruplicare le prestazioni massime che vediamo ora dai dispositivi Wi-Fi 5 e Wi-Fi 6 a 5 GHz, e farlo senza fare affidamento su trucchi da studio di protocollo che potrebbero o meno effettivamente funzionare anche nella vita reale come hanno fatto in un laboratorio di prova.

Il percorso verso il Wi-Fi 6E

Sebbene sia tecnicamente possibile per la FCC pronunciarsi contro l’uso del nuovo spettro nella riunione del 23 aprile, ciò sembra svanire improbabile. Il presidente della FCC Pai è tutt’altro che solo nell’entusiasmo per l’espansione dello spettro; è accompagnato da dichiarazioni di Internet and Television Association, Broadcom, Intel, Open Technology Institute, Wi-Fi Alliance e altro ancora.

Annuncio

La bozza merita, e probabilmente otterrà, l’approvazione unanime della FCC.

—Andrew Jay Schwartzman, Consigliere senior, Benton Institute for Broadband & Society

Come abbiamo spiegato a febbraio, il produttore di chipset Wi-Fi Broadcom ha già annunciato la disponibilità del chipset Wi-Fi 6E BCM-4389, che utilizza il nuovo spettro. Intel non è andata così lontano, ma una conversazione di ieri sera con Eric McLaughlin, Direttore Generale del Wireless Solutions Group dell’azienda, ha chiarito che non sono nemmeno molto indietro.

McLaughlin di Intel ci ha detto di aspettarci un chipset Wi-Fi 6E dual-band da loro entro la fine dell’anno, con la certificazione prevista all’inizio del 2021. Come il BCM-4389 di Broadcom, il chipset Intel utilizzerebbe una singola radio per coprire sia lo spettro a 5 GHz che a 6 GHz, con una radio a 2,4 GHz per l’utilizzo con reti legacy.

Siamo entusiasti di vedere un intero spettro di 1200 MHz rilasciato per lo spettro senza licenza. Ci sono molti canali… Mi congratulo davvero con la FCC per aver riconosciuto la necessità di canali contigui. Non tutti i WiFi 6E saranno gli stessi nel mondo; La Cina e l’Europa non stanno allocando la stessa quantità di spettro alla banda 6GHz.

—Eric McLaughlin, VP Client Computing Group e General Manager del Wireless Solutions Group di Intel

La bozza di Rapporto e Ordine di Pai autorizzerebbe due diversi tipi di operazioni senza licenza. Gli access point e i dispositivi interni a bassa potenza saranno in grado di utilizzare tutti i 1.200 MHz disponibili, ma 850 MHz saranno disponibili per gli access point di potenza superiore.

Un “sistema automatizzato di coordinamento delle frequenze” regolerebbe ulteriormente i punti di accesso a potenza superiore, per impedire loro di interferire con gli utenti storici con licenza dello spettro a 6 GHz. Probabilmente assomiglierà molto alle attuali normative DFS nella banda a 5 GHz, con la netta differenza che gli access point e i dispositivi consumer a bassa potenza, solo per interni, non ne saranno interessati.

Fornire meno restrizioni per il funzionamento di dispositivi a bassa potenza è, a nostro avviso, un fattore chiave per l’uso di successo a lungo termine dello spettro.

Un ulteriore avviso di proposta di regolamentazione per la riunione di questo mese propone di aprire la banda a 6 GHz a dispositivi a bassissima potenza, includendo in particolare e prendendo di mira i dispositivi indossabili di realtà aumentata e realtà virtuale. L’ulteriore avviso cerca di commentare i livelli di potenza e altre “misure tecniche e operative” per la classe separata di dispositivi a bassissima potenza, con la ratifica di eventuali regole su di essi che si verificheranno in una data successiva non specificata.