8 motivi per visitare Palermo, Sicilia

15

Palermo è la capitale dell’isola italiana di Sicilia, che si trova immersa nel luccicante Mediterraneo appena fuori dalla “punta” dello “stivale” italiano. La stessa Palermo ospita mosaici bizantini, cupole affrescate, cupole arabeggianti, il più grande teatro dell’opera d’Italia e un numero crescente di bar e ristoranti di nuova scuola. Fiammeggiante ed esuberante, promettente ma ancora sotto i radar della maggior parte dei turisti, Palermo è il posto dove andare per un’autentica fetta di vita siciliana. Il nostro scrittore Scott e sua moglie sono stati in visita alcuni mesi fa.

Quando inizialmente avevamo programmato il nostro viaggio a Palermo, avevamo inizialmente programmato di usarlo solo come base per esplorare il resto dell’isola, principalmente l’Etna, Catania e alcune altre città situate sull’isola. Anche se durante il nostro viaggio ci siamo innamorati del capoluogo siciliano e in realtà ci siamo rimasti per tutto il nostro soggiorno. Abbiamo persino scritto a matita un viaggio di ritorno a settembre. Ecco perché ci siamo innamorati del fascino vibrante e rustico di Palermo e perché penso che lo farai anche tu …

Spiaggia di Mondello

La spiaggia di Mondello è la spiaggia principale di Palermo ed è davvero bella. La piccola località balneare – ufficialmente classificata come un sobborgo della capitale – è benedetta dalla soffice sabbia chiara e dalle acque cristalline turchesi ed è considerata un paradiso sia dalla gente del posto che dai visitatori. L’autobus può essere affollato, soprattutto durante il tragitto, quindi assicurati di saltare su uno veloce e tieni anche presente che la spiaggia può diventare molto affollata durante i mesi estivi. È un ottimo posto per distendersi, rilassarsi, godersi qualche drink e sfruttare al massimo il bel tempo che la Sicilia è solitamente benedetta, onestamente, è beata.

L’architettura

Palermo ha una storia lunga e interessante e i Mori hanno un’influenza forte ed evidente nei loro meravigliosi edifici. Alcuni punti salienti architettonici includono la Cattedrale di Palermo del XII secolo conosciuta ufficialmente come “Santa Maria Assunta” e ospita le imponenti tombe reali. In alternativa, puoi visitare l’elegante Teatro Massimo neoclassico, dedicato al re Vittorio Emanuele II ed è il terzo teatro lirico più grande d’Europa. È noto per le rappresentazioni liriche e può ospitare quasi 1500 persone ed è ufficialmente il più grande teatro d’opera in Italia – il che, considerato il concorso, è un vero riconoscimento! Ci sono un paio di buoni tour disponibili, incluso uno sulla terrazza sul tetto. Un altro luogo imperdibile è il bellissimo Palazzo dei Normanni, il Palazzo Reale della capitale, costruito nel IX secolo e sede della Cappella Palatina: assicurati di non andartene senza aver visto il loro

Lo street food e la vita notturna

Mentre il sole tramonta, Palmero sembra davvero prendere vita e durante la sera si respira un’atmosfera davvero frizzante sia nei bar che lungo le strade. Mentre giravamo per la città, sono rimasto sbalordito dal numero di bancarelle in diverse piazze che hanno barbecue che cucinano cibo da strada fino a tarda notte. C’era un’intera gamma di cibo in offerta, comprese prelibatezze che la maggior parte delle persone sarebbe probabilmente disposta a provare. Come l ‘”Arancina”, ad esempio, le famose polpette di riso siciliane fritte che venivano vendute a circa 1,50 €. In alternativa, potresti optare per lo “Sfincione”, una spessa pizza siciliana con acciughe, formaggio, cipolle e un po ‘di origano o un’altra “Panelle” preferita che sono delle deliziose frittelle di ceci fritte. Per i viaggiatori più avventurosi c’è sempre il Pani ca ’meusa che letteralmente significa” pane con la milza “. Puoi aggiungere limone e sale o un po ‘di formaggio se vuoi e anche se suona orrendo potresti rimanere sorpreso!

