Perché non voglio diventare uno YouTuber o un Vlogger

397

Amico, inizia a fare video, guadagnerai un sacco di soldi!

Joan, fidati di me, dovresti concentrarti su YouTube!

Non puoi immaginare quante volte ho avuto questa conversazione con amici, lettori o chiunque sia minimamente interessato all’industria negli ultimi due anni.

Oggi Internet, e più specificamente YouTube, è invaso da tonnellate di creatori di video e registi che stanno creando infiniti video di viaggio di ispirazione, che molto spesso tendono a diventare virali e raggiungere, letteralmente, milioni di persone, guadagnando migliaia di $$$ , e facendo sembrare noi blogger di viaggio che non siamo più in gioco.

Sono pienamente consapevole di tutti i vantaggi diretti di essere sulla piattaforma video più popolare e penso che il video sia un modo particolarmente carino per mostrare il mondo e raccontare alle persone i tuoi viaggi, soprattutto perché viaggiare è altamente visivo e il video è il modo più efficace per trasportare il tuo pubblico in una particolare destinazione.

Tuttavia, non voglio ancora gestire un canale YouTube.

Voglio dire, ovviamente mi piacerebbe averne uno di successo – e ho un molto piccolo con meno di 20 iscritti – ma in questo preciso momento ho obiettivi e ambizioni diversi.

Oggi voglio dirvi perché.


Motivi per cui probabilmente non diventerò mai uno YouTuber

Ecco i miei motivi:

1 – Un piccolo chiarimento: il Vlogging non può sostituire il blog

Sai quante volte mi è stato detto:

Joan, i video sono il futuro, perché non sei su YouTube?

Questo è l’equivalente di dirmi:

Joan, stai diventando obsoleta, vai su YouTube o muori!

I video di viaggio stanno decisamente crescendo nel pubblico, ma la conclusione di cui sopra è estremamente sbagliata, ed è sbagliata perché entrambi i modi di comunicazione hanno scopi completamente diversi. Entrambi sono validi, ma hanno obiettivi diversi.

Da un lato, la maggior parte dei video di viaggio sono pubblicati per puro intrattenimento o, nel migliore dei casi, servono a uno scopo di ispirazione.

D’altra parte, quei post di blog che ricevono migliaia di visitatori vengono solitamente pubblicati per fornire consigli utili e attuabili, che servono a uno scopo puramente pratico.

In realtà lo vedo come un processo logico. Innanzitutto, le persone scoprono una determinata destinazione su YouTube e poi la cercano su Google.

In effetti, penso che i grandi account YouTube mi stiano avvantaggiando indirettamente perché, quando pubblicano un video di viaggio sulla Siria, ad esempio, raggiungendo centinaia di migliaia di spettatori, coloro che sono interessati a viaggiare lì in seguito cercheranno su Google tutte le informazioni relative al viaggio in Siria, potenzialmente trovando il mio guida di viaggio completa.

So che alcuni vlogger pubblicano video in cui danno X consigli per viaggiare verso una certa destinazione, ma non c’è modo che, in un video di 10-20 minuti, possano coprire tutti i dettagli e le informazioni scritte in un’enorme guida di viaggio , come nessun modo.

Questo ragionamento, tuttavia, dà a noi blogger una lezione inestimabile.

Se vogliamo essere parte del gioco e sopravvivere a lungo termine, dobbiamo concentrarci esclusivamente sullo scopo che i video di viaggio non possono offrire, fornendo contenuti preziosi, utili e penetranti.


2 – Non puoi essere uno YouTuber di successo e un blogger allo stesso tempo

Ogni volta che qualcuno mi chiede perché diavolo non creo video, rispondo sempre:

vorrei avere tempo…

Certo che lo fai! – Alcuni dicono.

Conosci l’enorme quantità di lavoro necessaria per gestire un blog di viaggio a tempo pieno?

Quando non sono in viaggio, lavoro 40-50 ore settimanali, svolgendo un’infinità di attività che vanno dalla scrittura di articoli all’ottimizzazione per i motori di ricerca, marketing di affiliazione e social media, oltre a mantenere tutti i contenuti aggiornati, definire la mia strategia complessiva, seguire corsi e informarsi sulle ultime notizie e aggiornamenti sui blog, perché Internet è in continua evoluzione.

Lavoro quasi quanto nel mio precedente lavoro aziendale, anche se eseguo in outsourcing molte attività che richiedono tempo come scrivere articoli specifici, tradurre, correggere bozze, modificare foto e assolutamente tutte le cose tecniche. Tuttavia, la mia lista di cose da fare è come un buco nero.

Ora, se mai volessi diventare un vlogger, dovrei imparare tante abilità da zero, e non solo fare video e post-editing, ma dovrei imparare a gestire un’intera nuova piattaforma, con tutto il marketing coinvolti dietro di esso.

Essere uno YouTuber è un altro lavoro a tempo pieno e non c’è modo che io possa fare entrambe le cose, non se voglio almeno avere una vita sociale. In realtà, penso che ci siano pochissimi blog “di successo” che gestiscono anche un canale YouTube “di successo” e, se ce ne sono, sono probabilmente coppie ognuna delle quali gestisce una piattaforma specifica.

regione del Tigray


3 – Non a tutti piace guardare i video

Per quanto incredibile possa sembrare, non a tutti piace guardare i video, incluso me stesso.