I ristoranti

Ci sono così tanti ottimi ristoranti a Palermo – sono lieto di dire che non abbiamo mangiato neanche un brutto pasto durante il nostro viaggio. Abbiamo provato a scegliere ristoranti che avevano il simbolo di Addio Pizzo che è un collettivo di aziende che si sono rifiutate di pagare soldi alla mafia. Con Palermo che si trova sul mare e la Sicilia come un’isola, il pesce è fresco e delizioso come ci si aspetterebbe. La buona notizia è che vale la pena provare anche i piatti di carne, soprattutto la grigliata mista, se si vuole una pausa dal mangiare pesce. Molti ristoranti offrono un menu fisso sostanzioso e gustoso per un prezzo compreso tra € 20 e € 30 ea volte è anche leggermente inferiore.

Per un pasto più esclusivo abbiamo adorato Casa del Brodo dal Dottore, è famosa per la loro zuppa e le persone vengono persino a bere la loro zuppa quando sono malate. Se stai cercando un pasto più economico ma comunque di alta qualità, ti consiglio l’ottimo Ferro Di Cavallo in Via Venezia. Può essere molto affollato, ma non lasciarti scoraggiare dalle code: vale la pena aspettare!

I mercati vivaci

I loved the slice of local life that the bustling markets offered here and there are numerous markets in Palermo with the main ones being Ballaro, Mercato di Capo, La Vucciria and Antique Market at Piazza Peranni. As I mentioned before La Vucciria is a great place to go in the evenings for food and bars, but during the day it’s also home to market stalls selling seafood, herbs and local produce (up until 2pm from Monday to Saturday). Ballaro is a very large market which is primarily a food market but it also sells discounted clothes too and this place is very popular with locals. Our personal favourite was Mercato di Capo which sold food and clothes but is also a great place to stop for some street food and a beer – it seemed like you could find any type of food that you wanted here. There is also an antique market at Piazza Peranni which offers a mix of good quality antiques and cheaper knick-knacks with the latter making good souvenirs.

The intriguing Catacombs of the Capuchins

The Capuchin Catacombs of Palermo which is also known as Catacombe dei Cappuccini or Catacombs of the Capuchins are some very interesting burial catacombs.  It is has become a popular and well-known tourist attraction but remains an incredible piece of history. Although I have to warn you, this place is not for everyone! It’s a large catacomb with rows and rows of skeletons and mummies hanging on the wall and some people have called it the ‘Museum of Death.’ I personally found it a very emotional and thought-provoking visit.

The Regional Gallery

This gallery, believed to have been built in the 15th century, is worth visiting just for the architecture alone. There are also some very impressive transitional gothic-renaissance sculptures and the two gems that the gallery proudly exhibits are the Antonello da Messina’s painting ‘Madonna of the Annunciation’ and the anonymous fresco ‘Triumph of Death’ believed to have been created in the mid-15th century. The former was a very moving and atmospheric piece of art – something that any art lover would love. The gallery also holds an excellent collection of work by Sicilian artists dated from between the Middle Ages and the eighteenth century.

Il castello di Zisa

Questo era un castello suggestivo che ha davvero aggiunto al fascino della capitale. È anche in condizioni eccellenti, combina arte moresca e cristiana, ma la prima è una chiara ispirazione. Il 3 luglio è diventato un sito UNESCO e fa parte della Palermo arabo-normanna UNESCO e delle Chiese Cattedrale di Cefalù e Monreale Patrimonio dell’Umanità. Aspettati di vedere un’interessante arte islamica, bellissime fontane e una meravigliosa vista dall’alto. Noterai anche una lapide datata 1148 ed è scritta in arabo, greco, ebraico e latino. Questo edificio mette davvero in risalto il passato multiculturale di Palermo e merita una visita.

Nel complesso Palermo è una fantastica destinazione cittadina assolata lontano dalla folla, anche se la stella della città sembra essere in aumento abbastanza rapidamente. Potrebbe essere meglio visitarlo ora prima che il resto del mondo prenda davvero piede …