Non guardo mai i video di YouTube, mai. Voglio dire, ne ho guardati alcuni di amici e YouTuber che conosco per curiosità, ma non mi piacciono molto perché non ho pazienza e preferisco leggerlo.

Non è niente di personale, davvero, probabilmente hai fatto un lavoro eccezionale, ma semplicemente non mi piace, così come non mi piace nemmeno guardare i documentari. Adoro guardare i film però!

E, come me, ci sono molti altri là fuori che appartengono ancora alla vecchia scuola e preferiscono leggere le avventure di qualcuno sul loro blog.


4 – Amo lavorare nell’ombra, senza pressioni

Se mi segui da un po’, probabilmente sai che non sono un grande fan dei social media.

Mi piace condividere alcuni video su un viaggio in corso su Storie di Instagram ma a parte questo, sai che tendo a prendermi lunghe pause sui social media, a volte pause di diversi mesi, e questo perché non mi piace tutta la pressione che comporta la gestione di un account Instagram, cercando sempre di dimostrare qualcosa al tuo pubblico, infine facendo di te uno schiavo a esso.

Tuttavia, quando non scrivo sui social media, sto lavorando duramente dietro le quinte, sul sito web di Against the Compass stesso, qualcosa che mi piace davvero, perché posso stare da solo, senza alcuna pressione, e l’unica cosa sociale Mi devo preoccupare di inviare e rispondere alle email, perché sono molto attivo sulla posta elettronica; molto vecchia scuola, lo so, ma l’email marketing è estremamente efficace, molto più di social media.

E un concetto simile si applica all’essere uno YouTuber.

Da un lato, essere uno YouTuber implica anche essere una personalità nota, il che significa che, oltre alla tua attività/vlog, devi anche preoccuparti del tuo marchio personale, che aggiunge solo più pressione e cose di cui preoccuparsi.

D’altra parte, quando tu viaggiare a lungo termine (e probabilmente anche a breve termine), hai giorni buoni e giorni cattivi, come nella vita reale. Ci sono giorni in cui ti svegli con una vera faccia di merda e, in quel preciso giorno, mi chiedo come facciano i vlogger ad avere la forza e la motivazione per sorridere e parlare davanti a una telecamera. So che dipende solo dalla tua personalità, ma di certo non potrei.

Inoltre, viaggiare è la mia passione e a volte sento che essere un blogger di viaggi fa schifo perché non mi permette di godermi sempre il momento, dato che ho bisogno di preoccuparmi costantemente di scattare le foto giuste, scrivere appunti, capire tutte le informazioni che ho avrebbe poi incluso nelle guide di viaggio, e anche andare in posti dove non sarei andato se non fosse stato per il mio blog.

Per me, questa è la parte peggiore del blog di viaggio e credo che, come creatore di video, la quantità di lavoro coinvolta sia ancora di più, come molto di più, dal momento che devi filmare e documentare costantemente il tuo viaggio.

Mi sto divertendo con la gente del posto in Arabia


5 – Fare video non mi rende felice

Onestamente, non mi piace creare video.

Quando ho viaggiato nel Corno d’Africa, visitando l’Eritrea, Somalia e Etiopia, in realtà ho pensato di fare video di viaggio. Ho persino comprato l’ultima videocamera GoPro – che è stata rubata tra l’altro – e ho un sacco di clip in attesa di essere modificate, soprattutto dal primo mese di viaggio, perché più giorni ho viaggiato, meno motivazione ho avuto per le riprese.

Ho provato a guardare tutti quei video molte, molte volte, ma non ho mai trovato il tempo per modificarli.

La scorsa settimana ho anche provato a mettere insieme alcune clip del giorno in cui ho guidato la Treno del minerale di ferro in Mauritania, ma è un compito che inevitabilmente è finito nella mia lista di cose da fare, soprattutto perché so a malapena come usare Final Cut Pro, e sento che avrei bisogno di settimane per imparare a usarlo, e il problema è che non ho il tempo né la motivazione per farlo.

Ci proverò 🙂 perché sarebbe davvero bello avere alcuni video per completare i miei articoli.


6 – Ho diversi progetti, a partire da ATC Expeditions

Il vlogging è un modo così carino per guadagnarsi da vivere con i tuoi viaggi, ma lo sono anche i blog e molti altri progetti correlati.

Infatti, mentre il mio piano a breve termine sta ancora migliorando e creando sempre più contenuti per Against the Compass, voglio iniziare a gestire i miei tour.

Questo nuovo progetto, che sarà direttamente allegato al blog si chiama Contro la bussola SPEDIZIONI, e la nostra prima SPEDIZIONE è sarà in Kurdistan, nel maggio 2021.

Alla fine, mi piacerebbe avviare una mia agenzia di viaggi, ma il progetto è ancora in una fase molto embrionale e le prossime spedizioni sono solo dei test.

Questo è qualcosa che mi motiva veramente e mi rende molto felice, il motivo per cui creare un canale YouTube non è la mia ambizione al giorno d’oggi.


Conclusione

Questo articolo era una semplice opinione e tutti quei motivi sono direttamente correlati alla mia personalità e ai miei obiettivi personali, che possono differire dai tuoi.

Il vlogging è un modo fantastico per documentare i tuoi viaggi, così come i blog, e non ho altro che rispetto per i creatori di video di talento.